HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI


1

Adamo Bencivenga
Giochi di coppia






Photo Aleksey Malyshev
 


Sono le sei del pomeriggio, Renato entra in casa, va di fretta, poggia chiavi e telefono sulla mensola dell’ingresso, la ventiquattrore in salotto e saluta sua moglie. Giovanna è seduta sulla poltrona, si sta mettendo lo smalto rosso con estrema cura. Saluta suo marito senza alzare lo sguardo.

Giovanna: Ciao tesoro, come stai?
Renato: Bene amore, sono in ritardo, oggi c’era un traffico pazzesco. Ho dovuto lasciare l’auto vicino alla stazione e sono venuto a piedi. Ora faccio una doccia veloce ed esco.
Giovanna: Che programmi hai per la serata?
Renato: Vado con Dolly alla prima del Macbeth all’Eliseo.
Giovanna: Che bello! Mi avrebbe fatto piacere venirci sai.
Renato: Beh dai sarà per un’altra volta.

La donna alza lo sguardo.
Giovanna: Come sta Dolly?
Renato: Bene, direi in forma! Si è tagliata i capelli e ultimamente ha messo su un fisico da paura. Diciamo formosa nei punti giusti.
Giovanna: Anche io mi sono tagliata i capelli, ma non mi hai detto nulla, neanche un complimento. Forse non te ne sei neanche accorto!
Renato: E dai lo sai che sei bella… per caso sei gelosa?
Giovanna: Assolutamente no, in fin dei conti lo abbiamo deciso insieme ricordi?
Renato: È stato un modo per rinvigorire il nostro rapporto.
Giovanna: Avere una rivale in amore è sempre sfidante.
Renato: E per quanto mi riguarda non ci trovo nulla di male avere due donne, tra l’altro belle e affascinanti come voi. Moglie e amante si completano alla grande. Hanno due ruoli diversi ed io non finisco mai per annoiarmi.
Giovanna: Sono d’accordo con te, l’importante è non fare disparità. Le donne in quel caso diventato delle belve. Non tollerano di essere messe da parte.
Renato: Ti senti messa da parte amore? Dimmi se c’è qualcosa che non ti garba, sai potrei non accorgermi…
Giovanna: Assolutamente no, stai andando alla grande. Ci dai il giusto che ci spetta.
Renato: Giuro che non ho preferenze, ricevo il meglio da ognuna di voi due e restituisco altrettanto. Non posso che considerarmi un uomo felice.
Giovanna: Cosa avete previsto per il dopo teatro?
Renato: Lei non sa nulla, è una sorpresa. Ho acquistato i biglietti online di nascosto, ma so che adora Shakespeare. Dopo andremo a cena al solito ristorante e poi la porterò al Belvedere.
Giovanna: Quell’albergo è sempre pieno il venerdì sera, del resto è frequentato da coppie clandestine… Amore ricordati di prenotare altrimenti rischi di fare un buco nell’acqua. A quell’ora sarebbe scocciante andare in giro in cerca di una stanza.
Renato: Oh tesoro che sbadato… grazie per avermelo ricordato. Lo faccio subito.
Giovanna: Voglio che tu stia bene… e poi esci una sola volta a settimana… devi goderti la serata.
Renato: Eh già sarebbero insopportabili dei contrattempi.

