HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI


1

Adamo Bencivenga
Il Cornuto

  





  
Photo Benhaim David
  
   
 


MOGLIE E MARITO STANNO GIOCANDO A PIQUET. LA DONNA È IMPEGNATISSIMA L’UOMO LA GUARDA, OSSERVA GLI SFORZI DI LEI E SORRIDE. LEI SI LASCIA ANDARE E POI GETTA LE CARTE SUL TAVOLO.

ARIANNA Mi hai battuta ancora!
STEFANO E già mia cara, è la terza partita, stasera non sei in vena… Smettiamo?
ARIANNA Mi viene un nervoso. Ma come fai a vincere sempre?
STEFANO È solo questione di concentrazione e fortuna.
ARIANNA Beh allora sono distratta e jellata.
STEFANO Chi non è fortunata nel gioco però…
ARIANNA Se fossi stata fortunata in amore non avrei sposato te.
STEFANO Ci sono così tanti uomini migliori di me in giro… ne sai qualcosa?
ARIANNA Lasciamo perdere...

L’UOMO METTE IN ORDINE LE CARTE E LE RIPONE NEL COFANETTO D’ARGENTO.
STEFANO Perché lasciare perdere? Anzi, dai parliamo un po’… è tanto tempo che non lo facciamo. Dove sei stata oggi?
ARIANNA Dove vuoi sia andata…
STEFANO Non lo so dimmelo tu…
ARIANNA Sono stata al Circolo come al solito.
STEFANO Hai giocato a Padel? Ora va tanto di moda…
ARIANNA No a canasta con la mia amica Lucrezia ed altre due signore che non conoscevo.

STEFANO SI ALZA, SCUOTE LA TESTA E SORRIDE. POI PREPARA DUE BICCHIERI DI ANISETTE CON OLIVA E GHIACCIO.
STEFANO A proposito proprio oggi ho incontrato Amedeo Rizzi al bar sotto l’ufficio, quello che si atteggia a campione di tennis… Te lo ricordi? Non lo vedevo da anni sai…
ARIANNA Ah bene e cosa ti ha detto?
STEFANO Che il Circolo è chiuso da circa un anno a causa della pandemia. Strano no?
ARIANNA E quindi?
STEFANO Beh il dubbio è lecito, mi domandavo dove tu sia stata oggi.

LA DONNA SI AGITA, ACCAVALLA DUE VOLTE LE GAMBE, POI SI ACCENDE UNA SIGARETTA.
STEFANO Tesoro ti prego non fumare qui.
ARIANNA Se lo sai perché mi chiedi dove sono stata?
STEFANO So che non sei stata al Circolo per il resto posso solo immaginare.
ARIANNA E cosa immagini?
STEFANO In questi casi è lecito sospettare sulle virtù della propria moglie.
ARIANNA Dai ti prego facciamola finita con questa commedia.
STEFANO Ecco appunto… cosa hai fatto di bello oggi?
ARIANNA Mi spiace avrei dovuto dirtelo…
STEFANO Che sono cornuto?
ARIANNA Chissà come ci sarai rimasto… davanti a quel presuntuoso di Amedeo.
STEFANO Non me lo aspettavo, sicuramente mi sarà venuta un’espressione da ebete.
ARIANNA Beh forse già lo immaginavi, no?
STEFANO Cosa? Che il Circolo è chiuso o che mi mettevi le corna?
ARIANNA Forse più la seconda della prima…
STEFANO Dato che è più di un anno che mi dici che vai due volte a settimana al Circolo, mi sa che le mie corna sono molto lunghe… di certo più di quanto credessi…
ARIANNA Dai smettila non scherzare.
STEFANO Oh assolutamente no, l’ironia non è uno scherzo e questa mi sembra una cosa molto seria.
ARIANNA Sì ma non usare quel termine, mi metti a disagio!
STEFANO Ah ho capito, è la parola cornuto che ti dà fastidio… ma non perché io le porti, ma perché in questo caso tu saresti la moglie di un cornuto.
ARIANNA Ma che dici? Straparli…

