HOME   CERCA NEL SITO   CONTATTI   COOKIE POLICY
 
 1
IL MESTIERE ANTICO
 
 

Viaggio nel piacere
Lima
Le tante ombre
della notte peruviana
 


 
 


 
.Lima è senza dubbio una delle città più affascinanti di tutto il Sud America, è il cuore pulsante della cultura, dell’arte e della musica.
Sto girando per le strade della capitale peruviana, è sera e la nightlife è concentrata soprattutto nei quartieri di Miraflores, San Isidro e Barranco. Il centro è relativamente movimentato e già a partire dal giovedì sera le strade si animano di gente che vuole divertirsi.

Tra una miriade di venditori ambulanti, mendicanti, giocolieri, perditempo, uomini d’affari più o meno affaccendati e le immancabili ragazze che offrono piacere come fosse una qualunque merce cerco di gustarmi la maestosa movida peruviana.
Miraflores ad esempio offre tantissimi locali dove si fa musica dal vivo tra i quali il Coccodrillo Verde, dove si fa buon jazz e blues.
La movida di San Isidro è invece più raffinata, con numerosi bar eleganti e club di tendenza adatti a un pubblico più esigente. È il quartiere artistico e culturale di Lima, che di giorno mostra il suo fascino bohémien e di notte si trasforma in un vortice di persone, musica e folclore con i suoi salsadromos ossia sale da ballo dedicate alla salsa e al merengue. Ma il cuore della vita notturna della capitale è senz’altro Barranco, da sempre sinonimo di divertimento sfrenato. Qui è però possibile rilassarsi nei tranquilli locali all’aperto con vista sull’Oceano, in particolare nei pressi del Puerte de los Suspirios.

Per quanto riguarda il sesso iniziamo col dire che qui in Perù come in Bolivia, Ecuador, Colombia, Cile, Uruguay e Venezuela la prostituzione è del tutto legale. La legge punisce il pimping ovvero lo sfruttamento della prostituzione fino ad una pena massima di sei anni di carcere raddoppiata in caso di minori.
Ovviamente ci sono vincoli da rispettare tipo che ogni prostituta deve essere di nazionalità peruviana e registrata, possedere un certificato sanitario ed avere più di diciotto anni, ma la maggior parte di loro sedute nei bar, nelle hall degli hotel o in piedi fuori dai locali lavora in modo clandestino e non è ufficialmente registrata.

A Lima ci sono bordelli legali e hotel con licenza, ma a differenza di altre capitali europee tipo Amsterdam qui non esistono quartieri a luci rosse. Insomma il mestiere più antico del mondo si pratica ovunque con la tolleranza della polizia che chiude un occhio su bordelli illegali, centri massaggi e night club con spogliarelliste che offrono qualsiasi tipo di spettacolo e servizio annesso. Negli alberghi è lo stesso addetto alla reception che mostra ai propri ospiti le foto delle donne disponibili. Se l'ospite è interessato, troverà comodamente nella sua stanza la ragazza che ha scelto.

Le prostitute che battono la strada spesso minorenni provengono da comunità contadine indigene dell’altipiano andino, a centinaia di chilometri dalla capitale. Povere e con poca educazione, costituiscono una facile preda per i trafficanti. Le ragazze sono reclutate con false promesse di lavoro e poi obbligate illegalmente a vendersi nei bar o sui marciapiedi. Spesso hanno trascorsi di violenza fisica e psicologica, e soprattutto di tossicodipendenza.
La prostituzione di donne maggiorenni è invece legale e può portare a guadagni medi di 600 dollari al mese, più del doppio del salario minimo.

Nel mio albergo vicino a Plaza de Armas incontro Mirna, lei è seduta su un divano di velluto rosso, intuisce che sono straniero e mi dice subito che è regolare con tanto di certificazione sanitaria. Dice di avere 21 anni, anche se all’apparenza ne dimostra meno di diciotto, dice che studia cosmesi e il suo sogno è quello di aprire un negozio di estetica. “Quando avevo sedici anni mio padre è stato arrestato per droga e mia madre poco dopo si è ammalata di tubercolosi ed ha cominciato a picchiarmi, tanto che sono stata costretta a fuggire. Sono arrivata qui a Lima tramite una ragazza più grande di me che credevo mia amica, con il suo compagno mi ha ospitata a casa sua, ma dopo un po’ di tempo mi ha spinto a bere alcolici e a darmi droga. Alla fine sono finita per strada e mi sono prostituita illegalmente, quello che guadagnavo andava tutto nelle sue tasche e in quelle del suo compagno. Ma io non volevo sottostare a quel tipo di vita, troppo pericolosa, sono stata arrestata due volte dalla polizia, per cui quando ho conosciuto il mio attuale compagno, tramite lui, che ha un amico che lavora in comune, sono riuscita a farmi registrare legalmente come prostituta. Abbiamo un bambino insieme, ma lui non ha una paga fissa per cui quando non lavora sono io ad uscire di casa la sera. Ora lavoro solo negli alberghi, ma lo faccio solo per il mantenimento di nostro figlio, non mi interessa il lusso e d’accordo con il mio fidanzato, continuo gli studi e faccio praticantato fino a quando potrò realizzare il mio sogno."

Mirna in un certo senso si sente già realizzata, del resto lavorare come prostituta legale porta dei vantaggi, ma quando parla del suo futuro centro di estetica le brillano gli occhi. Per il resto la sua storia è comune a tante altre. Mi dice: “Guarda che se vieni con me, non rischi nulla…” Mette la mano in borsa e tira fuori il suo prezioso documento. Le dico che non sono qui per questo. “Non ti piace il mio seno? Le mie gambe?” È quasi sorpresa. Allora le faccio i complimenti, è davvero una bella mora, formosa al punto giusto, ma quando le dico che sto solo facendo un reportage, lei cambia espressione, considera il mio rifiuto come un affronto. Allora si alza: “Amico, io non ho tempo da perdere.” Sopra i suoi tacchi vertiginosi guadagna l’uscita, dalla vetrina la vedo camminare altezzosa e confondersi nella notte peruviana con le tante altre ombre notturne in cerca di qualche dollaro.

 


FINE

 



 





1


ARTICOLO A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
WEB REPORTAGE
© All rights reserved
FONTI
https://it.gevgelija-tourism.com/blog/
https://www.peru4you.it/
https://it.insideover.com/donne/
http://www.vita.it/it/
IMAGE GOOGLE

© Riproduzione riservata



 





SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1
 
Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY



TORNA SU (TOP)
 

LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati
  Contatti