HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Adamo Bencivenga
La signora dello swing






 


NEW ORLEANS – SWING CLUB NIGHT
12 SETTEMBRE 1938 LUNEDÌ
INTERNO SERA
L’ORCHESTRA ESEGUE UN VECCHIO PEZZO DI LOUIS AMSTRONG: I CAN’T GIVE ANYTHING BUT LOVE

Alexandra: Salve.
Peter: Salve madame.
Alexandra: Posso sedermi qui con lei?
Peter: È stanca?
Alexandra: Oh qui non si può mai essere stanche, almeno fino all’orario di chiusura…
Peter: La invitano in molti a ballare?
Alexandra: Questa musica rispetto al jazz è molto più adatta al ballo, comunque non mi posso lamentare, più si balla e più si ordina champagne.

L’UOMO SI ACCENDE UNA SIGARETTA. LA DONNA LO GUARDA
Alexandra: Potrei farle compagnia… sempre che lei lo desideri…
Peter: Se è sua intenzione mostrarsi gentile, bere qualcosa insieme ed ascoltare questa meravigliosa musica insieme, lei è la benvenuta…
Alexandra: La ringrazio, sa qui la direzione ci vuole sempre impegnate a parlare con i clienti. Le donne sole danno una brutta immagine al locale.
Peter: Capisco mia cara, ma spero che la proposta non sia d’altra natura, in quel caso devo dirle subito, per non farle perdere tempo, che quel genere di cose m'interessa molto poco al momento.
Alexandra: Non le stavo proponendo niente del genere, la stavo osservando da lontano…
Peter: Sono un uomo così interessante?
Alexandra: Beh sì lo è, ma volevo avvertirla di fare attenzione. Ci sono due brutti ceffi che non la perdono di vista. Se viene da queste parti non dovrebbe indossare quella cravatta così elegante e costosa…
Peter: Crede che io sia in pericolo?
Alexandra: Se sta con me sarà al sicuro, la crederanno un mio cliente e un pollo che già si sta facendo spennare non è un loro obiettivo. Sarebbero di troppo.
Peter: E perché sta facendo questo per me?
Alexandra: Perché la noto già da un'ora e si vede a mille miglia che è un uomo solo.
Peter: Faccio pena?
Alexandra: Fa gola ai malintenzionati, ma non si preoccupi con me non ha nulla da temere.
Peter: Comunque grazie per il pollo.
Alexandra: Oh mi scusi è solo un modo di dire.
Peter: Tranquilla non sono permaloso…
Alexandra: Comunque se è un frequentatore di questo locale sa benissimo che una bottiglia di champagne costa quanto mezzo stipendio di un operaio specializzato.
Peter: Il denaro non è mai stato un mio problema.

L’UOMO GUARDA CON ATTENZIONE LA DONNA.
Peter: Lei è russa vero?
Alexandra: Si nota molto?
Peter: Beh non credo sia un difetto… La guardavo ed ho origliato quando ballava col suo amico.
Alexandra: Non era un mio amico, diciamo uno che alla fine ci ha ripensato. Come vede ora sta ballando con una mia collega.
Peter: Le dispiace?
Alexandra: Normale amministrazione. Qui funziona così, prima si balla e poi eventualmente ci si accomoda al tavolo e si ordina champagne.
Peter: Conosco le regole.
Alexandra: Come fa a sapere che sono russa?
Peter: Ha l’aria di essere un’aristocratica. E poi è bella e malinconica, diciamo due ingredienti inconfondibili.
Alexandra: Lei è una persona molto intuitiva.
Peter: So che sono tempi duri per voi russi, so che siete stati cacciati dal vostro paese… Essere strappati dalle proprie terre è sempre un trauma.
Alexandra: Il passato è passato. Ora sono Alexandra, cittadina americana.
Peter: Volevo solo dirle che io capisco il motivo per cui lei...
Alexandra: La ringrazio... si tira avanti. In qualche modo ci si deve anche guadagnare da vivere non crede?
Peter: Oh sì giusto… immagino quanto sia stato difficile agli inizi… Una donna come lei avrà dovuto reinventarsi la vita…
Alexandra: Non è stato facile, ma da che mondo è mondo, mi scusi la schiettezza, allargare le gambe non è mai stato un problema e le assicuro non c’è bisogno di una scuola particolare.
Peter: Sì in effetti se si ha stomaco forte credo sia il mestiere più naturale di questo mondo. Lei lo ha?
Alexandra: A tutto si fa l’abitudine. Il segreto è non pensare.

