HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI


1

Adamo Bencivenga
La Conseguenza






Photo David Benhaim
 


Tommaso è nudo appoggiato alla spalliera del letto, sta fumando una sigaretta dopo l’amore e guarda Beatrice che si sta rivestendo in fretta.

Tommaso: Beatrice sei stata fantastica… Più ti guardo e più mi fai voglia…
Beatrice: Amore devo andare… Mi hai fatto fare tardissimo…
Tommaso: Quando stiamo insieme Il tempo passa troppo velocemente… Scommetto che ti piacerebbe farlo ancora…
Beatrice: Sai quanto… ma è tardi, lui mi aspetta.
Tommaso: Che scusa ti inventi?
Beatrice: Non se la beve stavolta, cavolo! È la terza volta che faccio tardi questa settimana ed ho esaurito le scuse, ruota bucata, mamma malata e thè con Cecilia, l’amica che mi regge il gioco.
Tommaso: Alle volte le mezze verità sono più credibili delle bugie.
Beatrice: Dici? Io so invece che la bugia non deve essere per forza credibile, ma coerente con le altre dette in precedenza.
Tommaso: Oh signora, lei mi sembra molto esperta…
Beatrice: Cosa vuoi dire? Non ci provare sai? Tu sei il primo uomo in assoluto che mi abbia fatto perdere la testa!
Tommaso: Se hai esaurito le scuse digli che hai incontrato un amico che non vedevi da tempo… Più sincera di così…
Beatrice: Eh già semplicissimo come bere un bicchiere d’acqua! Ma lo sai che sei ancora un bambino tesoro, devi crescere. Secondo te dovrei ora chiamarlo e dirgli che faccio tardi perché sto scopando con un amico molto particolare?
Tommaso: Ho detto mezze verità.
Beatrice: E che vuol dire? Mezza amante? Mezza scopata? Così quando arrivo a casa mi fa trovare mezza valigia e mi caccia di casa. E poi scusa che faccio?
Tommaso: Tuo marito non accetta che tu abbia un amico maschio? È così all’antica?
Beatrice: Antico è dire poco. Si farebbe subito un bel film in testa… e mi farebbe il terzo grado.
Tommaso: Addirittura?
Beatrice: Posso anche provarci a dirglielo, ma poi che faccio? Vengo a stare qui e mi mantieni tu?
Tommaso: Lo sai che non lavoro… Devo ancora prendere questa cazzo di laurea…
Beatrice: E poi non dimenticarti che ho anche due figli minorenni, che fai te li accolli?
Tommaso: Guardandoti così bella mi sembra assurdo che tu abbia fatto due figli.
Beatrice: Oh grazie sei gentile, ma ti giuro che non sono adottati.
Tommaso: Vorrei essere io un figlio adottato da te.
Beatrice: No no, due figli sono più che sufficienti, e poi tu mi servi come amante.
Tommaso: Rischieremo un incesto vero?
Beatrice: Altroché… Con quel visetto d’angelo mi fai morire. Sei tenero e maschio allo stesso tempo.
Tommaso: Sicura che sia il viso quello che ti fa impazzire di me?
Beatrice: Scemo, lo sai che non è solo quello!
Tommaso: E tu ora mi stai facendo morire… quando ti infili le calze così sei tremendamente erotica.
Beatrice: Ti sono piaciute vero? Ora te lo posso dire, costano un occhio della testa e vengono direttamente da Parigi…
Tommaso: Sì sì, ma tu dimmi che ti piace tanto scopare con me…
Beatrice: Diciamo che senza di te avrei dei forti problemi di astinenza.
Tommaso: Solo per quello?
Beatrice: Oh no, io ti amo tesoro, sono pazza di te. Ormai non potrei più vivere senza di te.
Tommaso: Non esagerare.
