HOME   CERCA NEL SITO   CONTATTI   COOKIE POLICY
 
 1
CHE FINE HA FATTO?
 
 

Maria Frau
La Diva di Cinecittà
Bella, carnagione mediterranea, lunghi
capelli neri e un fisico da pin-up, dopo
cinque anni di fulminante carriera all’apice
della popolarità sparisce senza
lasciare alcuna traccia


 



 
 


 

Maria era nata in provincia di Sassari nel 1929 e si era trasferita a Roma alla fine degli anni cinquanta con la famiglia, in cerca di una vita migliore e con tanti sogni nel cassetto. Del resto Maria era dotata di una bellezza esotica, carnagione mediterranea, lunghi capelli neri e un fisico da pin-up, insomma possedeva tutti i crismi per diventare una diva di Cinecittà.

Dopo alcuni servizi fotografici su vari settimanali, fu scritturata dalla produzione come protagonista nel film storico di Mario Bonnard Margherita da Cortona. Una carriera fulminante: dal 1950 al 1956 recitò in diciotto film al fianco di Totò, Renato Rascel, Maurice Chevalier e altri grandi attori dell'epoca. Apparve anche in tv come ospite della famosissima trasmissione Il Musichiere di Mario Riva, privilegio, questo, riservato solo a pochissimi personaggi famosi. Una carriera lampo con in mezzo numerose copertine di riviste, fotoromanzi, sceneggiati tv e trasmissioni radiofoniche. Poi, all'improvviso, il silenzio, sparita dalle scene all'apice del successo e della popolarità a soli 26 anni, destinata com’era ad una carriera illuminata dalle luci della ribalta.

Conobbe Giovanni Vaselli, ingegnere, membro della dirigenza della Società Sportiva Lazio e figlio del conte Mario Vaselli. Quando si sposarono lei abbandonò il cinema a causa della gelosia di lui. Lasciarono Roma e si trasferirono prima in Costa Rica e dopo ad Austin nella capitale del Texas.

Dopo 66 anni di silenzio, il 12 dicembre 2022 alla 21ª edizione del festival cinematografico "I mille occhi" di Trieste viene presentato il film documentario “Maria Frau. L'attrice che spense la sua stella”. Scritto e diretto da Sergio Naitza, nel quale l'attrice ora novantatreenne per la prima volta racconta la sua storia artistica e privata in collegamento dal Texas. Dice di essere stata fortunata e di non essersi mai pentita di quella scelta, perché incontrando l’uomo della sua vita aveva deciso di dedicarsi solo alla famiglia. E a domanda precisa risponde: “Per amore. Sono sparita solo per amore”.



 








 



 







1


ARTICOLO A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
FONTI:
https://it.wikipedia.org/wiki/Maria_Frau
http://www.tottusinpari.it/2014/03/25/maria-frau-ritratto-di-donna-lattrice-nulvese-ingiustamente-dimenticata/
https://www.rtvslo.si/capodistria/maria-frau-la-diva-ritrovata/650745
http://www.instart.info/maria-frau-lattrice-che-spense-la-sua-stella/

FOTO GOOGLE IMAGE


 







SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1
 
Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e
l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.

( All images and materials are copyright protected 
and are the property of their respective authors.

If the author deems improper use, they will be deleted from
our site upon notification.) Scrivi a
liberaeva@libero.it


Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione.
L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY



TORNA SU (TOP)
 

LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati
  Contatti