HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Adamo Bencivenga
Rosa d'inverno






 


Tu vedi i miei occhi celesti di cielo, il seno montagne da varcare le gole, che snodi all’ebbrezza di cogliermi intatta, come rosa di maggio che si schiude all’amore. Sussurri parole che sanno di miele, di ciuccio che intingi nell’acqua di mare, perché io lo succhi e sappia di sale, il primo t’illudi che assaggio da sempre. Accarezzi la luce di onde di seta, seguendo le forme diafane al tatto, mentre guardi il riflesso d’un’anima pura, d’una rosa fragrante impalpabile all’aria.

Non coprirla di baci rimani distante, l’odore che senti t’imbroglia e ti truffa, perché è fatta di stenti di incurie degli anni, d’orgasmi guariti a fatica dal tempo. Lascia che il sogno non schiuda le labbra, e ti sia proibito cercarmi più in fondo, perché ciò che vedi t’inganna e t’illude, mentre svaso la gonna e ti intossico il sangue. Rimani distante rimani qui fuori, apprezza il candore che fingo e ti offro, perché nell’intimo dentro ti giuro non trovi, altrettanta bellezza convinto che giuri.

Negli anni mi cerco e marco i contorni, di labbra che rosse stingo al bisogno, di uomini onesti e figli di cani, che m’hanno insegnato a camminare di notte. A schivare lo sterco a passi di danza, senza che il cuore s’accorga per caso, che dipingo le labbra di porpora e pepe, per essere zingara di un circo ambulante. Sono fatta di spine angosce e tormenti, vuote parole che pioggia riempie, sono petali secchi friabili ai venti, e un soffio li sparge e non rimane che niente.

Chissà che diresti se mi vedessi davvero, con un cappello da sera e guanti di rete, che aspetto e raccolgo solo acqua piovana, avanzi di mondo di semi infecondi. Perché sono fatta di niente di buchi di ventre, slargati da rami senza gemme di pesco, nel silenzio per strada tra le tenebre fitte, tintinnavo i miei cerchi cadenzati alle voglie.

Sono fatta d’istinti di gatta in calore, che miagolava ai tetti nel freddo di notte, di canti d’uccelli aggrumati sui fili, che bramavano bocche come scoli all’aperto. Rimani distante il resto non conta, non serviva all’amore il colore degli occhi, spalancavo le gambe per essere foce, come mare che accoglie i detriti dei fiumi.

Ti prego davvero rimani distante, sono solo la somma degli anni che porto, sono solo la conta delle notti all’aperto e non come giuri latte puro che nutre. Ti prego, rimani distante, ma rimani stanotte, perché l’alba domani rifletta alla luce, che quello che offro è madre di terra, dove nasce tra i fiori una rosa d’inverno.

 







FINE




 
 
 



Il racconto è frutto di fantasia. Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA
Photo     Belu Gheorghe

© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore


1




1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1