HOME   CERCA NEL SITO   CONTATTI   COOKIE POLICY
 
 1
NEWS ROMA
 



 


Un serial killer si aggira per Roma
Ha ucciso tre volte in poche ore.
Tre donne accoltellate a Roma nel quartiere Prati,
all’ombra del Vaticano, ma davvero si tratta
di un serial killer? Un cliente abituale
che ha ucciso tre prostitute?



Ha ucciso tre volte in poche ore. Tre donne accoltellate dopo aver preso con loro un appuntamento. Siamo a Roma nel quartiere Prati, nel quadrilatero compreso tra San Pietro e il tribunale. La zona all’ombra del Vaticano è diventata una grande scena del crimine. Giornalisti e report si affollano in cerca di notizie. Nessuno vuole parlare, ma davvero si tratta di un serial killer, un abituale cliente con la scusa di un appuntamento sessuale che ha ucciso tre prostitute?

Qui tra i palazzi di una delle zone più eleganti della Capitale si lavora a qualsiasi ora del giorno e della notte, ogni palazzo ha la sua casa di appuntamenti e donne di qualsiasi nazionalità vendono il loro corpo. L’ora di punta è quella che va dalle 12 alle 14, chiamate “le pause pranzo” ossia le ore in cui si evita ogni tipo di sospetto. Il cliente chiama e la porta si apre.

Tutto avviene con la massima riservatezza, ma questa volta qualcosa si è inceppato e la prima a perdere la vita nel seminterrato di via Durazzo è stata Marta Castano Torres, una colombiana di 65 anni con nome d’arte di Yessenia, trovata distesa nel suo letto e uccisa da una coltellata al torace a distanza ravvicinata durante un rapporto sessuale. Yessenia aveva pubblicato una serie di annunci su siti di escort per procacciarsi clienti. Si ipotizza un’ora della morte tra le 8 e mezzogiorno, dopo di che l’assassino ha preso probabilmente la strada che porta in via Riboty dove si sono consumati gli altri due delitti.

La seconda e la terza vittima infatti sono due donne cinesi dall’apparente età di 40 anni, ma non si sa nulla di loro, nessuno ha rivendicato la morte. I loro cadaveri immersi in una pozza di sangue sono stati ritrovati rispettivamente sul pianerottolo e all’interno di un appartamento, adibito a casa di appuntamenti, a circa ottocento metri dalla prima vittima. Sul corpo delle due vittime diverse ferite alla gola, al torace e alla schiena. Sembra che le due donne abbiano cercato di difendersi e il ritrovamento di una di loro sulle scale fa supporre che abbia cercato sfuggire al killer.

La caccia al killer da parte della questura è frenetica, in questo pezzo della "Roma bene" le telecamere non mancano, soprattutto quelle private tra studi e negozi. Gli inquirenti stanno analizzando i telefonini, le testimonianze dei vicini, le scene del delitto che verosimilmente riportano ad un’unica mano. Nessuno dei vicini ha sentito qualcosa per cui si può dedurre che le vittime abbiano fatto entrare il loro cliente. Le donne erano tutte nude e le ferite sui corpi straziati fanno pensare ad un’unica arma appuntita.

Tra le varie ipotesi quella del cliente habitué che conosceva le proprie vittime, oppure del maniaco che uccide le prostitute perché le ritiene impure e capaci di contagiare gravi malattie ai loro clienti, oppure vendette maturate nell'ambito dello sfruttamento della prostituzione.

Ora l’obiettivo per risalire al serial killer è ricostruire i contatti di chat e comunicazioni avuti dalle escort con i clienti nelle ultime ore e stringere il cerchio. L’ipotesi di un unico assassino deve rispondere a determinate caratteristiche, di solito il killer è quasi sempre fedele e coerente col suo modus operandi. Occorre quindi stabilire delle connessioni tra i vari omicidi partendo sicuramente dalla similitudine delle ferite sui corpi e dalle scene del delitto, nonché la stessa zona, la stessa attività delle vittime, il fatto che i vicini non si siano accorti di nulla ipotizzando quindi un cliente abituale e dopo i rilievi la ricerca dello stesso DNA.







 





1


© All rights reserved
FOTO GOOGLE IMAGE


 











SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1
 
Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e
l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.

( All images and materials are copyright protected 
and are the property of their respective authors.

If the author deems improper use, they will be deleted from
our site upon notification.) Scrivi a
liberaeva@libero.it


Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione.
L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY



TORNA SU (TOP)
 

LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati
  Contatti