HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
MUSICA PASSIONE
Storia delle Canzoni

1

A me mi piace
vivere alla grande
Franco Fanigliulo
1979








 

 

Adamo mi parli del brano “A me mi piace vivere alla grande”?
È una canzone di Franco Fanigliulo presentata al Festival di Sanremo del 1979 prodotta da Gian Piero Reverberi. Gli autori sono Daniele Pace per il testo, Oscar Avogadro e Riccardo Borghetti per la musica ai quali si aggiunse lo stesso Franco Fanigliulo. Si aggiudicò il sesto posto nella classifica finale. Il brano venne inciso su 45 giri con etichetta Ascolto.

Come mai è famosa?
Sicuramente per il testo innovativo e ironico, quasi un nonsense surreale, su una base melodica, ma anche perché il testo fu censurato e gli autori furono costretti a sostituire il vesto "foglie di cocaina, voglio sentirmi male" con "bagni di candeggina, voglio sentirmi uguale"; non certo la stessa cosa. Stranamente passò indenne la frase: “Adesso che Gesù ha un clan di menestrelli che parte dai blue jeans e arriva a Zeffirelli” con specifica allusione a una marca di pantaloni e al celebre film religioso del regista.

L’esecuzione di Fanigliulo fu a dir poco esilarante…
L'interpretazione fu alquanto sarcastica e sulle note di una strampalato valzer si snoda il sogno stralunato di un uomo naif attonito di fronte alle mode e alle nuove tendenze come ebbe a dire il critico Fegiz sulle colonne del Corriere della Sera.

L’incipit del brano dà l’idea di cosa stiamo parlando…
“Guglielmo ha un reggipetto che se lo mette spesso nel cuore della notte…” Praticamente la figura malinconica di un uomo nella penombra di una camera da letto che rivela la sua omosessualità inconfessata ma anche il desiderio di non farsi intrappolare dalle convenzioni e quindi “girare per le favole in mutande” in una dimensione onirica dove aggirarsi in piena libertà lontano dai compromessi.

Chi era Franco Fanigliulo?
Franco Fanigliulo, era nato a La Spezia il 9 febbraio 1944. Figlio di un marconista della Marina Mercantile e di una pianista, inizialmente la passione per il mare lo portò ad imbarcarsi come marinaio per diversi anni. In seguito svolse diversi lavori saltuari tipo taglialegna, rappresentante di prodotti di bellezza e agricoltore, componendo musica per hobby.

Come arrivò al successo?
Fu scoperto da Franco Ceccarelli, uno dei fondatori dell'Equipe 84, venne presentato a Caterina Caselli che lo fece debuttare nella sua scuderia. Si ispirava alla grande scuola degli chansonnier francesi. Nel ’77 incise il suo primo album e prese parte al film d'esordio di Roberto Benigni, diretto da Giuseppe Bertolucci, Berlinguer ti voglio bene. Due anni dopo venne conosciuto dal grande pubblico partecipando al Festival di Sanremo.

Una delle edizioni più buie del Festival…
Il Festival in quel periodo era considerato squalificante, chi partecipava era quasi messo all'indice. Si svolse in tre serate dal 11 al 13 gennaio al Teatro Ariston. Presentarono Mike Bongiorno e l'attrice e modella Anna Maria Rizzoli. Vinse un perfetto sconosciuto, tale Mino Vergnaghi con la canzone Amare, al secondo posto arrivò un certo Enzo Carella, mentre solo al terzo posto troviamo un gruppo conosciuto ovvero I Camaleonti. Pensa che la Rai per le prime due serate trasmise in televisione solo una sintesi registrata, di circa mezz'ora, delle 6 canzoni finaliste per le prime due puntate.

Chi partecipò?
Tra i cantanti degni di nota ricordiamo: Antoine; I Camaleonti; I Collage e appunto Franco Fanigliulo. Tra gli ospiti invece che si esibirono sul palco ricordiamo: Pippo Franco; Iva Zanicchi; Gigi Proietti; Riccardo Cocciante; Demis Roussos; Kate Bush e Tina Turner.







,




 








TESTO

Guglielmo ha un reggipetto
che se lo mette spesso nel cuore della notte
come se fosse adesso.

Adesso che Gesù ha un clan di menestrelli
che parte dai blue jeans e arriva a Zeffirelli
e tu mi vieni a dire che adesso vuoi morire per amore.

Ho un nano nel cervello, un ictus cerebrale,
bagni di candeggina, voglio sentirmi uguale
uguale a un gatto rosa per essere sporcato
e raccontare a tutti che sono immacolato
e tu mi vieni a dire che adesso vuoi morire
per amore.

A me mi piace vivere alla grande già
girare tra le favole in mutande ma
il principe dormiva, la strega si è arrabbiata
e nei tuoi occhi verdi quella lacrima è spuntata.

A me mi piace vivere alla grande già
girare tra le favole in mutande ma
il principe dormiva, la strega si è arrabbiata
e nei tuoi occhi verdi quella lacrima è spuntata.

E il padre di mia moglie
mi aveva sempre detto
portala dove vuoi ma non portarla a letto,
a letto dove dormo, dove se posso sogno,
dove non so capire se ho voglia o se ho bisogno
e tu mi vieni a dire che adesso vuoi morire
per amore !

A me mi piace vivere alla grande già
girare tra le favole in mutande ma
il principe dormiva, la strega si è arrabbiata
e nei tuoi occhi verdi quella lacrima è spuntata.
Pubblicità


A me mi piace vivere alla grande già
girare tra le favole in mutande ma
il principe dormiva, la strega si è arrabbiata
e nei tuoi occhi verdi quella lacrima è spuntata
 
.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. La pubblicazione ha lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.













 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:

https://it.wikipedia.org/wiki/Festival_di_Sanremo_1979
https://it.wikipedia.org/wiki/Franco_Fanigliulo
https://it.wikipedia.org/wiki/A_me_mi_piace_vivere_alla_grande/Non_si_sa_mai
http://www.galleriadellacanzone.it/canzoni/anni70/schede/amemipiace/amemipiace.htm
http://www.magazzininesistenti.it/franco-fanigliulo-a-me-mi-piace-vivere-alla-grande-1979-di-alessandro-freschi/
© RIPRODUZIONE RISERVATA


IMAGE GOOGLE



LEGGI LA STORIA DELLE ALTRE CANZONI SU MUSICAPASSIONE


1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1