HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
MUSICA PASSIONE
Storia delle Canzoni di Lucio Battisti

1


Don Giovanni
L’Opera di Passaggio
1986








 

 


 Adamo ci parli del brano “Don Giovanni”?
“Don Giovanni” è senz’altro la canzone più bella dell'intero repertorio di Lucio Battisti composta da un andamento cadenzato e una gradevole melodia.
Venne pubblicata nel marzo del 1986 all’interno dell’album omonimo con etichetta Numero Uno. Tieni conto che Battisti pubblicò quest'opera dopo ben tre anni e mezzo di silenzio ed è da tutti considerata come il punto di rottura con la sua precedente produzione.

Quali furono le novità?
Ah senz’altro i testi non più affidati a Mogol, ma avvalendosi della collaborazione del paroliere e poeta romano Pasquale Panella. Testi originalissimi, ricchi di doppi sensi e giochi di parole. A questo primo album ne seguirono altri quattro cosiddetti “dischi bianchi” dalle copertine bianche e minimaliste. Per quanto riguarda le sonorità Battisti riscopre melodie più compiute e simili ai suoi classici col ritorno di archi e sassofoni.

Il pezzo viene da tutti considerato una risposta di Battisti a Mogol…
Sì in effetti dopo la conclusione del loro rapporto professionale, Mogol tramite la canzone Australia di Mango aveva rivolto parole pungenti al suo ex amico: “Guardati un po' nello specchio, non trovi che non sembri neanche tu, purtroppo sei quasi un vecchio, nell'alcool tu affoghi sempre più, eppure tu eri un divo, sublime come un Dio, tu non perdevi mai e non pregavi. Cos'è successo al tuo successo, dove hai sbagliato presuntuoso uomo, se tu sei eterno questo è l'inferno, non sai neanche a chi chieder perdono…”

La replica quale fu?
Battisti gli rispose così: Non penso quindi tu sei, Questo mi conquista, L'artista non sono io, Sono il suo fumista, Son santo, mi illumino, Ho tanto di stimmate… Rivesto quello che vuoi, Son l'attaccapanni, Poi penso che t'amo, No anzi che strazio, Che ozio nella tournee, Di mai più tornare, Nell'intronata routine, Del cantar leggero, L'amore sul serio, E scrivi Che non esisto quaggiù, Che sono L'inganno, Sinceramente non tuo… Dimmi chi ti paga?”

Insomma con questo disco Battisti volta pagina…
Sente il bisogno di scrollarsi di dosso il suo passato ingombrante e il carrozzone mediatico che lo ha fatto grande, ma lo ha rinchiuso nella gabbia del fatto e rifatto, delle melodie stagnanti e troppo appiccicosamente romantiche. Deve camminare con le sue gambe senza quelle di Mogol, per cui dà vita a liriche fuori dal contesto tradizionale, dove l’asse portante non è più l’amore ma la bellezza assoluta.

È vero che Battisti proibì la stampa su cd?
Vero, l’autore autorizzò inizialmente l’uscita su vinile e musicassetta convinto in quanto diffidente circa la resa delle sue canzoni su questo nuovo strumento di riproduzione da lui giudicato "freddo". Poi forse ci ripensò e otto anni dopo nel 1994 autorizzò la ristampa dell’album anche su CD.

Ebbe successo?
Nonostante gli schemi informali, i testi anticonvenzionali e la radicale rottura con ogni forma metrica, l'album ebbe una discreta accoglienza e un buon successo: fu il terzo album più venduto in Italia del 1986, raggiungendo come picco nella classifica settimanale il primo posto; solo nel primo mese furono vendute 250 000 copie. Comunque la rottura col passato ossia con l’autore di Dieci Ragazze spiazzò pubblico e critica nonostante l’entusiasmo dichiarato pubblicamente da Francesco De Gregori.

Conclusioni?
Battisti con questo disco non riesce ancora ad esprimersi compiutamente risultando a tratti instabile e poco efficace. Insomma siamo in presenza di un’opera di passaggio dell’evoluzione artistica di Battisti che lo porterà ai picchi successivi di una vera apertura dell’arte musicale.
 


















 

 
 
 



GUARDA IL VIDEO
https://www.youtube.com/watch?v=sDfcOJ4r8yI


L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
https://www.impattosonoro.it/2021/03/22/speciali/back-in-time/don-giovanni-di-lucio-battisti-una-stupenda-opera-di-passaggio/
http://www.storiadellamusica.it/indie_pop/synth_pop/lucio_battisti-don_giovanni(numero_uno-1986).html
https://it.fan.musica.lucio-battisti.narkive.com/Z1fzD0e0/don-giovanni
https://significatocanzone.it/don-giovanni-lucio-battisti-significato-testo
https://it.wikipedia.org/wiki/Don_Giovanni_(album)

IMAGE GOOGLE



LEGGI LA STORIA DELLE ALTRE CANZONI SU MUSICAPASSIONE

LEGGI LA STORIA DELLE ALTRE CANZONI DI BATTISTI








1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1