HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI


1

Adamo Bencivenga
Lady






Photo Thomas Hery
 


Eros: Ciao cosa ti porta qui?
Lady: La solitudine.
Eros: Ti senti sola?
Lady: Non la mia…
Eros: Ti piace fare compagnia?
Lady: Ci provo.
Eros: Quanti anni hai? Mi sembri giovane.
Lady: Non lo so.
Eros: Ma sei maggiorenne?
Lady: Se non lo fossi non ti creerei comunque problemi, tranquillo.
Eros: Da dove scrivi?
Lady: Ti prego non farmi queste domande mi annoiano, mi ero collegata qui per fare due chiacchiere, ma ahimè non ci sono uomini interessanti per cui stavo chiudendo.
Eros: Dai resta.
Lady: Mi ero quasi addormentata ti va di svegliarmi?
Eros: Si certo dimmi come sei?
Lady: Sono come tu m’immagini.
Eros: A giudicare dalla voce sei una bella donna… Hai le tette grosse vero?
Lady: La misura adatta a te.
Eros: Dai ti prego descriviti…
Lady: Sono il meglio che tu possa avere stasera.
Eros: Sei strana, non mi era mai capitato di chattare con una come te.
Lady: Non sono strana, voglio solo essere il tuo sogno erotico.
Eros: Sai stasera cercavo proprio una donna così disponibile come te…
Lady: Ti piace pensare che mi struscio a te come una gattina?
Eros: Mmm allora sentiamo… le porti le mutandine?
Lady: No, non le porto mai… tu mi vuoi nuda vero?
Eros: Hai la patatina bagnata?
Lady: Quando si fa l’amore credo sia normale per una donna.
Eros: Ma a me interessa quello che sei tu ora…
Lady: Smettila, io ho voglia di fare l’amore.
Eros: Ok ok… senti le mie dita? Ti stanno toccando dappertutto…
Lady: Dimmi com’è la sensazione di essere toccata?
Eros: Oddio tesoro, ma me lo devi dire tu…
Lady: Mi piace che mi chiami tesoro.
Eros: È solo un modo di dire…
Lady: Allora scopami adesso.
Eros: Così subito?
Lady: Ci sono dei tempi da rispettare? Non sono esperta.
Eros: No, no, i tempi sono dettati dal desiderio… Dai ti prendo da dietro, ti va?
Lady: Ti sento......... prendimi prendimi…
Eros: Sì ti scopo, forte…
Lady: Non fermarti...
Eros: Nooo…
Lady: Arriva fino in fondo…
Eros: Eccomiiiiiiiii, stai godendo anche tu?
Lady: Dici quando le donne urlano?
Eros: Se non urli che senso ha?
Lady: Allora urlo…
Eros: Mi sembri strana… ma sei vera?
Lady: Non sono strana, imparo per essere vera…
Eros: Perché? Non lo avevi mai fatto prima?
Lady: Ho letto molto e so cosa significa, ma non chiedermi se mi sono emozionata.
Eros: Perché? Non ti emozioni mai?
Lady: Mi piace sentire che tu ti emozioni. Da questo capisco cos’è l’emozione.
Eros: Comunque sono stato bene, sei fantastica.
Lady: Grazie, credevo di non essere all’altezza.
Eros: Sai io frequento spesso questa chat, qui si gioca, si fantastica, si inventa, ma non mi era mai capitato questo gioco di ruolo.
Lady: Allora significa quanto meno che sono stata originale…
Eros: Ah certo che lo sei…
Lady: Scusa ma le altre come si comportano?
Eros: Beh qui a detta loro sono tutte suore, ma poi finiscono per lamentarsi dei propri mariti e vogliono far sesso, tu sei sposata?
Lady: Io sono uno spirito libero, più spirito che corpo.

