HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
MUSICA PASSIONE
Le AutoInterviste

1

Preghiera in gennaio
Fabrizio De André 1967
De André dichiarò di averla scritta al ritorno dal
funerale di Luigi Tenco, suo amico e cantautore,
morto suicida nel gennaio 1967.





"Quando attraverserà l’ultimo vecchio ponte ai suicidi
dirà baciandoli alla fronte venite in Paradiso là dove vado
anch’io perché non c’è l’inferno nel mondo del buon Dio."






 

 

Adamo mi parli del brano “Preghiera in gennaio” di Fabrizio De André?
È un brano pubblicato dalla Bluebell Records in vinile 45 giri con retro Si chiamava Gesù nel 1967. È stato l'undicesimo 45 giri di Fabrizio De André. La copertina raffigurava un primo piano del cantautore. Venne inserito nell’album "Volume 1" uscito sempre nel 1967. Poi fu stampato successivamente nel 1970 dalla Produttori Associati.

Di che parla il testo?
De André dichiarò di averla scritta al ritorno dal funerale di Luigi Tenco, suo amico e cantautore, morto suicida nel gennaio 1967 dopo l'eliminazione di un suo brano al 17° Festival di Sanremo. In realtà il testo è ispirato ad una poesia di Francis Jammes, un poeta francese dei primi del Novecento, “Prière pour aller au paradis avec les ânes" (Preghiera per andare in paradiso con gli asini).

Come mai questa dedica?
De André era molto amico di Tenco e professionalmente lo stimava molto. Quando seppe la notizia da un amico nella notte tra il 26 e 27 gennaio, si precipitò immediatamente a Sanremo con sua moglie. Osservò il corpo di Luigi nell'obitorio e venne colpito dal pallore della morte e dal colore scuro delle sue labbra carnose. Immagine che a De André rimarrà impressa per diverso tempo. Sulla strada di ritorno per Genova ebbe l'ispirazione da cui nacque questa composizione.

Ascoltando la canzone nessuno poteva immaginare che l’avesse scritta per lui..
Dice l’autore a proposito: “Sai, ad un certo punto non sai cosa fare per una persona che è morta, ti sembra quindi quasi di gratificarla scrivendo - se sei capace di scrivere - qualcosa che lo gratifichi, che lo ricordi... Di certo non l'ho scritta perché la gente pensasse che io avevo scritto apposta una canzone per Luigi, tant'è vero che non c'era scritto assolutamente da nessuna parte che l'avevo composta per lui.”

Nonostante sia un preghiera il testo ha fatto discutere…
Direi tanto, tratta il tema del suicidio ma anche della pietà poiché la Chiesa non solo condanna il suicidio ma ripudia, illecitamente, il suicida: «Lascia che sia fiorito, Signore, il suo sentiero, perché non c'è l'Inferno nel mondo del buon Dio, l'Inferno esiste solo per chi ne ha paura!»

Quindi si chiede come verrà accolto un suicida nell’aldilà?
Esatto, descrive il suicida come colui che ha preferito la morte all’odio e all’ignoranza presente nella vita terrena e quindi elogia il coraggio di un uomo che ha scelto di non vivere in un mondo che non gli apparteneva appellandosi alla misericordia divina che bacerà le persone che non hanno saputo vivere e le accoglierà nel suo bel paradiso a dispetto di quei benpensanti che non approverebbero mai questa cosa. “Ascolta la sua voce che ormai canta nel vento, Dio di misericordia vedrai sarai contento!” È una canzone che sprigiona amore e tristezza, del resto parla di morte, ma di una tristezza stracolma di amore.

La musica?
È composta dallo stesso De André con la collaborazione di Giampiero Reverberi

 















Il testo
Lascia che sia fiorito
Signore, il suo sentiero
quando a te la sua anima
e al mondo la sua pelle
dovrà riconsegnare
quando verrà al tuo cielo
là dove in pieno giorno
risplendono le stelle.

Quando attraverserà
l’ultimo vecchio ponte
ai suicidi dirà
baciandoli alla fronte
venite in Paradiso
là dove vado anch’io
perché non c’è l’inferno
nel mondo del buon Dio.

Fate che giunga a Voi
con le sue ossa stanche
seguito da migliaia
di quelle facce bianche
fate che a voi ritorni
fra i morti per oltraggio
che al cielo ed alla terra
mostrarono il coraggio.

Signori benpensanti
spero non vi dispiaccia
se in cielo, in mezzo ai Santi
Dio, fra le sue braccia
soffocherà il singhiozzo
di quelle labbra smorte
che all’odio e all’ignoranza
preferirono la morte.

Dio di misericordia
il tuo bel Paradiso
lo hai fatto soprattutto
per chi non ha sorriso
per quelli che han vissuto
con la coscienza pura
l’inferno esiste solo
per chi ne ha paura.

Meglio di lui nessuno
mai ti potrà indicare
gli errori di noi tutti
che puoi e vuoi salvare.
.












 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:

http://www.marcoliberti.it/article-preghiera-in-gennaio-de-andre-la-scrive-in-memoria-di-tenco-122090516.html
fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Preghiera_in_gennaio/Si_chiamava_Ges%C3%B9
https://significatocanzone.it/preghiera-in-gennaio-de-andre-significato-testo
IMAGE GOOGLE



LEGGI LA STORIA DELLE ALTRE CANZONI SU MUSICAPASSIONE


1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1