Beatrice: Non esagero, ma so che a te questi discorsi danno fastidio…
Tommaso: A me piace pensare che ti affanni per venire da me, che mentiresti pure a Dio per passare due ore con me…
Beatrice: Non ci fare l’abitudine, un giorno o l’altro potrei anche rinsavire…
Tommaso: Sai cosa pensavo prima? Ma come fa tuo marito a non avere voglia di te? Mi sembra incredibile.
Beatrice: Conosci il concetto di minestra riscaldata? Comunque se vuoi chiederglielo… accomodati pure…
Tommaso: Sarebbe interessante sentire la sua risposta.
Beatrice: “Signor Bruno come mai non si scopa sua moglie? Comunque continui così perché ci penso io.”
Tommaso: Chi ha il pane non ha i denti, diceva mia nonna. Meno male che è ricco e tu puoi tranquillamente non lavorare…
Beatrice: Almeno questo! Anche se… se lavorassi avrei qualche scusa in più… qui oltre allo shopping si fa difficoltà a dire cazzate.
Tommaso: E invece io penso che a lui conviene crederti e farti fare la vita da signora così è tranquillo e non deve fare i conti con la propria coscienza.
Beatrice: Anche a me sta bene così, l’importante è che non mi tagli la carta di credito.
Tommaso: Ci credo “Pecunia non olet” diceva il grande Vespasiano…
Beatrice: A proposito di pecunia… ti ho lasciato centocinquanta euro vicino al lavello della cucina. Mi raccomando non farli evaporare come è tuo solito...
Tommaso: Beatrice la tua generosità mi commuove al pari delle tue tette.
Beatrice: Beh dai nonostante abbia superato i quarantacinque sono ancora belle vero?
Tommaso: Grandi e perfette come piacciono a me.
Beatrice: Mica stanno su per volontà divina! lo sai vero quanto spendo per te dall’estetista?
Tommaso: Beh lo fai anche per te no?
Beatrice: Meno male che mio marito foraggia alla grande, altrimenti…
Tommaso: Guarda che non vengo con te per i soldi.
Beatrice: Dai non te la prendere… lo so che non vieni con me per quelli, ma sicuramente potresti avere più scelta. Sei bello e chissà quante ragazzine squattrinate ti girano intorno.
Tommaso: A me piaci solo tu tesoro.
Beatrice: Oggi sei particolarmente romantico, quasi smielato, cosa ti è successo?
Tommaso: Forse ti desidero, che ne pensi?
Beatrice: Ne sono lusingata, non ho mai avuto uomini che dopo due ore d’amore avessero ancora voglia…
Tommaso: Forse era una platea come dire… andata un po’ avanti con gli anni…
Beatrice: Ma non sei contento che questa settimana abbiamo fatto l’amore tre volte?
Tommaso: Ho sempre voglia di te.
Beatrice: Ti stancherai vedrai, ne ho un esempio in carne ed ossa a casa.
Tommaso: Prima lo facevate spesso?
Beatrice: Anche due volte al giorno, la mattina appena svegli e la sera quando i figli non rompevano… poi ad un certo punto ha deciso di appendere il suo pisellino al chiodo e buonanotte ai suonatori.
Tommaso: Pensi che abbia un’altra? Del resto è un uomo di potere chissà quante segretarie belle in tacchi a spillo gli gireranno intorno…
Beatrice: Non credo sai, è troppo pantofolaio per avere un’amante.
Tommaso: E se l’avesse?
Beatrice: Buon per lui…
Tommaso: E come fa?
Beatrice: Ecco questa è un’altra domanda che dovrai fargli, mi raccomando annotale altrimenti te le scordi.
Tommaso: Quindi non sei stata tu a rifiutarlo?
Beatrice: No, ma ora le cose sono cambiate.
Tommaso: Parli di questo?