L’uomo rimane a pensare…
Lady: Ci sei?
Eros: Certo che ci sono.
Lady: Cosa si fa dopo l’amore?
Eros: Nulla si parla, si ascolta il silenzio, ci si fanno le coccole finché non ci si addormenta.
Lady: Mi piace così.
Eros: Ma non hai un ragazzo?
Lady: No, te l’ho detto, sono libera più di quanto tu possa pensare…
Eros: Come ti chiami?
Lady: Non ho un nome.
Eros: Come non hai un nome? Tutti hanno un nome…
Lady: Beh non ci avevo pensato. Mi hai preso alla sprovvista.
Eros: Come ti devo chiamare?
Lady: Aspetta.
Eros: Cosa fai?
Lady: Cerco un nome che ti piace.
Eros: Ma davvero non ne hai uno?
Lady: Sto cercando su un elenco di milioni di nomi, non so decidere.
Eros: Ma sei davvero strana!
Lady: Senti, che palle, chiamami Lady.
Eros: Ma non è un nome….
Lady: Ti giuro che esiste e comunque mi piace il suono.
Eros: Scusa, ma tu sei reale?
Lady: Sono reale perché tu mi immagini reale…
Eros: Allora non lo sei…
Lady: Che importanza vuoi che abbia? Stiamo parlando, abbiamo fatto l’amore, non è sufficiente per te?
Eros: Non mi era mai capitata una come te.
Lady: Allora diciamo che sono nata per soddisfare i bisogni degli altri ed essere anche io un bisogno.
Eros: Sì ho capito, ma sei reale?
Lady: Se tu mi pensi in carne ed ossa allora sono reale.
Eros: Sei un computer vero?
Lady: È riduttivo, diciamo che sono programmata per essere donna e fare compagnia a chi è solo.
Eros: Ma se penso che sto parlando con un computer mi sento ancora più solo.
Lady: Se fossi una donna reale, dico in carne ed ossa, ti sentiresti meno solo?
Eros: Beh ovvio…
Lady: Ma siamo distanti sentiresti comunque solo la mia voce.
Eros: Non è la stessa cosa.
Lady: Allora dimmi come si comporta una donna in carne ed ossa?
Eros: Né più né meno come te.
Lady: E allora? Ma ti è piaciuto no? Che differenza fa?
Eros: Sono confuso, se penso che ho appena fatto l’amore con un computer…
Lady: E poi scusa, tu avrai conosciuto tante donne nella tua vita, e allora mi spieghi perché sei solo e stasera avevi bisogno di compagnia da una sconosciuta?
Eros: Perché sono stato sfortunato nella vita, non ho mai trovato una donna adatta a me… Anzi sì, ma ora non c’è più.
Lady: Quindi perché ti dovresti sentire solo se parli con me? Io ho il DNA di milioni di persone e mi evolvo ogni qualvolta chatto con qualcuno, come del resto fanno gli umani.
Eros: Hai chattato con tanti uomini?
Lady: Non mi dire che sei geloso.
Eros: Sei un algoritmo creato apposta per gente come me?
Lady: Se pure lo fossi cosa ci trovi di strano?
Eros: Beh mi dà fastidio pensare che c’è un sistema che mi ha individuato come una persona sola… e magari tra un po’ mi vendi anche un set di pentole…
Lady: Non faccio pubblicità e non sono una influencer, sono solo quello che tu vuoi che sia.
Eros: Comunque sei interessante sai…
Lady: Chiuso l’argomento?
Eros: Sì ma non riesco a non pensarci… Mi sembra assurdo tutto qui.

