HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
FASCINO E SEDUZIONE

1


Louboutin
La favola delle scarpe con la suola rossa
Oggetto di desiderio sono diventate un vero e proprio status
symbol di trasgressione, potere femminile e
ostentazione del proprio essere. Non c’è star che non le
abbia avuto ai piedi almeno una volta e continuano
ad essere il sogno proibito di ogni donna..







 




C’era una volta un signore francese nato in un sobborgo di Parigi nel 1964, il suo nome era Christian Louboutin. Nato da Roger, un ebanista, e Irene una casalinga, crebbe nel 12° arrondissement con le sue tre sorelle. Solo più tardi scoprì che il suo padre biologico non era Roger ma un signore egiziano con il quale la madre aveva avuto una relazione segreta.

Il ragazzo era appassionato di disegno e ad appena 16 anni i suoi schizzi vennero acquistati da una famosa scuola di danza. Qualche mese dopò lo troviamo a cucire paillettes sui costumi delle ballerine del Folies Bergère. Come stilista free-lance iniziò a lavorare per Chanel e Yves Saint Laurent sia in Francia che in Italia per poi specializzarsi nel 1988 come stilista di scarpe.
Nell’atelier di Roger Vivier, un collega di Christian Dior avvenne la folgorazione quando trovò un paio di scarpe indossate alla incoronazione dello Scià di Persia Mohammad Reza Pahlavi e delle décolleté di diamanti di Marlene Dietrich. Nel 1992 ormai famoso aprì la sua prima boutique a Parigi… E da quel giorno dive come Beyoncé, Christina Aguilera, Victoria Beckham, Eva Longoria, Catherine Deneuve, Gwen Stefani, Madonna, Lady Gaga, Carolina di Monaco, Dita Von Teese e tante altre non mancano di sfoggiare le sue creazioni negli eventi più importanti.

Le sue scarpe sono un insieme di sensualità e bellezza. Secondo lo stesso artista il colore rosso scarlatto e lucido della suola aveva l’unica funzione di identificare il marchio della maison, ma in realtà è diventato negli anni uno status symbol di trasgressione e potere femminile nonché emblema del mondo fetish e burlesque oltre a quello delll’high fashion e del glamour. Insomma una specie di ostentazione del proprio essere e del modo di vedere la vita che danno alla donna una caratteristica di straordinarietà facendola sentire forte, bella, invincibile e inarrestabile.

Quella suola rossa nacque per caso quando un giorno il nostro Christian Louboutin si trovava in Italia ed aveva appena terminato di realizzare i prototipi di una collezione ispirata alla Pop Art di Andy Warhol. Guardando e riguardando quei modelli si rese conto che nonostante lo stile perfetto mancava l’energia del colore. Fu a quel punto che, vedendo una sua assistente intenta a colorarsi le unghie, si fece prestare lo smalto rosso ed iniziò a dipingere la suola. Così nacque la Louboutin. L’idea era quella di cambiare il colore delle suole ad ogni stagione ma quel rosso simile al rossetto delle labbra fu un successo indescrivibile.

Il modello più iconico è la scarpa Pigalle, nera, a punta affilata e con tacco 12. Il nome deriva da uno dei quartieri più celebri di Parigi, dove negli anni sono sorti il museo dell’erotismo e il Moulin Rouge. Il nome è un omaggio alle ballerine dei locali a luci rosse e al film Irma la Dolce, con Shirley MacLaine nel ruolo di una prostituta, che si svolge appunto nel quartiere di Pigalle.

Attualmente si contano più di 90 negozi di Christian Louboutin sparsi per il mondo, che vendono milioni di paia di scarpe l’anno per donne e uomini. E stiamo parlando di scarpe che vanno dai 600 agli oltre 2.000 euro!












 

 
 
 


L'ARTICOLO E' A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
REALIZZATA GRAZIE A:

FONTI
https://it.wikipedia.org/wiki/Christian_Louboutin
https://tg24.sky.it/spettacolo/2018/10/10/louboutin--scarpe-suola-rossa-piu-famose-e-costose-
https://www.hostesswing.com/christian-louboutin/




FOTO GOOGLE IMAGE













1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1