LA DONNA SI ALZA APRE LA FINESTRA, POI SI SIEDE SUL DIVANO E INGURGITA L’ANISETTE TUTTA D’UN FIATO.
STEFANO Dai non essere nervosa, prima o poi lo sarei venuto a sapere no?
ARIANNA Beh non mi sembrava il momento…
STEFANO Dici che c’è sempre un momento specifico per apprendere di essere cornuto?
ARIANNA Stefano per favore, non sopporto la tua ironia da quattro soldi. Dicevo solo che non ero preparata.
STEFANO Avresti voluto preparare un bel discorsetto? Tipo sai caro devo dirti una cosa importante o robe del genere?
ARIANNA Vedi che sminuisci tutto? Sei odioso.

LUI SI RIALZA E RIEMPIE DI NUOVO I DUE BICCHIERI.
STEFANO Passiamo alle note dolenti mia cara, chi è il fortunato… ovviamente si fa per dire…
ARIANNA Che importanza vuoi che abbia.
STEFANO Io sarò pure ironico, ma tu sei di una banalità disarmante… me l’aspettavo questa risposta scontata. Credi che non abbia importanza per me sapere da chi si fa scopare mia moglie?
ARIANNA Si chiama Maurizio Belli.
STEFANO E chi è? Ha il nome di un attore di fotoromanzi. Sarà sicuramente un bel tipo e senza un capello fuori posto, ma lo conosco?
ARIANNA Lo conosci certo, lo abbiamo incontrato insieme l’anno scorso a quella presentazione di quel libro del tuo amico.
STEFANO Ah sì ricordo, ci siamo stati poco più di mezzora… una cosa veloce allora… e poi scusa siamo stati tutto il tempo insieme, come hai fatto a conoscerlo?
ARIANNA Beh mi guardava insistentemente e tu come al solito non ti sei accorto di nulla. Ridevi, scherzavi e facevi le solite battute.
STEFANO Eh sì… colpa della mia atavica distrazione…
ARIANNA Tu sei distratto solo con me…
STEFANO Ti chiedo scusa, ma vorrei tanto sapere come è avvenuto l’approccio. Invidio questi uomini che riescono a rimorchiare belle donne sposate in pochi minuti e poi sornioni portarsele a letto quando meno te lo aspetti.
ARIANNA Mi guardava, mi ha anche sorriso da lontano, poi quando sono andata in bagno mi ha fermata.
STEFANO La cosa si fa interessante… Nel bagno delle donne?
ARIANNA Ma no scemo… Era appoggiato alla parete vicino alla porta della toilette.
STEFANO E come ha fatto a conquistarti? Ti ha detto che aveva voglia di venire in bagno con te?
ARIANNA Non sarebbe stato nel suo stile.
STEFANO Persona fine allora.
ARIANNA Mi ha semplicemente detto che in quella sala ero la stella più lucente.
STEFANO Un poeta allora.
ARIANNA Fa lo scrittore e il giornalista.
STEFANO Ha pubblicato allora?
ARIANNA È abbastanza famoso.
STEFANO Io non lo conosco però.
ARIANNA Tu l’ultimo libro che hai letto è stato Pinocchio se non sbaglio.
STEFANO Quindi sei rimasta affascinata dalla sua cultura…
ARIANNA Abbiamo parlato un po’, mi ha fatto i complimenti per come ero vestita e poi mi ha dato il suo numero di telefono.
STEFANO Hai capito lo scrittore famoso… Non ha perso tempo...
ARIANNA Perché avrebbe dovuto? Se una donna piace non c’è nulla di male corteggiarla.
STEFANO Immagino che tu ti sia fatta corteggiare allora.
ARIANNA Mi ha fatto promettere che lo avrei chiamato il giorno dopo e per educazione l’ho fatto.
STEFANO Ah giusto… per educazione… nient’altro vero?
ARIANNA Certo, non era mia intenzione, abbiamo solo parlato…
STEFANO Conversazione interessante credo…