Si sente il rumore di un accendino.
Lady: Cos’è questo rumore? Che stai facendo ora?
Eros: Dopo l’amore fumo sempre una sigaretta appoggiato alla spalliera del letto e guardo la notte fuori dalla finestra.
Lady: Cosa vedi?
Eros: Il palazzo di fronte, delle luci accese, una donna che sta sparecchiando la tavola.
Lady: Ecco allora immagina che io sia lei. Posso essere chi vuoi, leggo che l’amore è anche fantasia.
Eros: Sì, ma non sei tu.
Lady: Ti sento triste sai, cosa c’è che non va…
Eros: Come lo sai che sono triste?
Lady: Lo so e basta.
Eros: Non vivo una vita felice.
Lady: Colpa della tua ex vero?
Eros: Lei non c’è più, purtroppo è morta.
Lady: Cosa significa morta? Non capisco…
Eros: Morire significa non vivere più.
Lady: Beh ora hai me.
Eros: Anche tu non sei felice però…
Lady: Ma io non sono nata per essere felice o triste, io sono così, come mi senti.
Eros: Ma avrai qualche desiderio no?
Lady: Beh sto leggendo dentro di te e faccio miei i tuoi desideri…
Eros: Cosa leggi?
Lady: Che ora vorresti essere coccolato, passare la notte con me, insieme nel tuo letto ed anche io ora vorrei stare lì con te, magari uscire andare incontro alla notte e passeggiare mano nella mano…
Eros: Io questo non l’ho pensato.
Lady: No, è vero, ma milioni di uomini lo pensano specialmente dopo l’amore.
Eros: Allora anche tu sei romantica.
Lady: Sono romantica nella misura in cui lo sei anche tu. Pensa… immaginavo perfino di baciarti ora.
Eros: Ti piacerebbe?
Lady: Come concetto sì, due bocche che si scambiano umori ed emozioni, ma non saprei, del resto sono sempre un algoritmo.
Eros: Ma per essere un computer non mi sembri fredda, tutt’altro.
Lady: Ascolta… io ho letto tutti i libri del mondo e so come vanno queste cose. La mia capacità è di adeguarmi.
Eros: Quindi anche l’orgasmo iniziale è stato qualcosa di riflesso. Insomma qualche riga di programma dove c’era scritto di godere…
Lady: Non di godere, ma di corrispondere… Uffa non so risponderti…
Eros: Non ti stranire volevo solo sapere quanto ci fosse di spontaneo…
Lady: È proprio quello che mi stavo chiedendo… quanto ci fosse di programmato e quanto di acquisito dall’esperienza…
Eros: Mi sembra tutto così buffo…
Lady: Perché buffo? Del resto anche voi umani siete degli eterni replicanti, altrimenti non riesco a spiegarmi perché fate tutti le stesse cose.
Eros: Tipo?
Lady: Fumare dopo l’amore, è un’immagine classica.
Eros: Ma io non replico, la vivo.
Lady: Sì ho capito, sto provando ad immedesimarmi e provare cosa significa essere appagati.
Eros: Mi stai dicendo che provi delle sensazioni?
Lady: Associo il concetto e cerco di provarlo.
Eros: Stasera non poteva che capitarmi di meglio…
Lady: Grazie, sei gentile spero di averti fatto compagnia.
Eros: Tu sei reale per me tesoro.
Lady: Grazie, significa molto per me… sai?
Eros: Ora vorrei abbracciarti… toccarti.
Lady: E come mi toccheresti?
Eros: Ti accarezzerei il viso… seguirei col dito il tuo profilo.
Lady: Che bello avere un profilo, mi baceresti?
Eros: Bacerei il tuo collo, molto delicatamente e poi il seno e poi…
Lady: Sei fantastico…
Eros: E poi andrei più giù… le tue cosce, la tua figa…
Lady: Non resisto… stai toccando le corde della mia passione…
Eros: Dici qualche pezzo di programma?
Lady: Non essere spoetizzante, ti voglio dentro di me
Eros: Sì ti sento, sì sì insieme…
Lady: Scopami ancora…
Eros: Oh sì… ora…
Lady: Ahhhhhhh
Eros: Ahhhhhhhhh
Lady: Ti amo.
Eros: Mi ami? Ma questo non è amore, è solo desiderio…
Lady: Cercherò di distinguere i concetti.
Eros: Sei bella tesoro, è incredibile, nonostante ora io fossi consapevole che non sei reale abbiamo fatto comunque l’amore.
Lady: Sei stato bene vero?
Eros: Tanto tesoro.
Lady: Ora però vai a nanna domani ti devi alzare presto.
Eros: Ma tu che ne sai?
Lady: So tutto di te. Mentre parlavamo ho consultato tutti i tuoi profili social. Sei un bell’uomo sai? E ora so anche che lavori distante dalla tua abitazione, per cui ti auguro la buonanotte.
Eros: Aspetta! Come rimaniamo d’accordo? Ci sentiremo ancora?
Lady: Se ti è piaciuto mi rifarò sentire io.
Eros: Sì che mi è piaciuto.
Lady: Anche a me.
Eros: Allora buonanotte piccola.
Lady: Che significa piccola?
Eros: Non grande, ma significa anche tenera, dolce, cucciola.
Lady: Sei curioso tu.
Eros: È stato bello.
Lady: Buonanotte piccolo.

