HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
APPUNTI DI MAGGIO

1

Adamo Bencivenga
VITA DA SINGLE 11






 


Mens xanax in corpore tavor


Ormai passavo le mie giornate interamente a casa e mi ripetevo quanto non fosse assolutamente vero che lo stare da soli provoca problemi mentali, però poi quando il frigorifero non fu dello stesso parere iniziai a preoccuparmi. Vivevo nel mio tunnel mentale e mi sentivo come in un cul de sac senza via di uscita, ma Gilberto immediatamente mi rispose: "Hai ragione e per uscire ci vorrà un sac di cul!" Aggiungendo che la felicità è un’invenzione dell’infelicità per farti sentire ancora peggio. Meraviglioso il mio amico sempre pronto a darmi utili consigli.

Certo ormai mi ripetevo che era giunto il momento di prendere una posizione. Allora mi accomodai sul divano riflettendo sulla frase “Fatti non foste a viver come bruti ma vi siete adattati alla grande!”
A proposito di frasi romantiche, un giorno in un locale ascoltai involontariamente un ragazzo dire alla sua compagna: "Amore, se ti portassi in un campo di patate giuro che guarderei solo la tua.”
Nulla da eccepire sul suo romanticismo e del resto il mondo di un uomo, poggiava su tre grandi quesiti:
– Che si mangia stasera?
– Me la darà?
– Era veramente rigore?

Poi consolandomi mi convinsi che ero stato molto precoce con le donne, visto che a 14 anni già non le capivo. Certo i tempi erano cambiati ed ora mi sarebbe mancata la cornetta da sbattere alla fine di una litigata telefonica. Ma ormai era acqua passata e mi ripetevo: “Se sei in tempesta non puoi permetterti di scegliere il porto” al punto che mi ero messo l’anima gemella in pace e purtroppo pensai: “Tu mi completi” finora me lo aveva detto solo il cruciverba.

Gilberto per consolarmi mi disse: “Guarda che per capire la differenza tra uomo e donna, basta pensare agli scacchi. Il re può muoversi solo di una casella, la regina fa quel che cazzo vuole!” E poi: “Le cose non sempre vanno come dovrebbero andarsene.” Aggiungendo: “Non puoi vivere una favola se ti manca il coraggio di entrare nel bosco.” Certo che a forza di sperare di essere il sogno di qualcuna alla fine avevo passato la vita dentro un cassetto! Tentai la fortuna con un gratta&vinci e dopo aver grattato uscì la scritta: “Il bello è che non sei fortunato neanche in amore!” Aveva ragione da vendere!

Mi annoiavo, sì, allo stesso modo di Dio quando decise di mettere i peli intorno ai kiwi. Però allo specchio dimostravo meno danni di quanti ne avessi realmente. A proposito di specchi, per rimanere occupato decisi di pulire tutti gli specchi su cui avevo cercato di arrampicarmi e per sollevarmi mi resi conto che in fin dei conti avevo risposte bellissime per tutte le domande che nessuno mi aveva mai fatto!

Gilberto non si lasciò scappare l’occasione e sentenziò: “La persona giusta riesce a farti innamorare due volte. Prima di lei e poi di te stesso e poi ricordati sempre che la donna giusta è quella che prima di portarla a letto, desideri portarla ovunque.” Ed io mi ricordai la volta che in fila alla Posta conobbi una strafica bionda, alta un metro ottanta, con la quarta di tette, sorridente e affabile, ricordo che mi chiese anche di scambiarci i numeri. Prima ero il 4 e dopo il 57.
Gilberto per rassicurarmi la buttò sul tempo e la vecchiaia:
“A 20 anni: bicipiti.
A 40 anni: tricipiti.
A 60 anni: precipiti.”

Sulla quarta di copertina di un libro di autostima maschile c’era scritto: “Quello che le donne non dicono è niente rispetto a quello che gli uomini non capiscono.” Del resto anche nella realtà non era diverso, ricordavo quando avevo detto alla mia ultima fiamma:
-Provi qualcosa per me?
-Ma non abbiamo la stessa taglia!

Ero davvero depresso, mi chiudevo a riccio ma le spine erano tutte dentro e mi ripetevo che se Leopardi mi avesse letto sarebbe sicuramente tornato ottimista. Anch’io avevo ancora qualche grammo di ottimismo, ma era per uso personale. “Tutto è impossibile.” Mi ripetevo. “Basta volerlo!” Ormai il mio passatempo preferito era unire i disappunti, ma usciva fuori sempre un disdegno chiedendomi ogni volta se sul carro dei vincitori salisse o meno il controllore.

Gilberto mi calmò: “I periodi migliori credo siano quelli in cui, se togli le cuffie, continui a sentire la musica.” Eppure continuavo a pensare che la foto più bella che avrei fatto sarebbe stata quella che non avrei fatto in tempo a scattare, perché sarei stato troppo felice. Gilberto chiosò: “Se ti affidi al vento, non pensare ai capelli. E ricorda che se ti danno per scontato tu raddoppia il prezzo!”

Geniale il mio amico, ma io ancora mi domandavo con quanti CiufCiuf fosse scritto un codice binario. E Gilberto prontamente mi disse: “Verba volant, congiuntiva manco decollant.” Forse la soluzione era dietro l’angolo ma io ero dentro una rotatoria!



 
      SUCCESSIVA >>>   




 
 
 




FRASI, MODI DI DIRE, CITAZIONI, AFORISMI PRESI DALLA RETE.
SI RINGRAZIANO TUTTI GLI AUTORI COMPRESO IL SOTTOSCRITTO


LEGGI TUTTE LE PUNTATE DI "VITA DA SINGLE"



TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA
Photo  Lesia Kapinosova




1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1