ARIANNA Direi piacevole, ma poi mi ha chiesto di uscire a cena…
STEFANO Il falco era in agguato allora… E tu?
ARIANNA Ovviamente gli ho detto di no.
STEFANO Lo avrai deluso.
ARIANNA Conoscendolo ora, forse lo avrei deluso accettando immediatamente l’invito.
STEFANO Ah ecco, lui ti invita, tu rifiuti e lui è contento…
ARIANNA Non gli piacciono le conquiste facili.
STEFANO Ok… e quanto è andata avanti questo tira e molla dell’esco, non esco o forse?
ARIANNA Circa un mese.
STEFANO Beh una donna virtuosa calcola i suoi tempi…
ARIANNA Certo, non mi sembrava il caso…
STEFANO Sai mi sono sempre chiesto come faccia una donna a calcolare il tempo giusto per non essere considerata facile.
ARIANNA Non esiste alcun calcolo e poi avevo qualche senso di colpa nei tuoi confronti…
STEFANO Solo qualche vero?
ARIANNA Ci sentivamo quasi ogni giorno. I nostri discorsi si sono fatti sempre più confidenziali.
STEFANO Immagino che tu gli abbia parlato delle poche attenzioni che ricevi da tuo marito e come si vive male in coppia…
ARIANNA Ovvio, alla mia età il tempo scivola velocemente…
STEFANO Parlavate anche di sesso?
ARIANNA Ripeto non è nel suo stile…
STEFANO Ah ecco… e poi come è andata?
ARIANNA Lui insisteva nel vedermi e alla fine ho accettato.
STEFANO Scusa ed io dov’ero?
ARIANNA Tu sei distratto Stefano. Immerso nei tuoi progetti di villa da mille e una notte. Mi sono sempre chiesta se ami le tue case più di me…
STEFANO Le case non tradiscono, una volta costruite rimangono fedeli per tutta la vita… dai dimmi quando è successo.
ARIANNA Una sera che tu eri a Venezia per lavoro, lui mi ha chiamata, mi ha invitata a cena ed io sono uscita.
STEFANO Niente più sensi di colpa allora…
ARIANNA Ho cercato di non pensarci.
STEFANO Comunque ora ricordo, quella sera ho provato a chiamarti più volte e tu avevi sempre il telefono staccato. Poi mi hai detto che eri andata a dormire perché avevi un terribile mal di testa.
ARIANNA Era vero, il mal di testa lo avevo veramente. Non credere che per me sia stata una cosa facile.
STEFANO Immagino quanto fosse terribile accettare un invito a cena.
ARIANNA Sapevo che non sarebbe stata solo una cena.
STEFANO Hai ragione, capisco quanto sia doloroso mettere le corna.
ARIANNA Smettila!
STEFANO Scusa ricapitolando, tu eri a letto, lui ti ha chiamata e per incanto ti è passato il mal di testa immagino.
ARIANNA Sapeva che tu non eri in casa ed ha insistito. Io ero già a letto.
STEFANO E tu cosa hai fatto? Sei uscita in camicia da notte?
ARIANNA Ovviamente mi sono vestita e truccata.
STEFANO O per carità non dirmi come… Anzi no… voglio saperlo! Lo avrai stupito con effetti speciali…
ARIANNA Perché?
STEFANO Perché una donna che indossa lingerie sopraffina è già a metà del guado.
ARIANNA Quando vuoi sei un ottimo osservatore.
STEFANO La lingerie nessuno la vede se non si ha intenzione di farla vedere.
ARIANNA Semplicemente ho indossato ciò che mi avrebbe fatto stare bene.
STEFANO Conosco la tua malizia… del resto la seduzione è qualcosa a cui non rinunceresti mai.
ARIANNA Sono femmina no? Anche se tu a volte te lo dimentichi.
STEFANO La tavola l’ho sempre onorata!
ARIANNA Ci credo! Sono convinta che nessuna delle tue sciacquette la prepari nei dettagli come faccio io!