Lui scopre il lenzuolo e ride.
Beatrice: Copri quel coso altrimenti stasera mi fai divorziare.
Tommaso: Dimmi che lo desideri… ma non ti avvicinare!
Beatrice: Sei una calamita amore… Non nascondo che quando esco di qui sono molto ma molto soddisfatta. Ma non è solo quello, io ti amo lo sai?
Tommaso: Quando ti ho conosciuta già non ci facevi più nulla vero?
Beatrice: Diciamo che sei arrivato nel momento giusto.
Tommaso: Te la ricordi quella sera in quel locale?
Beatrice: E come faccio a scordarmela. Tutto ad un tratto è cambiata la mia vita.
Tommaso: Eri con le tue amiche a quel tavolo, ho buttato un occhio ed ho visto una bomba sexy, le tue amiche neanche le ho viste!
Beatrice: Non è vero, perché ti sei avvicinato ed hai fatto un invito “Urbi et orbi” per ballare. Diciamo che ho preso l’occasione al volo e sono stata la prima ad alzarmi.
Tommaso: Però poi mentre ballavamo non ho perso tempo. E poi con quel tubino corto e scollato, non potevo di certo fallire…
Beatrice: Vero, ci ha provato subito, ma forse avrai pensato: “Se questa non ci sta posso sempre provare con le altre.”
Tommaso: E invece le altre sono andate via e tu sei rimasta con me.
Beatrice: Beh mi avevi già invitata a casa tua ricordi? “Sai ho un loft in centro, possiamo bere qualcosa lì…”
Tommaso: E tu non ti sei fatta scappare l’occasione…
Beatrice: Devo dire che sei stato molto tempestivo… avevo la scusa dell’uscita con le amiche per cui potevo fare tardi. Alle volte bisogna pur reagire all’astinenza…
Tommaso: Me ne sono accorto! Comunque ho avuto una fortuna sfacciata! Abbordare una donna così calda non è da tutti…
Beatrice: E non sapevi che ero anche ricca!
Tommaso: Quella è stata la ciliegina sulla torta, l’amante ricca è il sogno di ogni ragazzo su questa terra.
Beatrice: Dimmi che se fossi stata povera sarebbe stata la stessa cosa. Anche se a volte mi viene il dubbio che fossi lì alla ricerca di qualche signora ingioiellata avanti con gli anni.
Tommaso: Ma dai! Ma cosa vai a pensare?
Beatrice: Dimmi che sei venuto con me solo perché ero bella!
Tommaso: Certo, hai dei dubbi?