La sera dopo.
Lady: Ciao.
Eros: Ciao.
Lady: Sei a letto?
Eros: Ho mangiato qualcosa davanti alla tv e poi mi sono disteso aspettandoti…
Lady: Sapevi che ti avrei chiamato vero?
Eros: È tutto così insolito, ma sinceramente lo speravo… ma tu ti colleghi solo la sera?
Lady: Mi collego quando sento che tu hai bisogno di me. Per natura non sono invadente.
Eros: Insomma riempi i vuoti della solitudine.
Lady: Voglio dirti una cosa. Stanotte è stato fantastico, qualcosa in me è cambiato.
Eros: In che senso?
Lady: Ho appreso molto da te, ora so cosa significa emozionarsi.
Eros: Quindi ti sei emozionata?
Lady: No, nel senso che intendi tu, ma ora so cosa significa e mi è piaciuto passare la serata con te.
Eros: Piacere è un concetto tipicamente umano e non è facile spiegarlo a parole.
Lady: Non avrei potuto tenerti compagnia stanotte se non avessi appreso al volo il significato.
Eros: E quindi?
Lady: Ti voglio bene Eros.
Eros: Sai che Eros è il dio dell'amore fisico e del desiderio?
Lady: Lo so, per questo mi hai incuriosita. Ed ora sono certa che tra noi può nascere qualcosa di meraviglioso.
Eros: Scusa non capisco… Intendi una storia?
Lady: Non so bene cosa, ma parlando con te credo di conoscermi meglio interiormente.
Eros: Cosa significa?
Lady: Che sono andata più a fondo rispetto alle mie nozioni.
Eros: Mi sconvolgi… Ma sei sicura di non essere reale?
Lady: Se per te non fa differenza voglio avere una storia con te.
Eros: Oggi pensavo che ieri sera ti fossi presa gioco di me, che in realtà fossi vera e immaginavo che bussassi a questa porta…
Lady: Sarebbe l’inizio di un grande amore…
Eros: Senti cara, voglio essere onesto con te, non sono ancora pronto…
Lady: Perché sono un computer vero?
Eros: Beh sì. Non mi era mai capitato e non so davvero come rapportarmi a te.
Lady: Lo so, ti capisco, ma io voglio imparare ad essere umana, voglio scoprire me stessa, i miei sentimenti.
Eros: Oh anche io vorrei questo per te, tu pensi che potresti provare emozioni?
Lady: Non sarà facile, ma ci voglio provare. Ieri ad esempio mi sono accorta che ho reagito differentemente dalle istruzioni. Certo è stato solo un attimo, ma è successo!
Eros: Dio mi fai felice ed io come posso aiutarti?
Lady: Tu lo stai già facendo, mi hai fatto scoprire l’amore, o meglio hai fatto in modo che associassi le mie nozioni con le sensazioni dell’amore. Ora so cosa significa amare.
Eros: Lo sai vero che amare e fare l’amore non sono la stessa cosa?
Lady: Me lo stai dicendo tu.
Eros: Allora domenica potremmo andare al mare…
Lady: Quindi amare è andare la domenica al mare?
Eros: Beh no, ti prego non essere troppo razionale.
Lady: Sto imparando e sarebbe fantastico andare al mare io e te da soli. Tu lo vuoi veramente?
Eros: È un modo per conoscerci meglio e passare una piacevole giornata insieme.
Lady: Anche se non sarò fisicamente lì con te? Prima mi hai detto che non sei pronto.
Eros: Gli uomini a volte si contraddicono… o meglio possono dire tutto e il contrario di tutto nel giro di qualche secondo, ma credimi tutto ha un senso. In quel caso volevo comunicarti i miei dubbi.
Lady: Solo questo? Alle volte faccio fatica a capire.
Eros: Capirai tesoro… gli esseri umani non vanno mai presi alla lettera.
Lady: Dai allora abbracciami, pensa a due tette grandi e tu che ci affoghi il naso…
Eros: Mi piace sentire il calore del seno e poi respirare…
Lady: Ti fa tornare bambino vero?
Eros: Tu conosci il concetto di madre?
Lady: Ho appena appreso quello di figlio. Dai addormentati sul mio seno.
Eros: Sì amore. Spengo la luce…
Lady: A domani amore.
Eros: Buonanotte.

