HOME   CERCA NEL SITO   CONTATTI   COOKIE POLICY
 
 1
MUSICA PASSIONE
Storia delle Canzoni

1

 In fondo al viale

"In quel caffè, dove va gente, che non sa
cosa fare, ho conosciuto lei…"
Gens 1968




 
 


 
.Adamo di cosa parliamo?
Di un brano del 1968 cantato dai Gens. Gli autori erano per il testo: Salvatore Trimarchi e Cesare Gigli, per la musica: Gianni Marchetti. Fu il primo 45 giri del gruppo messinese pubblicato dalla Det che presentava sul lato B la canzone: “Laura (dei giorni andati)” scritta per loro da Roberto Vecchioni.

Di che parla?
Il titolo è una citazione del Viale San Martino e del Bar Progresso che allora si trovava appunto "in fondo al viale" ed era un punto di ritrovo tipico per i giovani e meno giovani nella città dello Stretto. Oltre a descrivere il luogo il testo parla di una ragazza che piace al protagonista e che la aspetta appunto in fondo al viale. “In fondo al viale, in quel caffè, dove va gente, che non sa cosa fare, ho conosciuto lei…
In fondo al viale, in quel caffè, mi guardo intorno, per vederla arrivare, in lei vedo ciò
che non ho avuto mai, e ho voglia di gridare per lei…”

Fu un successo vero?
Il brano partecipò alla più importante manifestazione canora di quei tempi ovvero il Cantagiro, riscosse un enorme successo, rimase nella Hit Parade per 17 settimane, anche se alla fine dell’anno si classificò solo al 96esimo posto tra i dischi più venduti.

Come nasce il brano?
Trimarchi scrisse il testo su un foglietto di carta spiegazzato seduto ai tavolini proprio del Bar Progresso mentre aspettava l’autobus notturno per tornare a casa e solo il giorno dopo cercò di dare a quelle parole un senso musicale. Successivamente fece ascoltare il brano a Stelvio Cipriani e Cesare Gigli della Det che mise sotto contratto i “Gens” consentendogli così di incidere il loro primo 45 giri. Il brano verrà inserito nelle colonne sonore dei film “Plagio” con Mita Medici e “Salvare la faccia” diretto da Rossano Brazzi, interpretato dallo stesso Brazzi, Nino Castelnuovo e Paola Pitagora.

Chi erano i Gens?
Il complesso si era formato nel 1967 su iniziativa di Filiberto Ricciardi. La prima formazione era composta da Filiberto Ricciardi voce solista e chitarra, Pippo Landro alle tastiere, Ettore Cardullo al basso, Gilberto Bruno chitarre (dal 1969 sostituito da Mauro Culotta), Pino Salpietro alla batteria.

Prima di “In fondo al viale” erano già famosi?
Nel 1968 avevano partecipato a Tirrenia al III Torneo EuroDavoli e lo avevano vinto con la cover di Is it yes, is it no di James Brown, tradotta dal messinese Salvatore Trimarchi in Brucerà. Questa vittoria procurò al gruppo un contratto con la Det.

Scusa ma che cos’era l’EuroDavoli?
Una rassegna canora dedicata nelle prime edizioni a gruppi musicali beat, ma poi si aprì anche ad altri generi. Il nome derivava dalla Davoli, l'omonima azienda di strumenti musicali che faceva da sponsor alla manifestazione. Le prime edizioni si svolsero a Rapallo per poi spostarsi a Tirrenia.

Dopo cosa fecero?
Agli inizi degli anni settanta abbandonarono il genere beat per dedicarsi ad un pop più melodico. Nel 1972 vinsero il Cantagiro con la super romantica “Per chi”, cover di Without You di Harry Nilsson. Con il testo in italiano di Daniele Pace il brano ottenne un buon riscontro in classifica raggiungendo il 36esimo posto della classifica generale dei dischi più venduti dell’anno, un’ottima posizione se si tiene conto che nei jukebox girava anche il 45 originale di Harry Nilsson
..
..
 



 





1


GUARDA IL VIDEO
https://www.youtube.com/watch?v=I2ghteH-pmA


L'ARTICOLO A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATO REALIZZATO GRAZIE A:
https://www.musicaememoria.com/gens_in_fondo_al_viale.htm
https://it.wikipedia.org/wiki/In_fondo_al_viale/Laura_(dei_giorni_andati)
https://www.musicaememoria.com/gens_per_chi_without_you.htm
https://it.wikipedia.org/wiki/Gens_(gruppo_musicale)
https://www.mutualpass.it/post/621/1/i-gens-indimenticabile-band-messinese


IMAGE GOOGLE



LEGGI LA STORIA DELLE ALTRE CANZONI SU MUSICAPASSIONE


 








SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1
 
Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e
l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.

( All images and materials are copyright protected 
and are the property of their respective authors.

If the author deems improper use, they will be deleted from
our site upon notification.) Scrivi a
liberaeva@libero.it


Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione.
L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY



TORNA SU (TOP)
 

LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati
  Contatti