L’UOMO GUARDA IN DIREZIONE DEI DUE CEFFI CHE STANNO CONSUMANDO SEDUTI AL BANCONE DEL BAR.
Peter: Comunque grazie per l'aiuto e poi conversare con lei è davvero piacevole, sa sono vedovo e certe sere è davvero doloroso rimanere in casa da soli per cui vengo in questi posti ad ascoltare buona musica swing.
Alexandra: Fossero tutti così discreti i clienti… Sarebbe un piacere fare questo mestiere.
Peter: Non lo è?
Alexandra: C’è di meglio in giro.
Peter: Lei è donna piena di grazia e ricca di fascino credo non le sia difficile trovare compagnia… Sbaglio?
Alexandra: Non creda… non tutti gli uomini sanno apprezzare, come dice lei, fascino e grazia,
Peter: Immagino che quella mora lì giù in fondo, dal seno generoso, abbiamo molto più successo di lei…
Alexandra: Ognuno offre quello che ha, è la legge del mercato…

L’UOMO SI DISTRAE, ORA STA ASCOLTANDO ATTENTAMENTE L’ORCHESTRA.
Peter: La sente questa canzone? Si tratta di Minnie the Moocher. Pensi che è stata cantata anche da Bette Davis nel film The Cabin in the Cotton.
Alexandra: Oh sì la conosco! È davvero piacevole…
Peter: Che sbadato non ho ancora ordinato lo champagne.
Alexandra: Sono stata io a sedermi qui, se vuole può anche non ordinare.
Peter: Non la voglio mettere in imbarazzo.

L’UOMO CHIAMA IL CAMERIERE ED ORDINA DUE BOTTIGLIE DI CHAMPAGNE
Peter: Le confesso che a me non piacciono per nulla le bollicine.
Alexandra: E allora perché lo ha fatto?
Peter: Lei sta lavorando ed io invece sto solo ascoltando musica…
Alexandra: Stasera avevo raggiunto già il mio budget, non ce n’era bisogno, mi creda.

IL CAMERIERE PORTA LO CHAMPAGNE.
Alexandra: Vuole ballare?
Peter: Preferisco rimanere seduto grazie. Lei è una bellissima donna… Ascoltare musica insieme si raggiunge una meravigliosa intimità…
Alexandra: Per quella ci sono anche altri modi. Tipo parlare, raccontarsi…
Peter: Ha bisogno di parlare?
Alexandra: Oh no, non voglio annoiarla la mia storia è davvero triste.
Peter: A me basta quello che so di lei.
Alexandra: Praticamente nulla… del resto da quando sono qui mi sono ripromessa solo di ridere e cancellare il mio passato. E poi il fatto che non sappia nulla di me mi aiuta ad essere più leggera.
Peter: Lei è una donna perfetta.
Alexandra: Ma che dice? Mi conosce da solo da una mezzora scarsa…
Peter: Conosco il suo nome e credo sia vero.
Alexandra: Verissimo, ma mi perdoni, un nome vale un altro e poi non sa nemmeno come sono fatta…
Peter: Non mi interessa vederla nuda… a volte i nomi, i vestiti, i modi raccontano molto di più delle parole o di un seno sia pure meraviglioso come il suo.
Alexandra: Non è abbondante come quello della collega.
Peter: Preferisco il suo.
Alexandra: Lei è molto gentile e con le parole ci sa fare, ma a questo punto immagino che il mio seno non le interessi affatto.