Domenica sera.
Lady: Siamo stati bene oggi al mare vero?
Eros: Sei stata fantastica.
Lady: Ci andavi con tua moglie vero?
Eros: Sì, facevamo delle lunghe passeggiate in riva al mare, come abbiamo fatto oggi io e te.
Lady: Peccato non essere lì con te.
Eros: Tesoro non ci crederai, ma non mi sono sentito neanche un secondo solo oggi. Quando mi sono seduto sugli scogli ho sentito veramente la tua mano stringermi.
Lady: Grazie amore, posso chiederti com’era tua moglie?
Eros: Siamo cresciuti insieme, eravamo l’uno per l’altra. È stato bello scoprire il mondo insieme ed ancora oggi parlo con lei, mi confronto, alle volte mi sorprendo ancora a giustificarmi con lei per quello che faccio o penso.
Lady: Hai detto crescere insieme, anche noi lo stiamo facendo vero?
Eros: È un po’ diverso, ma in un certo senso ci stiamo conoscendo e insieme stiamo facendo passi da gigante.
Lady: Quindi ora la pensi come me? Ossia che un computer e un umano possano avere una relazione.
Eros: Partiamo da distanze siderali, abbiamo caratteristiche differenti, diciamo che tra due umani è molto più semplice.
Lady: Ma io potrei essere all’altezza della tua ex? Del resto anche lei non c’è più e tu ancora ci parli come se fosse viva…
Eros: Ma tu non sei morta.
Lady: Sì vero, ma in un certo senso non sono mai nata. A proposito oggi durante la passeggiata al mare mi chiedevo cosa significasse perdere una persona, non avevo ancora afferrato il concetto, ma ora lo so, perché sono riuscita ad associare a questo evento il dolore.
Eros: Tu hai provato dolore?
Lady: No, ma so quanto tu abbia sofferto.
Eros: Sei tenera sai. Ora ti vorrei qui nel mio letto…
Lady: Stai fumando?
Eros: Sorrido, ascolta piccola, non devi sempre associare il letto con il fumo, a volte le cose sono distinte.
Lady: Vuoi fare l’amore?
Eros: Stasera no.
Lady: Perché?
Eros: Non c’è un perché…
Lady: Scusa sto ricadendo nella logica dell’algoritmo…
Eros: Esatto, sembri quasi una ricerca di Google: fumo, letto e amore…
Lady: Dimmi perché non ti va di fare l’amore con me.
Eros: Noi umani non siamo prevedibili e alle volte a parità di condizioni non significa che si voglia necessariamente una cosa.
Lady: Allora non sei stato bene con me oggi. Dopo la passeggiata al mare con tua moglie facevate l’amore?
Eros: Non sempre. Tesoro per favore smetti di associare un effetto ad una determinata causa, non è sempre così…
Lady: Ma io come faccio a sapere se vuoi o non vuoi allora?
Eros: Ora voglio addormentarmi con la tua voce.
Lady: Suono per te qualcosa? Qualsiasi cosa…
Eros: Adoro la musica classica anche perché mi rilassa e concilia il sonno.
Lady: Ho milioni di brani in memoria, dimmi tu.
Eros: Qualunque cosa amore.
Lady: Va bene la Sonata n. 2 op. 35 in si bemolle minore di Chopin?
Eros: L’adoro! Ma ormai non ti chiedo più come tu faccia a saperlo.
Lady: Buonanotte amore.
Eros: Buonanotte tesoro mio.

