HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
AMARSI? CHE CASINO!
GIALLO PASSIONE


1


L’assassinio di Laura Bigoni
Il triangolo pericoloso
1° agosto 1993
Laura venne trovata accoltellata a morte
nel letto della sua casa a Clusone (Bergamo).
Le indagini sulla sua morte
svelarono un ambiguo e pericoloso
triangolo di cui lei ne fu la vittima.






 

 


Corso Porta Romana, Milano, estate del 1993. Dagli stereo delle auto Raf urla il suo Battito animale e gli Haddaway la famosissima What is love. È il primo giorno di agosto, Milano è quasi deserta, pochi negozi aperti e tanto caldo, ma al civico 132, nello stabile dove abitano anche Dario Fo e Franca Rame, la polizia tiene a bada i tanti curiosi. Sulla vetrata della portineria è appicciato in bella mostra un foglio di carta con scritto: “Chiuso per lutto”.

Qui lavora come portiere Angiolino Bigoni e proprio quella notte sua figlia Laura è stata accoltellata a morte e data alle fiamme nel letto della casa di famiglia a Clusone. Angiolino disperato non si dà pace e chiede insistentemente notizie ai poliziotti.

Laura Bigoni è una giovane e bella ragazza di 23 anni che vive e lavora a Milano, dove fa l’addetta alle pulizie al Comune di Milano con il sogno nel cassetto di diventare un’estetista e gestire un salone tutto per sé.

È fidanzata con Gimmy, un giovane elettricista e pompiere volontario. Anche lui ha un sogno nel cassetto ovvero quello di diventare un vigile del fuoco professionista. Lui ha due anni più di lei, è decisamente un bel ragazzo con un fisico atletico. Laura lo ha conosciuto in un salone di bellezza dove lei fa apprendistato. Lui però ha un grosso difetto, è fidanzato ufficialmente con una certa Vanna, ma a Laura non dice nulla.

Comunque iniziano a frequentarsi, stanno bene insieme, si fidanzano ufficialmente e la passione li travolge, ma la storia tra i due è piuttosto tormentata. Suo padre ne è al corrente, del resto quel giovane non gli è mai piaciuto. C’è qualcosa di ambiguo e sfuggente nel suo comportamento. Più volte ha messo in guardia la figlia. E alla fine lei scopre che quel ragazzo bello e taciturno ha una seconda e stabile relazione, appunto con Vanna, un’assistente odontotecnica, sua coetanea. Laura scopre inoltre che i due sono addirittura in procinto di sposarsi. Ovviamente si infuria, litigano di brutto, lei si sente tradita nell’anima e minaccia di lasciarlo e lui, per la paura di perderla, le promette che lascerà Vanna, proponendole addirittura di andare a vivere insieme.

Contro il parere dei genitori Laura ci crede e continua a frequentare Gimmy, ma qualche mese dopo scopre che la relazione del suo fidanzato con Vanna non si è mai interrotta. A quel punto è chiaro che quel bel pompiere non ha intenzione di rinunciare a nessuna delle due fidanzate e che soprattutto non vuole perdere Laura verso la quale nutre una gelosia morbosa.

Dopo la traumatica seconda scoperta, per farla distrarre, Angiolino la convince a prendersi un periodo di vacanza e ad andare per qualche tempo nella loro casa di Clusone, in provincia di Bergamo. Laura si convince, vuole stare sola e schiarirsi le idee e allora parte per Clusone, ma Gimmy non ne vuole sapere, è agitato, sa che quella distanza potrebbe mettere fine alla loro relazione per cui quel 31 luglio raggiunge la fidanzata nel tentativo di farsi perdonare. Passano il giorno insieme, fanno l’amore, vanno a prendere il sole in montagna, progettano di fare una vacanza insieme all’estero, ma alle sette di sera lui le dice che deve assolutamente tornare a casa a Milano.

Non sappiamo cosa sia successo davvero in quei minuti, ma sicuramente Laura non la prende bene, sa che è una scusa, che quel ragazzo continua ostinatamente a dirle bugie, comunque di certo sappiamo solo che alle 19 dello stesso giorno Gimmy riprende la sua auto e torna a Milano. Dopo che Laura, furiosa e stanca di quella relazione a tre, gli urla che non passerà la serata da sola, anzi uscirà e andrà in discoteca minacciandolo di accettare la corte del primo ragazzo che le farà il filo.

Forse per la rabbia, forse perché si sente trascurata, forse per la voglia di riscattarsi perché tradita, o forse perché si sente bella da morire, sta di fatto che quella sera decide davvero di uscire e di divertirsi.

