HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
MUSICA PASSIONE
Storia delle Canzoni

1

“Dio mio no”
Battisti e l’ansia da prestazione
Lucio Battisti (1971)







 

 

Adamo mi parli del brano “Dio mio no”?
È una canzone di Lucio Battisti pubblicata dalla Dischi Ricordi il 26 luglio 1971, il 45 giri presentava come lato B il brano “Era”. Nel concept album Amore e non amore, Dio mio no è inserita tra quelle che descrivono situazioni di non amore.

Ebbe successo?
Beh direi proprio di no. Alla fine di quell’anno raggiunse il 38esimo posto dei dischi più venduti, decisamente in tono minore rispetto ad altri brani del duo Battisti/Mogol. Pensa che in quella classifica del 71 Battisti si classificò primo con il pezzo Pensieri e parole.

Ed allora perché è famosa?
Perché il testo era molto allusivo e fu censurato dalla RAI a causa della frase “Dopo aver mangiato la frutta / si alza e chiede dove c’è il letto / poi scompare dietro la porta la sento mi chiama / la vedo in pigiama” e poi ancora “Dio mio no / dimmi solo che verrà” insomma conteneva dei significati erotici considerati al tempo inaccettabili. La RAI rifiutò l’esibizione ma il cantante, in chiaro segno di sfida, durante uno speciale di Capodanno della tv di Stato, prima di iniziare a cantare La Canzone del sole offrì al pubblico un accenno strumentale del pezzo rigettato dall’emittente.

Ma qual era il contesto?
Il protagonista invita a cena una ragazza: già durante i preparativi e mentre cucina lui sta «tremando d'amore», tanto che è assalito dal dubbio «lei verrà o non verrà?». Quando finalmente arriva, la guarda mentre «mangia di gusto la carne il caviale ed il resto»; finita la cena lei si alza, va in camera da letto e ne esce in pigiama. Le urla a fine testo fanno pensare che i due consumino un rapporto sessuale.

Un testo provocatorio per l’epoca…
Come ha ricordato Mogol, la scena rappresenta il ribaltamento dello stereotipo dove è la donna che “aggredisce” sessualmente l’uomo. E in effetti l’uomo rimane sconvolto e spaesato da questo atteggiamento della donna, principalmente dal fatto che non sia lui a prendere l’iniziativa. Alla fine Dio mio no sarà l'unica canzone di Lucio Battisti e Mogol censurata alla RAI.


,




 
















Dio mio no/Era
Artista Lucio Battisti
Tipo album Singolo
Pubblicazione 26 luglio 1971
Durata 10:28
Album di provenienza Amore e non amore[1]
Dischi 1
Tracce 2
Genere Rock progressivo
Pop
Etichetta Dischi Ricordi, SRL 10637
Registrazione Studi Ricordi, via dei Cinquecento (Milano)











 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:

https://it.wikipedia.org/wiki/Dio_mio_no/Era
https://www.r3m.it/lucio-battisti-perche-dio-mio-no-e-stato-censurato/
https://www.musicaememoria.com/dio_mio_no_lucio_battisti.htm
IMAGE GOOGLE



LEGGI LA STORIA DELLE ALTRE CANZONI SU MUSICAPASSIONE


1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1