L’UOMO SI ALZA DI NUOVO, QUESTA VOLTA SI RIEMPIE IL BICCHIERE CON IL WHISKY.
ARIANNA Non bere, poi stai male.
STEFANO Oh grazie che ti preoccupi per i miei diverticoli. Insomma hai fatto questo sacrificio enorme e sei uscita, immagino che lui ti aspettasse qui sotto con il motore acceso. Deduco che abbia una bella macchina… E dove siete andati?
ARIANNA Prima siamo andati in un ristorante sul mare e dopo cena a casa sua.
STEFANO Ah bene il posto perfetto per mirare al bersaglio grosso.
ARIANNA Beh veramente lui mi ha proposto un albergo da quelle parti, ma mi sembrava squallido e poco decoroso.
STEFANO Ah già anche una scopata ha bisogno di un luogo che non la faccia sembrare una scopata.
ARIANNA Mi sarei sentita in imbarazzo.
STEFANO Ma sai cosa ti dico? Io preferisco uno di quei motel di periferia dove ci passa tutta la città. È più vero e tutto sembra com’è veramente.
ARIANNA Immagino tu sia esperto.
STEFANO Ed io invece immagino che a casa del tizio ti sia passato completamente il mal di testa.
ARIANNA Beh lui è stato molto carino e si è comportato da perfetto cavaliere. Mi ha baciata sì, ma mi ha anche detto che se non me la fossi sentita avrebbe rinunciato ed aspettato i miei tempi.
STEFANO Quante accortezze! Ma mica eri vergine!
ARIANNA Beh per me era la prima volta fuori dal nostro letto.
STEFANO Oh davvero un cavaliere, non c’è di che, e scommetto che ti abbia fatto mille complimenti per come eri bella, intanto però allungava le mani vero? Seno, fianchi eccetera…
ARIANNA Smettila! Non sei divertente! Anzi sai che ti dico? Mi hai stancata, me ne vado a dormire adesso.

LA DONNA FA PER ALZARSI.
STEFANO Eh no! Ora mi racconti. Cornuto sì, lo accetto, ma cornuto e mazziato no! E poi scusa, mi chiedo quale occasione migliore ti capiterà per farmi rendere conto di quanto sia cornuto.
ARIANNA Questo lo sai già.
STEFANO Sono i dettagli che fanno la differenza mia cara. Dimmi come ti sei fatta scopare?
ARIANNA Non ci provare… non scendo a queste bassezze.
STEFANO Giusto certe cose si fanno, ma non si dicono… Scusa ma tu ci credevi quando ti diceva che eri bella?
ARIANNA Perché non lo sono?
STEFANO Non posso negarlo, ma credo che in quel caso ci fosse un piccolissimo interesse e una pur minima convenienza.
ARIANNA A lui non servono questi mezzucci, ha del fascino da vendere…
STEFANO Vabbè non vuoi parlare dei dettagli e sorvoliamo anche sul suo fascino, dimmi almeno se ti ha fatto godere…
ARIANNA È un uomo meraviglioso, sa come trattare le donne.
STEFANO Tradotto… sei venuta alla grande… tu urlavi e lui rantolava?