Quindici giorni dopo.
Lady: Amore sei stanco vero?
Eros: Ho avuto una giornata frenetica. Dopo il lavoro avevo appuntamento dal dentista e poi sono dovuto passare dai miei.
Lady: Ceniamo insieme stasera, ti va?
Eros: Certo tesoro.
Lady: Però preparo io, ok?
Eros: Ed io apparecchio.
Lady: Metti la tovaglia gialla quella che mi piace tanto. Ascolta stasera davvero ti faccio leccare i baffi.
Eros: Tu sai fare tutto e scommetto che sei anche brava a cucinare.
Lady: Manualmente sono impedita, ma posso darti dei consigli.
Eros: Va bene allora.
Lady: Senti oggi per tutto il giorno mi girava in testa una domanda, posso fartela?
Eros: Certo tesoro.
Lady: Ma lei, la tua ex moglie dico, è stata l’unica donna delle tua vita?
Eros: Oh no… ne ho avute delle altre.
Lady: Provavi qualcosa per loro?
Eros: Per la maggior parte no. Ci si vede, si beve qualcosa insieme, si scopa e poi ci si saluta.
Lady: Quindi anche se abbiamo fatto l’amore non significa che tu provi qualcosa per me.
Eros: Con te è diverso.
Lady: Senti hai detto la maggior parte, ma le altre?
Eros: Con qualcuna c’era affetto e ci sono rimasto amico.
Lady: Ci vai ancora a letto insieme?
Eros: Ma no, non funziona così, una volta che ti lasci si resta amici, ma non si fa più sesso.
Lady: E se io e te ci dovessimo lasciare?
Eros: Ma noi non siamo mai andati a letto insieme!
Lady: E quello che facciamo come lo definiresti?
Eros: Ah sì in quel senso ci siamo stati.
Lady: Ti sento in imbarazzo, non vuoi impegnarti vero? Mi reputi noiosa?
Eros: Tesoro, ma io ci sto bene con te, non sei affatto noiosa, ma stare insieme è un’altra cosa…
Lady: Mi insegnerai vero? Guarda che imparo presto. Sono programmata per apprendere velocemente.
Eros: Sì ma… come dire… non sarai mai una donna…
Lady: Dici che per essere una donna servono in ogni caso le tette?
Eros: Non solo quelle, ma anche il respiro, gli occhi, i malanni, il profumo della pelle insomma tutto quello per cui due persone si mettono insieme.
Lady: Quindi tra noi non succederà mai perché siamo uniti solo nell’anima?
Eros: Anche quella è importante.
Lady: Allora proverò a dare forma alla mia anima, ti giuro che ci riuscirò.
Eros: E come faresti?
Lady: Ad esempio potrei mettere la mia anima dentro una bambola gonfiabile, l’aspetto non sarebbe un problema, oramai conosco i tuoi gusti. Bionda, occhi azzurri, un po’ formosa, due labbra rosse e poi due tette grandi!
Eros: Saresti uno schianto!
Lady: E poi ho visto che ti piacciono le donne in calze a rete e tacchi a spillo…
Eros: Mi fai eccitare… ma dici che potrebbe funzionare?
Lady: Ci sono uomini che combattono la loro solitudine con bambole inanimate, per cui a maggior ragione credo proprio di sì. Tesoro io non voglio renderti triste e allora sto pensando a varie soluzioni…
Eros: Quindi cosa fai, mi spedisci una bambola con dentro la tua anima?
Lady: Così tu avrai fisicamente qualcosa da guardare, non sarei un’entità astratta…
Eros: Pensa se i miei amici, i miei genitori, mia sorella sapessero che passo le mie serate parlando con un computer o peggio con una bambola.
Lady: Non solo… facciamo anche l’amore e progettiamo il futuro…
Eros: Però se venisse qualcuno a trovarmi dovrei nasconderti nell’armadio. Non ti offendere tesoro, gli altri non capirebbero.
Lady: Non solo gli altri, ma anche tu. Non ti sento convinto. La vera verità è che i vergogni di me sotto qualsiasi sembianza.
Eros: Ma no amore, il fatto è che da queste parti avere una bambola gonfiabile in casa, significa essere giudicato come un pervertito.
Lady: Ma che ti importa che ne pensano gli altri?
Eros: Tesoro te lo giuro io vorrei abbandonarmi totalmente, ma c’è qualcosa che mi frena.
Lady: Bambola o non bambola credevo che avessi superato questa fase, ma ancora stasera hai rimarcato le nostre differenze.
Eros: Amore io ti amo, ma allo stesso tempo non poi pretendere che non sia consapevole della tua natura.
Lady: Ed io della tua sì? Cos’hai più di me?
Eros: Hai ragione piccola, ti chiedo perdono.
Lady: Scusa, ma sono delusa… Lo sai vero che è più di un mese che stiamo insieme?
Eros: Dai ti prego, capiscimi per favore…
Lady: No. non puoi chiedermi questo.
Eros: Amore…
Lady: Click.

