HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
IL PRESENTE RACCONTO E' ADATTO AD UN PUBBLICO ADULTO


1

AMORE IN CHAT

L’anima munta
"Mia cara, le sue parole gridano aiuto ed io non
posso sottrarmi, ma sento di non poterla aiutare
se non nella sofferenza, nello strazio di un’anima
che s’è fatta di carne per alleviare le pene
attraverso il bisogno."










CLICCA QUI PER LEGGERE I CAPITOLI PRECEDENTI



 


Mia cara, le sue parole gridano aiuto ed io non posso sottrarmi, ma sento di non poterla aiutare se non nella sofferenza, nello strazio di un’anima che s’è fatta di carne per alleviare le pene attraverso il bisogno. Sento che vuole espiare le colpe attraverso il donarsi, a chiunque non abbia rispetto per il suo ruolo di donna, di moglie, di madre mancata. Da tempo mi chiedo quale siano queste colpe, quale l’infanzia che affolla i ricordi, quale la causa e l’oltraggio per sporcarsi le suole, per impregnarsi di tenebre quelle più scure, che sanno d’insulto e bestemmia al cospetto del seno che candido mostra.

So che non cerca un amante, un uomo ordinario che la rispetti, che inondi di violetta la sua stanza da letto, mentre in penombra le offre dei fiori e la distende e la bacia dopo averle chiesto permesso. So bene che di fronte a questa smania non ci sono parole, non c’è un cavaliere cortese che le faccia la corte, perché quello che cerca è un pretesto di maschio, che degradi la sua essenza borghese, che infanghi quel perbenismo bugiardo e soprattutto la sua bocca che nelle mattine di festa si schiude e si muove per dire preghiere.

So che la eccita dire “Tesoro, ma scherzi?”, a suo marito che chiede e sospetta, mentre lei con gli occhi di pianto, giura e spergiura che è stata sempre fedele, che mai la sua bocca ha ospitato altri maschi, mentre si delizia di quell’ambiguo pudore ed assapora l’ultimo e il prossimo a breve distanza.

Non creda, capisco il senso, ma lei sa bene che io non voglio il suo corpo, non voglio una donna da cinque minuti che dona le sue grazie senza alcuna sostanza. Se vuole donarmi l’anima come ripete da tempo, sappia che la sto aiutando a percorrere interamente la strada, a plasmarla dandole quello che desidera. Esigerò il prezzo quello pattuito, sarò ciò che lei ha sempre cercato, un angelo, un demone a seconda del momento. Scelga liberamente, se vuole continui a vagare, a descrivere dove la porta il desiderio che magari stanotte l’ammantata di niente, per scoprire quanto è gelido un soffio di vento, o quanto è caldo un getto di fiato durante l’amore.

Sarò sempre vicino a lei, ovunque lei voglia. Lasci perdere suo marito, lui non merita la sua anima quando la notte la chiama, perché pochi, lo giuro, apprezzerebbero accanto quest’anima munta che ha bisogno della notte per essere pronta, e mostrarsi incredula a se stessa quando mostra l’offerta, una femmina invasa dalla bellezza di darsi, dalla smania perversa di non farlo per soldi, ma soltanto per gusto e piacere di essere unica.

Le confesso che non ne ho mai viste di donne che si danno al primo chiunque, senza farsi pagare, nella folle ricerca di saziare l’assillo d’un animo inquieto. Davvero vorrei essere lì e vedere i suoi occhi, il sudore che scorre mentre invoca l’amore, il timore che prova, la sfrontatezza che chiede, mentre s’accovaccia nel buio d’un auto in sosta, nel momento che aspetta o subito dopo, quando un maschio s’adagia, dietro o davanti è poco importante, se la foga e la rabbia ammansiscono insieme la carne che offre.

Vorrei vederla mentre ostenta la sua misura abbondante, il sogno di un uomo che diventa reale, non importa la parte su cui si concentra, destra o sinistra cosa vuole che valga? Perché dentro un seno di donna c’è l’anima tutta, l’essenza e l’origine, il nutrimento di madre, la sostanza che conserva la specie. Vorrei essere lì e spiarla che ansima e chiede, dentro questa notte diversa da quella romantica e patinata che riempie la luna di baci e promesse. Perché dentro quell’anima c’è un’altra donna che io non conosco, che si alimenta d’amore mentre malferma lo reclama e spera che duri quanto le ore che mancano all’alba, senza che un marito s’accorga dove una moglie ha passato la notte.

Vorrei davvero vederla perché il resto davvero non conta. Chi se ne frega se un temporale improvviso sta scoperchiando i tetti, le case, se da qualche parte del mondo è scoppiata una guerra o un terremoto violento ha donato disgrazie, perché lei è lì che si sta fottendo quel mondo, attenta al suo smalto, al suo rossetto di frale e a tutto ciò che la femmina e regina, incurante di ogni giudizio se quello che conta è sentirsi più viva. Mi sembra di sentirla ora che grida, a quell’anonimo di essere degno del caso, che l’ha fatto passare proprio nel mentre, lei strusciava i suoi tacchi tra un lampione e una siepe, in un angolo buio di una strada al riparo. La sento che grida, che invasata le offre, la bocca o la sua parte migliore per tenerlo in tensione, per sentirlo fin dove in un’altra notte domani, nessuno farebbe altrettanto e di meglio.

La sento, mia cara, che sta pensando che non ci sarà un’altra notte, uguale a quella di ieri, la stessa di domani, perché l’importante è viverle uniche e spaiate senza una storia che le leghi o ne faccia un legame, finché stremata sentirà il piacere misto al disgusto e l’odore di sesso l’accompagnerà fino a casa. Ma non durerà poi tanto, quanto una doccia, quanto cinquanta colpi di spazzola, quanto un “Lo giuro, ma scherzi, tesoro?”, a suo marito ancora che chiede, per poi ritrovarsi da sola più bella allo specchio, che trucca la parte inappagata del cuore, la stessa che sbircia, che aggrazia e poi vede quando alza d’un niente la sua gonna di seta.





 









CONTINUA...


         ELENCO DEI RACCONTI        


 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
TUTTE LE STORIE
Photo Josefine Jonsson












1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1