L’uomo prende il telefono e prenota la stanza.
Renato: Oh che bello è disponibile la stanza vista Colosseo, e poi con quella tappezzeria rosa antico è incantevole!
Giovanna: Direi anche molto romantica, non lasciartela scappare. Fare l’amore lì è sublime.
Renato: Stasera mi sento in forma, faremo fuochi di artificio io e Dolly.
Giovanna: Te lo auguro tesoro, ma a proposito di Dolly, non me ne parli da tempo, come va con lei?
Renato: Alti e bassi come una normale coppia di amanti che si vede una sera alla settimana, ma tutto sommato non mi lamento.
Giovanna: Non mi sembri entusiasta. I primi tempi non stavi nella pelle prima di incontrarla.
Renato: No tesoro tranquilla, va tutto bene, anche se con te è diverso. Lo sai che adoro essere avvolto dal tuo calore.
Giovanna: Ma il mio è un calore materno, invece lei dovrebbe rappresentare il diversivo alla coppia, lo svago, la pazzia, la distrazione, in fin dei conti è la tua amante. E poi è bionda, si veste sexy. Non ti dà leggerezza?
Renato: È frivola quanto basta ed è meravigliosamente erotica.
Giovanna: Quindi? Rispetto a me che sono ordinariamente mora, avrà indubbiamente dei pregi.
Renato: Dai tesoro non mettermi in imbarazzo, non è carino fare troppi elogi ad un’altra donna davanti a te.
Giovanna: Vedi perché ti ho sposato? Sei un uomo estremamente sensibile. La tua anima è di una tenerezza disarmante ed ha qualcosa di fanciullesco.
Renato: Sono ancora il tuo bambino vero?
Giovanna: Non so se è un complimento, ma credo che tu non sia cresciuto in questi anni. Però dimmelo se ti accontenta in tutto e per tutto.
Renato: Se lo vuoi proprio sapere lei mi soddisfa eccome, non potevo scegliere di meglio.
Giovanna: Hai scelto il meglio sulla piazza, sposata, bella, insoddisfatta e disponibile.
Renato: Le giuste caratteristiche di un’amante.
Giovanna: Purtroppo l’ho vista solo in foto. Un giorno me la farai conoscere vero?
Renato: Mi piacerebbe un tuo giudizio, sai ci tengo molto. Che dici un thè insieme da Babington's?
Giovanna: Potresti sempre portarla qui a casa. Preparerò dei gustosi dolcetti al miele e pistacchio.
Renato: Però devi essere bella, ti voglio incantevole e piena di fascino.
Giovanna: Dobbiamo essere belle ambedue per te.
Renato: Non chiedo di meglio.
Giovanna: Comunque tranquillo non ti faccio sfigurare…
Renato: Chiederò la stessa cosa a lei…
Giovanna: Ora dov’è?
Renato: È qui sotto al Cafè Greco che mi aspetta gustandosi una cioccolata calda. Se ti affacci alla finestra del bagno dovresti vederla, porta un cappello rosso e un tubino nero attillato corto con delle frange. Con la sua fluente chioma bionda non passa inosservata.
Giovanna: No, no, meglio di no, mi sembra di rubarle qualcosa. Voglio vederla quando lei saprà di essere vista.
Renato: Voi donne date il meglio quando sapete di essere osservate.
Giovanna: Siamo tutte un po’ esibizioniste, non trovi?
Renato: Allora se ti fa piacere organizzerò a breve l’incontro.
Giovanna: Ti sentiresti in imbarazzo?
Renato: Beh un po’ sì, in fin dei conti siete le due donne della mia vita. Non è facile essere disinvolti, chiamarvi “Amore” indifferentemente e soprattutto con la stessa enfasi.
Giovanna: Sai che spasso! E se ti capitasse di baciarmi sarebbe gelosa.
Renato: Credo esattamente quanto te.
Giovanna: Posso chiederti come la chiami nell’intimità?
Renato: La chiamo Picca.
Giovanna: Bel vezzeggiativo, mi piacerebbe essere chiamata così anche a me.
Renato: Vorresti? Pensa quanto sarebbe comodo per me, rischierei di non sbagliarmi.
Giovanna: E da dove viene Picca?
Renato: Dalla sua patatina liscia e morbida che ha esattamente la stessa forma.
Giovanna: Ti piace vero?
Renato: Mi inebria e mi disseta…

Giovanna: Da quanto tempo è sposata Picca?
Renato: Dodici anni, ma suo marito la tradisce con un’altra.
Giovanna: E lei lo sa?
Renato: Certo. Del resto anche tu sai che ti tradisco.
Giovanna: No tesoro, tu non mi tradisci perché io so che hai un’amante.
Renato: Hai ragione, ma forse non è neanche un’amante, ma semplicemente il tuo alter ego.
Giovanna: Ecco bravo, senza di lei mi sentirei in difetto, mi mancherebbe qualcosa.

