HOME   CERCA NEL SITO   CONTATTI   COOKIE POLICY
 
 1
CHE FINE HA FATTO?
 
 

 
 

Caroline Berg
L’Olimpia del Marchese del Grillo
“Mia cara Olimpia méttete in pompa, che sto
grillaccio der marchese sempre zompa!”
 



 

 


 

Caroline Berg all’anagrafe Caroline Tabourin nasce a Parigi nel 1957. Esordisce in Francia con il film New Generation, ma la vera popolarità arriva nel 1981 quando viene scelta dal regista Mario Monicelli per interpretare il ruolo di Olimpia Martin nel film “Il marchese del Grillo”, insieme ad Alberto Sordi.
Il film ottiene un successo clamoroso con 12 miliardi di lire incassate al botteghino, l’Orso d’argento alla miglior regia al Festival di Berlino e due David di Donatello. Narra le vicende del Marchese Onofrio del Grillo, nobile romano alla corte di papa Pio VII, che vive nell’ozio, frequenta bettole e osterie, intreccia “liaison” clandestine con popolane e prostitute e organizza scherzi e goliardate a consanguinei, papi, mendicanti e poveri malcapitati.

Caroline interpreta la parte di un’attrice francese, arrivata a Roma con il gruppo di ballerine a seguito dell’esercito napoleonico. Olimpia è una bellissima donna e soprattutto moderna, a Roma al tempo le donne non potevano fare le attrici di teatro, per cui il buon Marchese del Grillo le fa una corte spietata e le dedica la famosa canzone: “Mia cara Olimpia méttete in pompa, che sto grillaccio der marchese sempre zompa!” composta da Nicola Piovani.

Ma in realtà Alberto Sordi, colpito dal suo charme, ci prova davvero infatti il dietro le quinte del film è abbastata succoso e si racconta che il sessantenne Sordi subisce il fascino della giovane attrice francese: le manda fiori, la invita a cena, ad una passeggiata romantica tra le bellezze di Roma, insomma le fa una corte spietata e cerca in tutti i modi di conquistarla. Lei però al famoso attore romano preferisce uno sconosciuto, ma aitante “ciakista”, tanto che Sordi non lo vuole più sul set quando è in scena.
Comunque Caroline è sposata con l'attore e regista francese Francis Perrin e al tempo è madre di Bénédicte, poi arriveranno Laura, Thomas e Jeanne.

Nel 1982 viene nominata tra le giovani speranze del cinema francese per la sua interpretazione nel film Ça va faire mal, del regista Jean François Davy. Torna a girare in Italia nel 1985 con “Le due vite di Mattia Pascal”, sempre diretta da Mario Monicelli recita la parte di Véronique accanto a Marcello Mastroianni e Senta Berger. Il film ispirato al romanzo Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello.

Nel 1988 lavora inoltre con Claude Chabrol per la realizzazione del film Un affare di donne in cui interpreta il ruolo di Hélène Fillon. Negli anni novanta si dedica a delle serie televisive francesi.



 










 










1


ARTICOLO A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
FONTI:
https://it.wikipedia.org/wiki/Caroline_Berg
https://www.lastampa.it/spettacoli/cinema/2021/10/19/news/una-mostra-di-appendino-celebra-i-40-anni-del-marchese-del-grillo-1.40827067/


FOTO GOOGLE IMAGE


 







SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1
 
Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e
l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.

( All images and materials are copyright protected 
and are the property of their respective authors.

If the author deems improper use, they will be deleted from
our site upon notification.) Scrivi a
liberaeva@libero.it


Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione.
L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY



TORNA SU (TOP)
 

LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati
  Contatti