HOME   CERCA NEL SITO   CONTATTI   COOKIE POLICY
 
 1
AMARSI? CHE CASINO!
 
 

IL MESTIERE ANTICO
Viaggio nel piacere
Boca Chica
 Sexo, bachata, merengue e Cuba Libre

 


 
 


... 
..Boca Chica Santo Domingo. Ho preso una stanza al Coco Playa Hotel quattro stelle con accesso diretto sulla spiaggia. Il titolare Carlos mi dice che la struttura offre una pizzeria, un ristorante e un pub che apre da mezzanotte fino all’alba. Insomma chi ha voglia di buona compagnia questo è il luogo ideale come del resto sulla Calle Duarte la strada parallela alla spiaggia che è di fatto il centro della vita notturna con locali e discoteche tra cui il Bar Route 66, lì le cameriere, per lo più Dominicane e Haitiane, sono molto carine e se invitate ad uscire dopo il lavoro accettano volentieri, sempre pronte a bere una birra e a ballare una bachata. Per trascorrere una bella serata sono sufficienti mille pesos Dominicani ossia 17 euro al cambio attuale.

La spiaggia di Boca Chica si affaccia su una baia naturale protetta da una barriera corallina a forma di semicerchio. La spiaggia non è privata per cui si è letteralmente presi d’assalto dai venditori ambulanti e dalle ragazze che vendono massaggi. Carlos mi dice che i Dominicani sono un popolo molto socievole e di buon carattere, a volte troppo spensierato. Qui non esiste il concetto del risparmio, quello che si ha si spende perché si vive alla giornata. Fare sesso da queste parti è considerata una cosa normale, dopo il baseball è lo sport nazionale, da queste parti il livello d’incontri extraconiugali è altissimo. Far l’amore ovunque e con chi ti pare, è un loro pensiero fisso e se poi arriva un regalo alla fine è ancora meglio. Molte ragazze hanno uno o più figli avuti da un domenicano, il quale spesso e volentieri abbandona la famiglia, i figli di solito sono cresciuti dalle nonne. Il turista medio che viene da queste parti è ultra cinquantenne e non cerca solo sesso, ma è interessato ad un rapporto duraturo. La ragazza dall’alto della sua esperienza individua immediatamente il pollo convincendolo che nel breve giro di qualche giorno si è innamorata pazzamente di lui. Quindi cercherà di farsi aiutare, lei e tutta la famiglia, e il turista partirà con la certezza di avere una fidanzata fedele che lo aspetterà per il prossimo anno.

È sera cammino insieme a Carlos lungo la strada principale, è praticamente impossibile non imbattersi in chi ti vuole offrire una serata indimenticabile in compagnia di qualche chica. I vestiti scollati rivelano seni inesistenti, i fianchi sono appena pronunciati che appartengono a delle ragazzine adolescenti. E l’ora dello struscio, quando il buio cala su sdraio e ombrelloni. Ai bordi delle strade si formano dei capannelli con ragazzine in minigonna e tacchi alti ferme sui marciapiedi. Qui non ci sono bordelli, il mercato della carne avviene alla luce del sole.

Purtroppo Boca Chica è anche una meta molto ambita per chi pratica il turismo sessuale. Qui la prostituzione c’è… e non è neanche molto discreta. Ci si prostituisce ovunque, ad esempio la discoteca Burbujas è piena di ragazze non ancora ventenni in cerca di clienti. Prosegue Carlos: “Appena entri sei circondato! La maggior parte conosce l’italiano e con pochi dollari passi una serata indimenticabile. Del resto qui la polizia, a differenza di Cuba, ferma le ragazze che girano da sole mentre se sono in compagnia del turista, non le guardano neanche.”

Mi dice che negli ultimi anni la situazione economica dell’isola è precipitata e la crisi ha portato molte ragazze e ragazzi sulla strada, anche minori. Oltre il 25% della popolazione domenicana vive al di sotto della soglia di povertà. Alle volte sono le stesse famiglie a spingere i figli a prostituirsi. Secondo report internazionali la Repubblica Dominicana si colloca al quarto posto nel mondo dopo Brasile, Tailandia e Filippine in quanto a prostituzione. Sarebbero circa trentamila i minori fino a diciassette anni coinvolti nel mercato del sesso e si stima che due turisti su dieci approdano da queste parti per fini sessuali. E il fenomeno è così diffuso che le autorità sono state costrette ad affiggere degli avvisi allo scalo internazionale Las Américas, con scritto: «L’uso di minori per prostituzione e pedopornografia è punito con il carcere fino a 10 anni e multe fino a un milione di pesos». Di contro la prostituzione tra maggiorenni è tecnicamente legale.

“Pensa,” dice ancora Carlos, “ci sono ragazze che dormono direttamente sulla spiaggia sotto le palme ed aspettano il turista che di solito chiede rapporti orali o “sexo por atrás”. Qui non è tutto da immagine da cartolina sole, mare e piña colada che vi arriva in Europa. Chiunque qui, per pochi dollari, il prezzo di una cena, ma per loro una paga di una settimana, può portarsi una ragazza a letto, ma ripeto non è un escort e decisamente non pensa di esserlo è semplicemente una ragazzina che vende il proprio corpo per denaro. Poi ovvio il business è entrato nel sangue dei domenicani e quindi c’è anche una sorta di prostituzione organizzata che si svolge negli strip club e nei saloni di massaggi in cui è consentito al turista cliente di prendere una ragazza a suo piacimento fuori dal suo orario di lavoro, pagando una "salida" ossia il diritto di uscita. La ragazza non dirà mai di no se il cliente è straniero e lui a quel punto è libero di portarla in albergo dove gli addetti chiuderanno un occhio e a volte dietro lauta mancia anche tutti e due.”
.

..
 





1


WEB REPORTAGE
© All rights reserved
FONTI
https://it.wikipedia.org/wiki/Boca_Chica
https://www.bocachicaplaya.com
https://turistipercaso.it/
https://www.treccani.it/enciclopedia/
https://www.corriere.it/
https://www.bocachicaplaya.com/








 




SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1
 
Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e
l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.

( All images and materials are copyright protected 
and are the property of their respective authors.

If the author deems improper use, they will be deleted from
our site upon notification.) Scrivi a
liberaeva@libero.it


Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione.
L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY



TORNA SU (TOP)
 

LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati
  Contatti