HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
MUSICA PASSIONE
Storia delle Canzoni

1




La collina dei ciliegi
Superare i pregiudizi e lasciarsi andare
1973








 

 


Adamo mi parli del brano “La collina dei ciliegi”?
È una canzone di Lucio Battisti pubblicata nel settembre 1973 nell’album “Il nostro caro angelo” ed anche come singolo a 45 giri dalla casa discografica Numero Uno. Gli autori sono Mogol e lo stesso Battisti.

Di che parla?
Il protagonista invita la partner a lasciarsi andare, seguirlo senza timore di pregiudizi e guardare oltre spronandola a superare insieme tutte le difficoltà e le incertezze che si troveranno davanti.

Che significato ha il titolo?
Il testo dice: “Potremmo correre sulla collina e fra i ciliegi veder la mattina”. Quindi superare quella collina è un invito a darsi coraggio per trovare il meglio, combattere le paure, spiccare il volo e non accontentarsi. Ergo non bisogna fermarsi ai primi inciampi, che siano resistenze esterne o personali. Perché solo rischiando, si riesce a vedere il sole dietro la collina.

Insomma una storia d’amore…
Sì in effetti lo è, ma è declinata in senso universale con la metafora del volo arrivando a toccare punte spirituali come nei versi: “Planando sopra boschi di braccia tese, un sorriso che non ha, né più un volto né più un’età… e respirando brezze che dilagano su terre senza limiti e confini ci allontaniamo e poi ci ritroviamo più vicini e più in alto e più in là, ora figli dell’immensità…”

Proprio in questo verso: «planando sopra boschi di braccia tese» alcuni videro un significato politico relativo al saluto romano…
Sia Battisti che Mogol non hanno mai manifestato pubblicamente alcuna simpatia politica (né a destra, né a sinistra) e in varie occasioni hanno escluso qualsiasi riferimento ad essa nelle proprie canzoni. Il verso fa pensare, piuttosto, alla copertina de Il mio canto libero, il precedente album del duo Mogol-Battisti.

Musicalmente?
Battisti in tutto l’album si lascia alle spalle il pop e imprime alla sua musica una svolta verso il rock. Meno pianoforte e archi e più chitarra elettrica che spesso sfocia in lunghi assoli e per la prima volta acquisiscono un ruolo importante i sintetizzatori. La svolta rock proseguirà in modo più netto nel successivo Anima latina.

Dove venne registrato il disco?
È il primo album registrato all’estero. Parte della lavorazione infatti avvenne a Londra ad Abbey Road.
























 

 
 
 



GUARDA IL VIDEO
https://www.youtube.com/watch?v=n-9RIxpyyKA


L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
https://it.wikipedia.org/wiki/La_collina_dei_ciliegi/Il_nostro_caro_angelo
https://libreriamo.it/poesie/25-aprile-poesie-sulla-resistenza/
https://www.ruicardo.com/musica/suggestions/lucio-battisti-la-collina-dei-ciliegi/

IMAGE GOOGLE



LEGGI LA STORIA DELLE ALTRE CANZONI SU MUSICAPASSIONE

LEGGI LA STORIA DELLE ALTRE CANZONI DI BATTISTI








1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1