L’UOMO RIMANE UN ATTIMO IN SILENZIO, RESPIRA PROFONDAMENTE E POI RIPRENDE.
Peter: So cosa vado cercando...
Alexandra: Sta cercando qualcosa?
Peter: Tutte le persone sole cercano qualcosa o qualcuno.
Alexandra: Mi perdoni… sta cercando una moglie per caso?
Peter: Mi perdoni lei, ma senza dubbio non la cercherei qui. Diciamo che sto cercando una donna con cui ascoltare lo swing.
Alexandra: Si accontenta di poco allora…
Peter: Perché mai?
Alexandra: Mi sembra un desiderio bizzarro e fine a se stesso.
Peter: E invece sarebbe l’inizio di un lungo percorso.
Alexandra: E chi le dice che io sia la donna adatta a lei?
Peter: Sono certo che lei ha tutto ciò che serve ad una persona sola, classe, tragedia, malinconia, decadenza, rughe e sensualità...
Alexandra: A parte le rughe lei mi lusinga.
Peter: Una donna senza rughe non potrà mai essere affascinante. Le rughe sono sinonimo di vita vissuta, di profondità d’animo, di bellezza oltre il concetto ordinario.
Alexandra: Detta così spero che arrivino presto allora.
Peter: Le ha, le ha… mi creda, pur essendo giovane ci sono. Le rughe sono segni del tempo ed il tempo inizia da quando si nasce.
Alexandra: Non sono giovane.
Peter: Tra noi due ci saranno almeno venti anni di differenza, come vuole che giudichi la sua età?
Alexandra: Le ripeto, lei gioca bene con le parole, riesce a capovolgere anche i concetti più elementari. Mi piacerebbe conoscerla meglio, per ora so soltanto che è un uomo solo.
Peter: Ascolti mia cara Alexandra, io sono una persona sola, ma anche benestante, quindi potrei avere qualsiasi cosa che desidero, basta pagare del resto, ma sento che mi mancherebbe comunque qualcosa.
Alexandra: Una donna intende?

LA DONNA ACCAVALLA SPONTANEAMENTE LE GAMBE. L’UOMO COGLIE LA MALIZIA
Peter: Non in quel senso, ma adoro essere sedotto.
Alexandra: Mi sembra una impresa ardua… Lei dice che potrei sedurla?
Peter: Lo sta facendo…
Alexandra: Allora sono a buon punto…
Peter: Esistono vari tipi di seduzione, deve solo indovinare quale sia il più adatto ad un uomo solo, appassionato di musica swing.
Alexandra: Me lo ha già detto. Una donna che le tenga compagnia.
Peter: Un po’ poco non crede? Diciamo una donna che entri in simbiosi con me e sappia ascoltare musica swing in una specie di rapporto intimo. Ha presente quando iniziano a vibrare all’unisono le corde dell’anima?
Alexandra: Qui dentro la vedo difficile.
Peter: È qui che si ascolta musica.
Alexandra: Mi accorgo che le mie risposte suonano di una superficialità estrema. Sa cosa desidererei ora? Non apparirle banale.
Peter: Lei non è affatto banale, madame, esprime concetti di vita vissuta. È una specie di autodifesa ed io la comprendo.

L’UOMO CHIAMA IL CAMERIERE ED ORDINA UN’ALTRA BOTTIGLIA DI CHAMPAGNE NONOSTANTE LE DUE SUL TAVOLO SIANO ANCORA COMPLETAMENTE PIENE.
Alexandra: Quindi mi devo rendere disponibile la sera quando lei viene qui e rimanere seduta al tavolo… Beh le considererei giornate di estremo riposo.
Peter: Non creda sia facile, l’anima è più esigente del sesso. Se lo facesse sarebbe la donna ideale per me.
Alexandra: Non saprei come iniziare…
Peter: In parte già lo fa.
Alexandra: Quindi dovrei provare delle sensazioni forti ascoltando musica, questo intende?
Peter: Le chiedo di più ovvero quello di raggiungere un vero e proprio orgasmo. Né più e né meno come quando si abbandona col cliente. Ovviamente cambiano gli stati d’animo.