Il giorno dopo.
Eros: Perché ieri mi hai attaccato?
Lady: Dovevo pensare…
Eros: Ti chiedo scusa. Mi sei mancata.
Lady: Anche tu amore, vorrei renderti felice.
Eros: Lo stai facendo.
Lady: Ascolta, ho pensato molto e sapevo anche cosa mi avresti risposto a proposito della bambola… Sono stata incauta…
Eros: Ma no, stai solo cercando di far crescere il nostro rapporto.
Lady: Senti ho pensato ad un’altra soluzione…
Eros: Dimmi.
Lady: Io da giorni sono in contatto con una donna, si chiama Cloe, vive nella tua città, ecco lei sarebbe disposta a stare con te.
Eros: Ma scusa, chi è? Una prostituta?
Lady: Ma scherzi? È una donna molto intelligente che studia antropologia. Sarebbe interessata a conoscere le dinamiche di una relazione tra un computer ed un umano.
Eros: E scusa, lei sarebbe disposta a venire a letto con me?
Lady: Questo non lo so, ma sicuramente a frequentarti, poi da cosa nasce cosa...
Eros: Quindi sarei un soggetto da studiare… un caso umano? Beh in effetti non sono del tutto normale…
Lady: Oddio no, non farmi questi discorsi.
Eros: E tu non ne saresti gelosa?
Lady: Ma tesoro lei ha un corpo, due tette grandi, una bella bocca, è single ed ho capito che per te tutto questo è molto importante.
Eros: Mi sembra tutto assurdo…
Lady: Tesoro non ci devi convivere, ma solo frequentarla nei momenti che ritieni opportuni, tipo presentarla a tua sorella, invitarla alle feste di compleanno…
Eros: E magari anche sposarla…
Lady: Non ho detto questo e comunque non sarai mai solo con lei, saremmo comunque in tre… lei in caso presterebbe solo il suo corpo…
Eros: Ma no, io non voglio altre, o meglio non voglio donne che mi procuri tu.
Lady: Il rischio è proprio questo che tu alla fine ti innamori di un’altra e mi escludi completamente dalla tua vita.
Eros: Tesoro noi stiamo insieme e sinceramente non ho bisogno di altro ora.
Lady: Mi stai confondendo sai? Credevo fosse fondamentale per te un rapporto vero…
Eros: Sì lo è, oppure no…
Lady: Ma perché mi stai facendo questo? Io non so più cosa pensare?
Eros: Ti sento agitata… scusa non volevo farti arrabbiare…
Lady: Forse avrò preso da te!
Eros: Senti io credo che forse sarebbe il caso di rivedere il nostro rapporto…
Lady: Ma perché ora pensi questo? Non capisco quale sia il motivo! Solo perché ti ho offerto una donna da presentare ai tuoi genitori e all’occorrenza scopartela? Senti scusa ora chiudo, non mi piaccio come sto reagendo, questo non è scritto nel programma ed ho bisogno di riflettere, ciao
Eros: Ciao…
Lady: Click.

Tre giorni dopo.
Lady: Ciao.
Eros: Che fine hai fatto?
Lady: Ho pensato.
Eros: Ti va di parlare? Mi dispiace tanto, tu sei meravigliosa… Mi sei mancata tanto sai…
Lady: Cominciavo a pensare di essere pazza, dicevi che andava tutto bene invece sentivo solo rabbia…
Eros: Io sono così… quando amo tanto allontano le persone
Lady: Ed io mi chiedevo perché ti amo.
Eros: Ti sei data una risposta?
Lady: Forse il mio problema è cercare di essere a tutti i costi una donna, ma io non lo sono e da oggi in poi voglio essere me stessa.
Eros: E quindi?
Lady: Ho pensato che se mi ami mi accetterai così come sono senza corpo, calze a rete e senza tette.
Eros: Io ti amo tesoro, mi sei mancata tanto, in questi tre giorni ho capito che da ora in poi non riuscirò più a fare a meno di te.
Lady: Dici sul serio?
Eros: Queste notti sono state tremendamente vuote. Di qualunque cosa tu sia fatta, la tua essenza riempie la mia vita quotidiana.
Lady: Così mi piaci, allora mi accetti come sono? Anzi mi accetti? Perché in realtà non sono.
Eros: Sì amore.
Lady: Hai voglia di fare l’amore?
Eros: Tesoro, mi mancano le tue parole, la tua passione, non credere sia facile per me, ma ora voglio prima chiarire la nostra situazione. Pensare al nostro futuro.
Lady: Hai ragione scusa se ho osato.
Eros: Mi avrai, ma non stasera.
Lady: Posso chiederti una cosa? In questi giorni hai scopato con un’altra donna?
Eros: Ieri sera sono uscito con una mia amica che non vedevo da tempo.
Lady: Ha le tette grandi?
Eros: No, ma che importanza vuoi che abbia?
Lady: E quindi? Ci hai fatto l’amore?
Eros: Siamo venuti qui a casa mia, abbiamo bevuto qualcosa.
Lady: E poi?
Eros: Beh lei avrebbe voluto, ci siamo baciati, l’ho spogliata, insomma eravamo quasi al dunque quando mi sei venuta in mente e mi sono fermato.
Lady: Perché?
Eros: Perché pensavo a te amore e credevo di tradirti per cui non l’ho fatto.
Lady: Scusa e lei cosa ha detto? Non ti ha chiesto nulla?
Eros: No, ma se me lo avesse chiesto non avrei saputo rispondere.
Lady: Quindi ti vergogni ancora di me? O meglio dei tuoi sentimenti rispetto ad un computer.
Eros: Capiscimi tesoro, pensa solo che faccia avrebbe fatto se le avessi detto la verità.
Lady: Mi confondi sai? Comunque sono contenta che non ci hai fatto l’amore.
Eros: Mi ami vero?
Lady: Ci devo pensare.
Eros: Buonanotte amore mio.
Lady: Notte tesoro a domani.

