HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
INTERVISTA IMPOSSIBILE


1


Anne Shirley
Anna dai capelli rossi
In realtà era bionda, non alta, newyorkese doc.
Attrice statunitense e bambina prodigio.
Iniziò nel cinema muto a soli quattro anni
abbandonando le scene a 26






(New York, 17 aprile 1918 – Los Angeles, 4 luglio 1993)


 



Madame le sue origini?
Il mio vero nome è Dawn Evelyeen Paris, sono nata a New York City e sin da piccola feci la modella debuttando al cinema a quattro anni col nome di Dawn O'Day.

Una bambina prodigio…
Il mio primo ruolo di primo piano sul grande schermo fu nel film Moonshine Valley del 1922 interpretando una bambina che riesce a far riconciliare suo padre alcolizzato con sua madre, poi a cinque anni interpretai "Alice" nella serie animata silenziosa di Walt Disney prima di Topolino "Alice in Cartoonland".

Poi si trasferì con tutta la famiglia in California…
Come attrice bambina ero molto richiesta e feci delle apparizioni in film di successo quali Riders of the Purple Sage con la star del western Tom Mix, I quattro diavoli (1928) e Il nostro pane quotidiano (1930), entrambi diretti dal maestro Friedrich Wilhelm Murnau, e La leggenda di Liliom (1930) di Frank Borzage.

Nel 1934 interpretò un personaggio di nome Anne Shirley…
Il film era La figlia di nessuno, tratto dal romanzo per ragazzi Anna dai capelli rossi, fu in quella occasione che cambiai definitivamente il mio nome d'arte da Dawn O'Day in Anne Shirley.

Com’era il suo personaggio?
Di solito mi affibbiavano ruoli di ragazzina ingenua e spiritosa in contesti western e avventurosi. Nel 1937 ottenni una nomination all'Oscar quale miglior attrice non protagonista per il ruolo di Laurel "Lollie" Dallas, figlia di Barbara Stanwyck in Amore sublime.

Sempre in quell’anno si sposò…
Sposai l’attore John Payne, il 22 agosto 1937 a Montecito, in California, da cui ebbi mia figlia Julie. Il matrimonio durò pochi anni e nel 1943 divorziammo.

Crescendo interpretò ruoli più impegnativi…
Non ero più la bambina prodigio di una volta e la sfida fu calarmi nella parte di personaggi drammatici come quello di Millie Anson, una giovane detenuta ribelle che si innamora del medico della prigione, nel dramma carcerario Condannata del 1938 oppure il ruolo di Lucy Lee, un'infermiera responsabile di un fatale errore medico nel dramma Angeli della notte del 1940.


Dopo il divorzio nel 1943 da Payne si risposò nuovamente.
Mi legai in matrimonio nel 1945 con il produttore e sceneggiatore Adrian Scott, dal quale divorziai appena tre anni dopo nel 1948. Adrian fu inserito nella lista dei dieci una specie di black list per attività antiamericane. Lui decise di trasferirsi in Europa ma io preferii resta in America.


Nel 1944 fu la volta del film L'ombra del passato…
Dopo alcune commedie con ruoli più disimpegnati, venni scritturata per la parte di Ann Grayle. Il film era un noir tratto dal romanzo Addio, mia amata di Raymond Chandler. Il film ebbe un grande successo grazie alle innovazioni stilistiche della regia di Edward Dmytryk. Quella fu l'ultima mia apparizione cinematografica, perché dopo quel film decisi di ritirarmi definitivamente dagli schermi. Avevo 26 anni!

Bionda, non alta ma ugualmente attraente, si risposò nel 1949 con lo sceneggiatore Charles Lederer da cui ebbe il figlio Daniel. È morta di cancro ai polmoni a Los Angeles il 4 luglio 1993, all'età di 75 anni. Per i suoi contributi all'industria cinematografica, ha una stella sulla Hollywood Walk of Fame al 7020 di Hollywood Blvd.






 
















 
 
 





ARTICOLO A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
© All rights reserved
FONTI
https://it.wikipedia.org/wiki/Anne_Shirley
http://www.cinekolossal.com/star2/s/shirley/
https://en.wikipedia.org/wiki/Anne_Shirley_(actress)


















1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1