HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
AMARSI CHE CASINO


1

Cipro, l'isola dei russi
Reportage sulla vita notturna






 


Sono decine di migliaia i russi che cercano belle spiagge, ville con piscina e, soprattutto, una normativa fiscale molto favorevole. Ad appena quattro ore di volo da Mosca, negli ultimi tempi più di 50 mila russi, per lo più uomini di affari, si sono stabiliti nella bellissima isola del Mediterraneo preferendo perlopiù la città di Limassol graziosa città portuale con un pittoresco centro storico e un castello risalente all'epoca delle crociate. Qui vi sono giornali, radio e scuole esclusivamente in lingua russa e i menù dei ristoranti e bar sono scritti in cirillico. Non c'è bisogno di conoscere l'inglese, perché tutti parlano il russo.

A Cipro, secondo il modello dell’Europa del Nord, la prostituzione è tollerata, nel senso che è legale la pratica, ma non lo è l’acquisto di servizi sessuali a pagamento, quindi, questo modello punta il dito contro i clienti, che possono essere puniti con sanzioni anche molto salate. Pertanto, le case chiuse restano illegali, ma le prostitute possono girare tranquillamente per locali.

Basta solo pensare che Cipro è un Paese con 600mila abitanti, ma con oltre 100 night club ed è nota per essere uno dei paesi di transito dove organizzazioni internazionali parcheggiano le prostitute alle prime armi. Qui vengono iniziate finché non saranno “pronte” per uno scenario più importante e da grande business. Le porte d'accesso al mercato della prostituzione sono agenzie turistiche e di collocamento, le quali predispongo i necessari documenti che attestano la frequenza di corsi da artista indispensabili per ottenere i visti di ingresso.

Cipro, per ragioni politiche, è divisa in due parti, una greca e l’altra turca. La parte greca di Cipro è un piccolo paradiso, dove il tempo sembra essersi fermato a qualche decennio fa, dove il mare è cristallino, la natura è incontaminata e la popolazione locale vive prevalentemente di turismo. Ayia Napa ad esempio è una località poco a sud di Famagusta famosa per le vacanze libertine e per chi vuole solo divertirsi. Qui è possibile trovare persone disponibili e disinibite, senza troppi problemi. Le più disponibili, secondo i bene informati, pare siano le russe. Qui è facile trovare giovani e meno giovani che si “accoppiano” nei bagni o addirittura sui divani dei locali.

Per chi è solo ed ha bisogno di compagnia ci sono sempre, ad un prezzo molto abbordabile, le appariscenti prostitute in attesa di clienti sedute nei bar sul lungomare. Vengono dall'Ucraina, dalla Moldavia e dalla Bielorussia.

Nella Repubblica turca di Cipro del Nord, non riconosciuta dalla comunità internazionale, la prostituzione è illegale, ma in una quarantina di stabilimenti con nomi inequivocabili: Sexy Lady, Harem, Kiss Me, è facile trovare sesso a pagamento.

Questi locali, controllati dalle autorità turco-cipriote, hanno a “libro paga” centinaia di ragazze straniere con il visto di sei mesi da “hostess o artiste di vario genere”. Anche se vengono sottopongono regolarmente al test per l’AIDS, le ragazze non riconoscono mai di essere prostitute e ancor meno che molte di loro sono vittime della tratta di esseri umani. Secondo i dati ufficiali, in poco meno di un anno sono stati rilasciati oltre 1.200 visti per hostess, meta per moldave, il resto per ucraine e bielorusse. Di solito sono in possesso del permesso di soggiorno temporaneo e il loro passaporto viene trattenuto dalla polizia per tutto il periodo.

La maggior parte di loro non ha uno stipendio, ma riceve una parte del guadagno solo alla fine del soggiorno, a volte solo la meta di quanto concordato. Ovviamente devono mantenersi a spese proprie compresi vestiti, medicine, vitto e alloggio.

L'ingresso nei locali è gratis previa mancia al cameriere di turno. All’interno si paga di solito un drink ogni dieci minuti, alla scadenza del tempo si avvicina il cameriere e chiede se si è interessati a prolungare la conversazione o meno. Fino all'ingresso di Cipro nell'Unione Europea era possibile "consumare" all'interno dei locali, qui chiamati Cabaret, ma ora la legge è più severa. Nei locali si può solo prenotare la prestazione. L’approccio consiste nel chiamare il cameriere e informarsi, se la ragazza è libera sarà il cameriere stesso a favorire o meno l’approccio, dipende dalla mancia ricevuta. Dopo le due chiacchiere di rito è possibile che la donna chieda di bere champagne o ballare al piano di sopra, ovviamente tutto a pagamento extra. Per la consumazione effettiva occorre andare in case private o negli alberghi di solito molto tolleranti. Qui non esistono prestazioni di pochi minuti, di solito il rapporto dura dalla notte fino a mattino inoltrato al costo di una tariffa tutto sommato accettabile, equivalente ad una prestazione di 15 minuti in Italia o poco più.


 
 



FINE



 





 
 
 





© All rights reserved
FONTI

http://www.ansamed.info/ansamed/it/notizie/stati/cipro/2013/03/18/Cipro-isola-dove-russi-inglesi-sono-casa_8421551.html
https://siviaggia.it/viaggi/cipro-ayia-napa-trasgressione/3895/
https://it.sport.basket.narkive.com/FdQLmIeE/sembra-che-sia-un-bel-posto-cipro-per-la-fiba
http://viverescienzepolitiche.it/wp-content/uploads/2016/10/wls-05-prostituzione-reportage-repubblica-2012.pdf



















1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1