La donna rimane per un attimo in silenzio a pensare. Lui intanto si è tolto la giacca e la cravatta.
Giovanna: Senti non prendermi per una donna troppo curiosa, ma a letto come va?
Renato: È molto passionale, diciamo che quando ci vediamo non si risparmia affatto.
Giovanna: Che intendi che non si risparmia?
Renato: Intendo che è focosa, calda, fantasticamente istintiva e poi in questo periodo è in preda ad una tempesta ormonale per via della menopausa. Durante l’atto sessuale gode ripetutamente e per un maschio è una cosa a dir poco sublime.
Giovanna: Anche io sono in menopausa! Ma scusa con suo marito non ha più rapporti?
Renato: I matrimoni sono la morte del desiderio tesoro, un po’ come è successo a noi.
Giovanna: Eh già sono anni ormai…
Renato: Però io sono testardo… A volte penso che si potrebbe riprovare…
Giovanna: Scusa e per fare cosa? Per sentirci ridicoli e constatare il nostro fallimento in fatto di sesso? Gli uomini ad una certa età si fanno l’amante per sentirsi ancora maschi no?
Renato: Tu sei ancora molto attraente, sei una femmina e mi spiace che solo altri ne approfittino…
Giovanna: Non ne approfittano, anzi sono io che offro le mie grazie.
Renato: Anche tu sei una donna passionale…
Giovanna: Tutte le donne hanno le proprie esigenze. Quindi non ci vedo nulla di male che Dolly sia bollente a letto.

Renato: Scusa tesoro, ma ora devo andare a prepararmi. Altrimenti rischio di fare tardi e lei si irrita, non sopporta aspettare.
Giovanna: Esigente la signora! Ma tu hai tutti i mezzi per calmarla dopo.
Renato: Vorresti vedermi in quei momenti?
Giovanna: Preferirei sentirti.
Renato: Non me lo dire due volte che disdico tutto, teatro, ristorante e suite e rimango con te. Dopo tanto tempo sarebbe favoloso fare l’amore con te.
Giovanna: Non ci credo, lo dici perché senti dentro di te qualche senso di colpa.
Renato: Guarda che disdico tutto!
Giovanna: Ma io non rimango a casa stasera.
Renato: Che fai esci?
Giovanna: Lo sai benissimo che il venerdì è il giorno dedicato allo svago per entrambi. Non potrei rimanere in casa pensando che tu stai con l’amante. Anzi scusa devo prepararmi anche io.
Renato: E dove vai?
Giovanna: Non so… lui mi ha detto che mi farà una sorpresa. Ed io adoro le sorprese, lo sai.
Renato: Cena e dopocena?
Giovanna: Credo di sì, intanto mi preparo.
Renato: Cosa ti metti?
Giovanna: Avevo pensato di indossare il tubino nero quello corto con le frange. Poi metto il cappello rosso e come al solito la parrucca bionda che mi dà quell’aria frivola da amante che a lui piace tanto.
Renato: Starai sicuramente bene tesoro, vedrai che non ti toglierà gli occhi di dosso.
Giovanna: Lo spero, voglio farlo impazzire quanto meno.
Renato: Non c’è miglior momento di quando una donna si lascia andare e invita il proprio uomo nella sua grazia.
Giovanna: Quella liscia e morbida vero?
Renato: Sì quella che affama e sazia nello stesso tempo.
Giovanna: Sento che passeremo un meraviglioso venerdì notte…
Renato: Peccato che non lo passeremo insieme. Un giorno, e scusa se insisto, mi piacerebbe trascorrere un venerdì io e te qui in casa, buttare la chiave dalla finestra e comportarci da amanti.
Giovanna: Tesoro non sarebbe la stessa cosa.
Renato: Ma sarebbe un gioco di coppia più che divertente.
Giovanna: Mi vorresti vestita come mi vesto per lui?
Renato: Non ho mai incontrato una donna che sappia essere sexy come te.
Giovanna: Neanche Dolly?
Renato: Dolly ti assomiglia molto, tanto che alle volte non riesco a distinguervi.
Giovanna: Dai sorrido. Confondi anche i nomi?
Renato: Il nome sarebbe il minimo… Confondo baci, carezze, alle volte quando siamo a letto mi chiedo di chi sia di voi due quella bella patatina così accogliente.
Giovanna: Beh forse un tempo, comunque per tua informazione anche la mia è liscia e depilata.
Renato: Lui apprezza vero?
Giovanna: Altroché…

La donna si alza. L’uomo sta andando verso la doccia.
Giovanna: Tesoro ora fammi andare, devo sbrigarmi. Il bagno è tutto tuo, puoi fare con comodo la doccia.
Renato: Allora ci salutiamo qui.
Giovanna: Sì amore dammi un bacio, ti auguro una meravigliosa serata.
Renato: Anche tu tesoro passa una splendida serata…
Giovanna: Tra un po’ esco e aspetterò il mio lui seduta ai tavolini del Cafè Greco. Nell’attesa prenderò una cioccolata calda con panna e spero che lui non faccia ritardo, sai mi irrita aspettare!






 

 
FINE





 
 
 




Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..

© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA


© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore















1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1