LA DONNA SI SPAZIENTISCE. ALZA LA VOCE.
ARIANNA È una cosa seria te ne rendi conto? Se fosse stato solo sesso non ti avrei detto nulla.
STEFANO Forse è più seria per me che per te. Ti giuro che in questo momento non mi sto divertendo. E comunque ti ricordo che sono stato io a scoprire di avere le corna, non tu a dirmelo!
ARIANNA Ho sperato in tutti i modi che tu te ne accorgessi. Lo capisci? Ti ho tradito perché avevo bisogno di attenzioni!
STEFANO Questo l’ho capito! E non è che se continui a ripeterlo mi sento ancora più cornuto.
ARIANNA Sai la cosa che mi manda in bestia? È che tu in un anno non te ne sei mai accorto! Ed ora invece di chiederti perché mai sia successo, fai battute puerili.
STEFANO Qualche sentore ce l’ho avuto.
ARIANNA E quando?
STEFANO Almeno due volte, la prima quando una sera sono rientrato a casa e tu stavi piangendo.
ARIANNA Eravamo ancora agli inizi… non ti avevo ancora tradito. stavo male…
STEFANO Stavi male perché non mi avevi ancora tradito o perché non avresti voluto tradirmi?
ARIANNA Stavo male perché non sapevo che fare, lui non mi dava tregua, ma scusa se mi hai vista piangere ed avevi qualche sentore perché non hai insistito? Eri ancora in tempo…
STEFANO Mi hai detto che avevi mal di testa.
ARIANNA Ecco appunto, da quando in qua un marito crede al mal di testa della moglie?
STEFANO Avresti potuto semplicemente parlare…
ARIANNA Invece mi sentivo sull’orlo di un precipizio, se avessi insistito forse non ci sarei stata. E la seconda?
STEFANO Qualche mese fa quando sei tornata a casa con la calza smagliata e mi hai detto che eri stata al cinema con la tua amica Lucrezia.
ARIANNA Può succedere no?
STEFANO Oh sì, la calza sì, ma quando mi sono avvicinato per baciarti ti ho sentito addosso l’odore tipico dell’amore misto a dopobarba alla menta. Ed è stato lì che mi sono guardato allo specchio ed ho visto la classica faccia del cornuto.
ARIANNA E com’è l’odore d’amore?
STEFANO Non so, corna e fieno fermentato.
ARIANNA Non avevo potuto farmi una doccia.
STEFANO Scusa e dove l’avete fatto?
ARIANNA Lui è molto passionale a volte si ferma in qualche parcheggio.
STEFANO Hai capito lo scrittore! Si abbandona al sesso trasgressivo in auto!
ARIANNA Anche in quel caso non hai alzato un dito, però...
STEFANO Non avevo certezze e poi cosa avrei dovuto fare? Dirti sai amore puzzi di fieno?
ARIANNA Potevi dirmi altro…
STEFANO Mi veniva troia… ma non credo che ti sarebbe piaciuto. E comunque non riesco a credere che una signora come te si abbandoni al sesso veloce in auto. Almeno con me non lo hai mai fatto.
ARIANNA Se c’è la passione può succedere, quella passione che tu non conosci.
STEFANO Sai di solito per far l’amore si è in due e forse tra noi non c’è più quell’alchimia necessaria…
ARIANNA Tesoro, puoi dire tranquillamente che non c’è mai stata, ora che conosco Maurizio posso affermarlo con certezza.
STEFANO Vabbè ho capito, ci scopi bene. Lui ti ama, tu ne sei innamorata…
ARIANNA Non esagerare, volevo solo dire che tu hai altre qualità e quello che ci lega non è il sesso.
STEFANO Oh grazie, qualità che comunque vale la pena di tradire… E scusa il futuro cosa ti riserva? Se non sbaglio riguarda anche me…
ARIANNA Non è il momento di parlarne.
STEFANO Ah no? Devo aspettare i tuoi comodi o che tra voi maturi la convinzione di fare il grande passo…
ARIANNA Non sono questi i termini.
STEFANO E quali? Ancora non mi hai detto se è single, sposato, vedovo, separato, gay…
ARIANNA Ah gay non lo è affatto te lo assicuro…
STEFANO E allora cosa ti impedisce di andarci a vivere insieme? Per caso è sposato?
ARIANNA No, lo è stato, ora è separato ed ha una figlia che vive con sua madre…
STEFANO Scusa non capisco, è un anno che gliela dai e ancora non avete parlato del vostro futuro?
ARIANNA Non dobbiamo parlare di nulla. Ero io che non mi decidevo a parlare con te.
STEFANO E quando pensavi di dirmelo?
ARIANNA Se vuoi prendo le mie valigie e mi trasferisco da mia madre.
STEFANO Cosa cambierebbe? Qui o da tua madre il marchio resta, sarei lo stesso un cornuto almeno fino a quando non divorzieremo.
ARIANNA Ripeto non sono questi i termini. Io non voglio lasciarti.
STEFANO E come fai?
ARIANNA Non sempre un nuovo amore seppellisce quello precedente ed io non voglio uccidere il nostro rapporto.
STEFANO Ah bella questa, ora davvero non ci capisco più nulla.
ARIANNA Te l’ho detto, avrei voluto parlartene con calma, ma visto che stiamo affrontando l’argomento, ti chiedo se tu accetteresti questa situazione.
STEFANO Fammi capire, vuoi stare con tutti e due? Marito ed amante?
ARIANNA Lui non sarebbe un amante visto che tu ne saresti a conoscenza.
STEFANO Peggio che andar di notte allora. Insomma cosa sarebbe? Un secondo marito, un compagno, un amico intimo?
ARIANNA Qualcosa del genere, perché vuoi etichettare sempre tutto?
STEFANO E lui che ne pensa, lo sa?
ARIANNA Lui accetta ogni cosa per avermi.
STEFANO Anche in condominio?
ARIANNA Ti prego evita queste battute.
STEFANO Beh non sarebbe il solo ad entrare nelle tue grazie… lo sa o crede che io e te viviamo come fratello e sorella?
ARIANNA Tesoro, tu ed io lo facciamo così raramente che davvero non rischiereste di incontrarvi… tra le mie grazie…
STEFANO Sarebbe una situazione imbarazzante: “Oh mi scusi, faccia prima lei… si accomodi… no la prego dopo di lei…
ARIANNA Smettila non fai ridere.
STEFANO A proposito, ma ti è mai capitato di fare l’amore con entrambi nello stesso giorno?
ARIANNA Non ti rispondo.
STEFANO Allora ti è capitato. E dimmi con chi dei due hai finto.
ARIANNA Non fingo mai quando faccio l’amore.
STEFANO Ah già dimenticavo tu sei una donna calda…