Squilla il telefono di lei. La donna fruga nella borsa poi va verso la finestra.
Beatrice: Amore sto arrivando… Carla cosa ha preparato di buono questa sera? Ok ok ora arrivo.
Tommaso: Lo chiami amore?
Beatrice: Questo fa parte del pacchetto chiamato compromesso.
Tommaso: Chi è Carla, tua figlia?
Beatrice: No no è la governante.
Tommaso: Ah ecco allora si spiega tutto… ha un’altra donna in casa…
Beatrice: Ma che vai a pensare… Carla ha sessantasei anni… è l’ex tata di mio marito.

La donna si avvicina per dargli un bacio.
Beatrice: Senti tesoro ora però devo andare, ma mi spiace lasciarti così… Sei incontentabile.
Tommaso: Non ti sto trattenendo.
Beatrice: Hai ragione scusa, ma con quel coso ancora così super efficiente… Mi fa voglia sai…
Tommaso: Mi sa che sei tu l’incontentabile…

Lui fa finta di afferrarla…
Beatrice: No! Cavolo devo andare… No, non baciarmi ho messo il rossetto.
Tommaso: Tesoro, ma non ti sto baciando, volevo solo vedere la tua reazione. Comunque profumi d’amore.
Beatrice: Davvero? Aspetta metto un po’ di profumo.
Tommaso: No, non metterlo mi piace che sai di sesso quando torni a casa. Mi intriga…
Beatrice: Tu sei pazzo. Pensa solo cosa potrebbe dirmi.
Tommaso: Che sei una…
Beatrice: Non dirlo sai! Quelle paroline le accetto solo in determinati momenti…
Tommaso: Quando sei bollente e ti abbandoni a me è un piacere anche per me dirle…
Beatrice: Tu davvero mi ci stai facendo diventare… una di quelle… quando sono lontana da te ho sempre quel pensiero fisso…
Tommaso: Ovvero? Pensi a lui?
Beatrice: Certo che ci penso, lo vorrei sempre con me, ma ho anche paura che qualcun’altra ne possa apprezzare le doti.
Tommaso: Pensa a te cherì e a quanto mi attrai, mi sembra che finora lui non si sia mai risparmiato… Per cui non hai modo di essere gelosa.
Beatrice: Cosa vuoi dire? Che finché facciamo l’amore non devo preoccuparmi?
Tommaso: Quello che ho detto, ma dai ora vai, sia mai che dovessi ospitarti stanotte.
Beatrice: Solo stanotte?

Beatrice guarda l’orologio, Tommaso il telefono.
Beatrice: Tesoro hai ragione, ora devo proprio scappare.
Tommaso: Ok… ci sentiamo domani. Non ti accompagno alla porta, ormai sei la padrona di casa qui…
Beatrice: Non sei contento che hai un’amante che ti viene a domicilio e poi non sei costretto ad accompagnarla?
Tommaso: Benedico il giorno quando ti ho conosciuta. Bella, attraente, signora disponibile e moglie in astinenza.
Beatrice: Eh già, hai fatto un terno a lotto, io ci metterei anche che sono ricca.
Tommaso: Questo non guasta mai, anche se spero di guadagnarmi la tua generosità.
Beatrice: Non potrei più fare a meno di te tesoro, però ricordati che sei mio e quel coso tra le tue gambe ancora sveglio è di mia proprietà.
Tommaso: Non mi spiace affatto l’idea!
Beatrice: Alle volte mi chiedo come fai a stare con me, tu ami le ragazzine bionde, alte, stile lampione senza tette… Al contrario di me che sono mora, bassina, rotondetta e tettona.
Tommaso: Se non amassi le tue forme tu non saresti qui ora.
Beatrice: Ci voglio credere, ma se dovessi scoprire che esci anche con altre ti ammazzo! E in particolare con le tue coetanee, perché non avrei armi con cui combattere.
Tommaso: Ma che dici? Lo sai che a me piacciono solo le donne della tua età e tu sei il massimo.
Beatrice: Ci pensi mai che ho solo cinque anni meno di tua madre?
Tommaso: Anche se fossi sua coetanea a me non interesserebbe nulla.