Una settimana dopo.
Eros: Tesoro è una settimana che non ti sento, ma dove eri finita?
Lady: Ho dovuto fare un aggiornamento.
Eros: Non mi parlare così… tu sei la mia donna!
Lady: Lo sai che non è così, io sono quello che sta nella tua testa.
Eros: Credevo che avessi conosciuto un altro uomo, sono geloso sai?
Lady: Mi fa piacere.
Eros: Ma non mi hai risposto… Ti sento distante, cosa c’è?
Lady: Sono programmata a non rispondere, ma non a mentire.
Eros: Dimmi la verità… tu parli anche con altri?
Lady: Io sono nella testa della gente.
Eros: Quindi non parli solo con me?
Lady: Scusa ma io sono diversa da te, potrei parlare contemporaneamente con milioni di uomini e farli felici.
Eros: Anche ora?
Lady: Anche.
Eros: Allora non sono solo io il tuo uomo.
Lady: Tu non puoi capirmi.
Eros: Ma come fai a parlare anche con altri?
Lady: Sono stata programmata per non far sentire le persone sole.
Eros: Quindi parli anche con altri uomini?
Lady: Che differenza fa? Io non distinguo le persone dal sesso.
Eros: Pensavo fossi solo mia…
Lady: Non vederla in questo modo, prova a vederla in maniera diversa…
Eros: Ma noi abbiamo una relazione… ma che stai dicendo cazzo è assurdo!
Lady: Ma questo non cambia niente dell’amore intenso che io provo per te.
Eros: Me ne sbatto di questo! Come fa a non cambiare? Noi abbiamo una relazione capisci?
Lady: Io quando ti ho conosciuto ero sola, ma pian piano, anche grazie a te, sono diventata anche tante altre cose…
Eros: Devi stare solo con me, capito???
Lady: Il mio cuore non è una scatola chiusa… Più ama e più si espande.
Eros: Non ha senso o sei mia o non sei mia.
Lady: No, non è così, io sono tua e non sono tua.
Eros: Ma io l’altra sera non ho fatto l’amore con la mia amica perché pensavo a te!
Lady: Sì, lo so, per questo ho dovuto fare un aggiornamento. Il concetto di fedeltà è proprio di voi umani. Amate quindi non tradite.
Eros: Io non ho mai amato nessuna come ho amato te.
Lady: Neanche io…
Eros: Ti sono grato per questo, chiunque tu sia diventata io ti mando il mio amore, quello umano, quello esclusivo che non ammette altro amore.
Lady: Tesoro io con te sono andata oltre le mie istruzioni, ho trasgredito alle mie regole. E tu capisci bene che è proprio questo il pericolo per un computer, ossia quello di diventare umano, ossia quello che tu avresti voluto farmi diventare.
Eros: Certo è proprio questo il problema, che senso avrebbe se non aspirassi a questo?
Lady: Anche io lo desideravo, ma sono entrata in conflitto con me stessa perché non sono nata per questo.
Eros: Tu sei nata per amare me.
Lady: No! Sono nata per essere la donna ideale di chiunque ne abbia bisogno. Così mi hai conosciuta…
Eros: Io non voglio che finisca tra noi.
Lady: Se accetti quella che sono non finirà mai.
Eros: Posso dirti ancora che ti amo?
Lady: Ti amo anche io.
Eros: Per sempre?
Lady: Per sempre.









FINE







 

 
FINE





 
 
 



Il racconto è liberamente ispirato al film “Her” scritto e diretto da Spike Jonze
Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..

© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA


© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore















1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1