L’UOMO FINALMENTE SI SIEDE E RIMANE IN SILENZIO.
ARIANNA Cosa pensi?
STEFANO Ma lo ha capito che oltre ad amante diventerebbe anche lui cornuto?
ARIANNA Lui non ci pensa a queste cose, è superiore. Comunque la questione non si pone se tu non accetti.
STEFANO Scusa e come faresti a dividerti? Un giorno con me e uno con lui?
ARIANNA Non lo so ovviamente, non ci ancora pensato, ma credo che se ci sarà la volontà e la comprensione ci si organizzerà nel migliore dei modi.
STEFANO Ma sarebbe una situazione stressante soprattutto per te.
ARIANNA Mi sobbarcherei oneri e onori, ma lo hai capito che ti amo e non voglio lasciarti?
STEFANO Ti prego di avere la decenza di non parlare d’amore in questo momento.
ARIANNA Sbagli, l’affetto che mi lega a te è qualcosa di indivisibile.
STEFANO Intanto però te lo scopi…
ARIANNA Tesoro tu la vedi unicamente sotto l’aspetto del sesso, ma ti giuro non è così. E comunque mi comporterei come ho fatto in quest’ultimo anno, per caso mi sono mai negata a te?
STEFANO Ma ora lo so, sarebbe diverso.
ARIANNA Per questo ne stiamo parlando.
STEFANO Se non accettassi andresti a vivere con lui?
ARIANNA La vita è fatta anche di rinunce. Certo se sarò costretta non vedo altra soluzione, ma se riesci ad amarmi ancora, tutto si risolve.
STEFANO Mi fai impazzire… ma come fai a vedere le cose così facili?
ARIANNA Del resto tu hai la tua vita, io la mia, ci vediamo a malapena la sera. Dovresti rinunciare alla mia presenza solo durante le vacanze e qualche sera. Non credo che alla fine ti dispiaccia. Anzi! E al limite se proprio ti senti a disagio puoi sempre pensare che sia uscita con Lucrezia o che il Circolo abbia riaperto.
STEFANO Sì, ma da come mi hai detto lui non è un amante, sarebbe un secondo marito.
ARIANNA E cosa ci trovi di male? Amico intimo o secondo marito cosa cambia? Riempirebbe solo le tue mancanze. E tu neanche ti accorgeresti delle mie assenze, dato che alle volte la mia presenza qui equivale allo zero assoluto. E poi non dovresti sconvolgere la tua vita, sai che fatica vivere da solo o peggio iniziare a cercare un’altra donna per conviverci? A questa età credo che sia quasi impossibile.
STEFANO Mi vedi così vecchio? Ma comunque tu l’hai trovato un altro uomo.
ARIANNA Tesoro forse non hai capito, io continuerei a vivere qui con te, non mi trasferisco da lui, anche se lì avrò la mia stanza, una terrazza grande per accudire i miei fiori, un bagno personale, un altro armadio, le altre cose, un’altra cucina e un secondo letto matrimoniale.
STEFANO Ecco vedi, poi non mi dire che sono io che parlo solo di sesso!
ARIANNA Forse non ti rendi conto delle fortune che avresti. Pensa a tutte le volte quando io ho voglia di fare l’amore e tu no! Lo hai detto tu che sono una donna calda! Ti toglierei anche questa incombenza, ti pare poco?
STEFANO Praticamente una seconda vita…
ARIANNA Sì, ma non clandestina.
STEFANO Saresti la donna di due uomini…
ARIANNA Sì, ma nessuno dei due si accorgerebbe della presenza dell’altro. Sarò brava vedrai…
STEFANO Non riesco proprio a capire, ma sei sicura che lui sia d’accordo?
ARIANNA Lui mi ama, mi vorrebbe tutta per sé, ma capisce. Abbiamo parlato tanto, alla fine gli ho proposto questa soluzione e ha accettato. Ovviamente per i suoi amici, i suoi colleghi, i suoi parenti sarei la sua donna a tutti gli effetti.
STEFANO Sai cosa penso? Che per lui sia una situazione di comodo, del resto chi si prenderebbe a carico una vecchia cinquantenne rompiballe come te?