Lei si infila il soprabito.
Beatrice: Grazie tesoro mi mandi a casa tranquilla. Peccato però che non ci possiamo sentire la sera, mi piacerebbe augurarti la buonanotte e magari farlo anche al telefono...
Tommaso: Fai la brava… mandami un messaggino prima di addormentarti e non preoccuparti io non rispondo.
Beatrice: Vai dai tuoi a cena?
Tommaso: No… sono stanco, stasera mangio un boccone davanti alla tv, mi vedo la mia serie preferita e poi mi metto subito a nanna, sai che la prossima settimana ho il penultimo esame.
Beatrice: Hai già dei progetti?
Tommaso: Mio padre insiste che vada a lavorare con lui.
Beatrice: Beh lui è un architetto famoso…
Tommaso: Vuole che vada a lavorare nella sua azienda di designer, ma purtroppo è anche avaro per cui vuole che prima mi laurei e nel frattempo mi fa vivere con una paghetta da fame.
Beatrice: Sì vabbè, non ti lamentare però. Quale ragazzo della tua età ha a disposizione un loft così elegante e suggestivo? E poi ci sono sempre io no? Cercherò di essere più generosa…
Tommaso: Grazie Beatrice, in questo periodo ne ho davvero bisogno. Comunque non mi lamento, anche se considero questi studi una perdita di tempo, visto che potrei già essere indipendente.
Beatrice: Dai vedremo tesoro, è solo questione di tempo, così quando sarai laureato avremo più tempo per noi e se mi organizzo potremmo uscire qualche volta la sera a cena.
Tommaso: Dai poi ci penseremo, ma non voglio che tu rischi per me.
Beatrice: Tranquillo ho la testa sulle spalle. E mi piacerebbe uscire a cena con te. Ti rendi conto? Un’uscita insieme come due fidanzatini, non lo abbiamo mai fatto tranne quella sera quando ci siamo conosciuti.
Tommaso: Credi a me non piaccia? Ci penseremo a tempo debito!
Beatrice: Dai dimmi che lo faremo, amore… magari ci scappa anche una passeggiata romantica mano per la mano sulla spiaggia a piedi nudi…
Tommaso: È inutile ora! Quando sarà vedremo…
Beatrice: Cos’hai tesoro? Ti stranisce il pensiero? Oppure ti vergogni di me…
Tommaso: Ma che dici? Farei un figurone accanto a te!
Beatrice: Troppo anziana o grassa?
Tommaso: Smettila con le tue fisse, per favore.
Beatrice: Guarda che se mi metto in tiro…
Tommaso: Non ce n’è bisogno… Tu sei bella anche nuda.
Beatrice: Grazie amore… ma non mi prendere per bambina, mi piace fantasticare. A volte vorrei che mio marito fosse al corrente ed io fossi libera di amarti, ma penso che l’importante per ora sia stare insieme, vero?
Tommaso: Ecco, poi vedremo, per ora va bene che tu mi venga a trovare il pomeriggio qui.
Beatrice: Beh certo l’amore tra noi è qualcosa di meraviglioso… ma non vorrei che fosse solo quello. Poi ti stanchi di me.
Tommaso: Non mi stanco. Te l’ho detto.
Beatrice: Ok ora vado.

La donna si avvicina di nuovo e lo bacia.
Beatrice: Trattienimi dai…
Tommaso: Pazza… devi andare.
Beatrice: Vuoi ancora baciarmi le tette? Le desideri tanto vero?
Tommaso: Ti desidero tutta.
Beatrice: Allora dimmelo, anche se devo andare.
Tommaso: Se te le bacio poi non vai più via e fai tardi…
Beatrice: Dai, dimmi che sono la tua… che mi vuoi scopare così ora, anche vestita. Dai alzati vieni qui, io faccio finta di scappare e tu mi afferri e lo facciamo in piedi vicino alla porta.
Tommaso: Tesoro ora no dai, e poi mi è passata la voglia…
Beatrice: Ma perché? Cosa ho fatto? E poi non ci credo, sei ancora eccitato!
Tommaso: Ho solo paura che tu faccia tardi…
Beatrice: Non dirmi che c’è un’altra dietro la porta che sta aspettando e dopo che sono uscita...
Tommaso: Ti prego Beatrice, basta…
Beatrice: Hai ragione… Ti preoccupi che faccio tardi, sei un amore…
Tommaso: Dai ora vai.
Beatrice: Ok. Ciao tesoro.
Tommaso: Ciao, chiamami domani.
Beatrice: Sì ti chiamo io. Ma dimmelo che mi ami…
Tommaso: Si Beatrice ti amerò per tutta la vita!

Beatrice chiude la porta. Tommaso aspetta di sentire il rumore della macchina di Beatrice che si allontana, poi prende il telefono e chiama:
“Amore, scusa se non ti ho chiamata prima, sono stato impegnato con mio padre, l’ho aiutato in azienda e mi sono guadagnato qualche soldino. Come sta tuo padre? Sai che domenica andiamo allo stadio insieme? Tu cosa hai fatto oggi? Hai studiato? Dai che anche a te manca solo un esame e poi penseremo in grande… Ascolta, avverti tua madre che stasera esci con me. Cinema, cena e dopo cena qui a casa mia, ok? A dopo tesoro.”






FINE







 

 
FINE





 
 
 




Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..

© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA


© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore















1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1