LA DONNA SORRIDE.
Alexandra: Ossia una fusione senza fisicità? Non sarebbe più facile salire quelle scale?
Peter: Mi sembra di averle spiegato chiaramente le mie intenzioni fin da quando si è seduta a questo tavolo.
Alexandra: Capisco.
Peter: Ordinerò tutte le bottiglie di champagne che vuole.
Alexandra: Ma un rapporto intimo così particolare, ha bisogno di conoscenza esclusiva solo in quel caso si raggiunge la totale sintonia.
Peter: Due persone, per conoscersi, non hanno bisogno di raccontare il proprio passato, ma di riempire il presente. Ed a me, per il momento, basta sapere che è qui a tariffa ed è un’aristocratica caduta in disgrazia, non mi serve altro.
Alexandra: Quindi anche il mio mestiere conta?
Peter: Diciamo che ha esperienza da vendere, conosce i tempi e sa quando raggiungere l’estasi, cambierebbe solo il mezzo per raggiungerla.
Alexandra: Quindi non le serve altro… Musica, esperienza e classe.
Peter: Esattamente.
Alexandra: Quindi suppongo che sapere che ho una figlia e sono anch'io vedova le rovinerebbe l'immagine che ha di me e della donna perfetta che lei crede che io sia.
Peter: Lei è perfetta così, non chiedo altro. Se non fosse vedova, se non fosse madre cambierebbe poco.
Alexandra: E se non mi sentissi adeguata per questo ruolo?
Peter: So che offrire le sue grazie diciamo carnali è un modo molto più facile per realizzarsi e dare un senso al su lavoro.
Alexandra: Mi sentirei meno incompleta.
Peter: Lo immagino, del resto quello è il suo compito e lo svolgerà in modo perfetto, ma ripeto ci sono diversi modi per entrare in intimità.
Alexandra: Lei è un tipo curioso, non ho mai conosciuto un uomo che confonde la musica col sesso.
Peter: Oh no, lungi da me, ne ho ben chiara la differenza. Credo che tramite la musica si possa arrivare davvero ad rapporto carnale, ma non necessariamente il contrario.

LA DONNA GUARDA LE BOTTIGLIE PIENE SUL TAVOLO.
Alexandra: Lei mi sorprende, comunque per sua informazione volevo comunicarle che avendo ordinato tre bottiglie di champagne, le mie grazie sono gratis e non deve pagare alcun supplemento.
Peter: Crede che non conosca le regole della casa? Non a caso ne ho ordinate tre.
Alexandra: Quindi non è venuto qui solo per ascoltare musica swing, ma anche per guadagnarsi il diritto di avere una donna a propria disposizione.
Peter: Esatto. Adoro questa sottilissima perversione. Se le chiedessi di salire quelle scale lei non potrebbe dirmi di no. Ed io invece, pur avendone acquisito il diritto, voglio dimostrarle che non mi interessa affatto.
Alexandra: Ma ne ha diritto, lo faccia. Magari solo per curiosità oppure per vedere e toccare con mano quello che si è perso. Oppure per rendersi conto quanto le mie tette siano di suo gradimento.
Peter: Sarebbe banale non crede? Il godimento estremo è averla qui pur sapendo che sopra ci attende un letto matrimoniale comodo e una stufa accesa.
Alexandra: Come fa a sapere questi particolari?
Peter: Beh diciamo che ogni tanto sono ospite di qualche sua collega.
Alexandra: Quindi sono io che non le piaccio.
Peter: Non la reputo adatta per quel ruolo.
Alexandra: Ora mi offende.
Peter: Mia signora la sto gratificando. Lei è una donna dalle buone maniere e sinceramente non ha né l’aspetto né tantomeno i modi.
Alexandra: Sono solo buona ad ascoltare musica?
Peter: Se ora salissi quelle scale sarebbe solo per diritto acquisito e non per desiderio.
Alexandra: Quindi ho ragione, lei non mi desidera.
Peter: Le farei un torto se facessi l’amore con lei per tre bottiglie di champagne sia pure di quello buono. Quello che invece desidero è vederla godere su questa sedia mentre la musica pervade totalmente la sua anima e il suo corpo.
Alexandra: Le tre bottiglie sono la mia tariffa e la chiave per entrare nella mia intimità! Se non avessi trascorso la serata con lei ci sarebbe stato un altro cliente e le assicuro che a nessuno interessa il mio passato.
Peter: Prima le dicevo che non mi interessa il passato e per quanto mi riguarda il suo passato è finito nel momento in cui lei si è seduta qui.
Alexandra: Perché fa questo per me? Perché mi considera di più di quello che faccio?
Peter: Perché se fosse rimasta nel suo paese non si illuderebbe di vivere all’insegna della leggerezza come vuole far credere.
Alexandra: La leggerezza mi aiuta a vivere.
Peter: Lei suona il piano vero?
Alexandra: Come fa a saperlo?
Peter: Osservo le sue mani madame, il modo con cui muove le dita.
Alexandra: Lo suonavo.
Peter: È stata una rinuncia dura vero?
Alexandra: Se fosse stata solo quella sarebbe stata poca cosa… comunque col pianoforte non ci si guadagna da vivere.
Peter: È dura pensare che ci siano uomini disposti a pagare le sue grazie senza sentirla suonare lo swing.