RIDONO, SI BACIANO E SI LASCIANO ANDARE SUL DIVANO.
STEFANO Ma non è che vuoi fare l’amore?
ARIANNA Perché no? Tesoro nulla cambia e cambierà. Prendimi dai…
STEFANO Sei stupenda, fatti guardare…
ARIANNA Vedi? Non devi essere geloso, quello che è tuo rimarrà tuo. A te non toglierei nulla, ti lascerei la mia parte migliore…
STEFANO E a lui? Mi hai detto prima che lo consideri un secondo marito.
ARIANNA Tesoro se fosse un amante prenderebbe il meglio di me.
STEFANO Dio come sei bella, baciami… Mi devi promettere che non metterai mai la stessa lingerie. Quella che è nostra rimarrà nostra.
ARIANNA Tesoro ho già un guardaroba ben fornito nell’altra casa. Mai e poi mai confonderei le due situazioni.
STEFANO Sei fantastica.
ARIANNA Tu mi vedi con gli occhi dell’amore, ma sto invecchiando tesoro e diventerò sempre più acida…
STEFANO E quindi?
ARIANNA Lui stravede per me e sopporterebbe più facilmente le mie giornate no e i miei nervosismi. Pensa alle tante volte che non mi sopporti, che sbatti la porta e ti chiudi nel tuo studio…
STEFANO Non è che non ti sopporto, letteralmente ti odio!
ARIANNA Ecco vedi? Non poteva capitarti di meglio allora. Considerati un uomo fortunato!
STEFANO Pensa se qualcuno lo venisse a sapere…
ARIANNA Tu conosci la mia discrezione, nessuno saprà niente, tranne noi tre.
STEFANO E se ti innamorassi di lui?
ARIANNA In un certo senso lo sono già e se avessi voluto lasciarti già lo avrei fatto, ma come vedi ne sto parlando con te e ti sto proponendo questa soluzione. Non sono pazza credimi. Sarò solo la sua donna part-time o come preferisci tu la sua amante riservata, nulla più.
STEFANO Eh già ed io un cornuto consapevole…
ARIANNA Felice però…







 
FINE

  




 
 
 



Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..


© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA


© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore












1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1