Chiede un passaggio a un vicino e in discoteca incontra Marco, un suo coetaneo, di un paese vicino. Lui è biondo, è allegro e simpatico, tutto l’opposto del suo ragazzo, insomma Laura si sente leggera, allora accetta quella compagnia con l’intenzione di dimenticare Gimmy almeno per una sera. I due bevono qualcosa, ballano, ridono e poi alle 2.40 lasciano la discoteca e tornano insieme a casa di lei, però non entrano perché si accorgono dalle luci accese che qualcuno è in casa. A quel punto decidono di andare in pineta, si intrattengono dentro l’auto di lui, hanno un rapporto sessuale, poi tornano sotto casa.

La luce della casa di Laura è ancora accesa. Sono circa le 4 del mattino. Lei dice a Marco: «Voglio accertarmi che in casa non ci sia nessuno. Io salgo da sola, tu aspetta qui, tra cinque minuti citofona, se non ti apro vuol dire che non sono sola».
Come da istruzioni della ragazza Marco attende in strada, poi le citofona ma lei non risponde a quel punto va via. Laura intanto entra in casa, sente il citofono ma evidentemente non può rispondere ed è proprio in quel momento che viene trafitta da nove coltellate, una delle quali la colpisce al collo, altre al polmone, e l'ultima le squarcia i genitali.

Il giorno dopo, domenica 1° agosto, alle 8 del mattino gli zii di Laura scoprono il cadavere della nipote. Danno subito l’allarme. Laura è distesa sul letto priva di vita, ha indosso la maglietta e il giubbotto di strass che portava in discoteca la sera prima. Non ha le mutandine, che sono stese in bagno. Chi le ha lavate?

Ovviamente Gimmy finisce subito nella lista dei sospettati ed i carabinieri lo rintracciamo in compagnia dell’altra fidanzata Vanna durante una gita al lago.

Le indagini partono da quel rapporto malato e dalle ultime ore di Laura, nonché da quel terzo colpo ai genitali che induce gli investigatori a pensare ad un omicidio passionale.
Jimmy sotto torchio ammette di aver incontrato la fidanzata la sera prima. Sembra un caso davvero elementare e gli inquirenti si concentrano su quell’unica pista che porta a Gimmy tralasciando invece altri elementi che forse sarebbero stati fondamentali per scoprire il vero assassino.

Dicevamo tutti gli indizi portano a Gimmy prima di tutto perché il letto era stato dato alle fiamme usando come propellente una bomboletta di lacca e solo un esperto pompiere poteva conoscere quell’espediente. Secondo indizio, solo lui poteva sapere che la famiglia Bigoni teneva le chiavi di casa dietro il contatore del metano. Il terzo indizio è il chiaro movente passionale. Secondo le indagini Gimmy era tornato a casa per controllare se la ragazza avesse messo in atto quella velata minaccia, non trovandola in casa, avrebbe aspettato il suo ritorno per poi consumare la sua vendetta.

Interrogato Gimmy dice di essere tornato a Milano e quella sera di essere andato al cinema con la sua fidanzata Vanna e poi di aver dormito da lei. Vanna conferma questa versione.

Nonostante l’alibi Gimmy viene rinviato a giudizio come autore materiale del delitto, Vanna per favoreggiamento. In primo grado lui viene condannato a 24 anni di reclusione, Vanna ad un anno e mezzo, ma alla fine del processo, vista l’inconsistenza degli indizi, i giudici di appello non si persuadono e Gimmy viene assolto per non aver commesso il fatto.
Sulla sua innocenza i giudici non hanno dubbi. Ma allora, chi ha ucciso Laura?





 

FINE




 
 
 




WEB REPORTAGE
© All rights reserved
FONTI
https://www.fanpage.it/attualita/sorpresa-dall-assassino-nel-suo-letto-il-delitto-di-clusone/https://velvetgossip.it/2018/08/22/massacrata-in-casa-omicidio-di-laura-bigoni-torna-alla-ribalta-ecco-perche/
https://www.corriere.it/cronache/21_agosto_01/omicidio-bigoni-intruso-casa-laura-uccisa-l-amore-pineta-4627f0c6-f241-11eb-9a1b-3cb32826c186.shtml
https://www.bergamonews.it/2018/08/22/quella-serata-discoteca-clusone-buio-omicidio-bigoni-un-giallo-irrisolto-25-anni/289258/























1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1