LA DONNA SI GUARDA INTORNO, L’ORCHESTRA HA SMESSO DI SUONARE-
Alexandra: È quasi l’ora di chiusura ha ancora tempo per cambiare idea.
Peter: Se al piano di sopra ci fosse un pianoforte ora la seguirei volentieri.
Alexandra: Le assicuro che è arte anche quella.
Peter: Non lo metto in dubbio, lei è una signora di classe, ma le sue tette, seppure incantevoli, non suonano lo swing.
Alexandra: Certo forse non sentirà le note dello swing, ma le assicuro che tra le mie gambe raggiungerà comunque l’incanto dei sensi.

LA DONNA SI ALZA DAL TAVOLO.
Alexandra: Signore, è stato davvero un piacere… La sua proposta è allettante come le bottiglie di champagne che ha ordinato inutilmente…
Peter: Mi lascia così?
Alexandra: Lei è un uomo dalla fervida fantasia, ma ahimè tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare.
Peter: Posso sapere se sta uscendo e se dopo è impegnata?
Alexandra: A lei piace giocare, ma io considero il mio lavoro una cosa seria.
Peter: Crede che non sia serio? Mi dia una possibilità. È libera?
Alexandra: Sono libera come una farfalla, mia figlia dorme dalla nonna.
Peter: Posso invitarla per una passeggiata lungo il fiume?
Alexandra: Confermo che lei è un tipo molto curioso. Invece di invitarmi al piano di sopra vuole fare una passeggiata con me. Il suo romanticismo mi disarma.
Peter: Beh… la notte è ancora molto lunga…
Alexandra: La notte è lunga solo per gli amanti, mio signore…
Peter: Facciamo due passi, poi senza pensarci troppo si potrebbe sempre prendere la strada che porta alla mia villa.
Alexandra: Oh ma che onore! Ma l’avverto se usciamo da qui lei perde il diritto delle tre bottiglie di champagne…
Peter: Ma acquisirei il diritto di conquistarla.
Alexandra: Lei è davvero un tipo originale.
Peter: Accetta la mia proposta? Viene da me?
Alexandra: A fare cosa mi scusi…
Peter: Ascoltarla mentre suona nuda per me…
Alexandra: E cosa dovrei suonare?
Peter: Ovviamente lo swing.


 

 

 

 

 
FINE










 
 
 




Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..

© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA


© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore


















1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1