HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI - STORIE VERE

1

Adamo Bencivenga
La Missione
Dialogo tra colleghi amanti
Ero allibito per il mio coraggio e altrettanto per la
facilità con la quale ci eravamo dichiarati.
Avevo tutta la sua intimità nella mia mano…



Photo Georgy Chernyadyev




 




Andrea: Buongiorno Silvia come sta?
Silvia: Oh ma che sorpresa, io bene e tu?
Andrea: Bene grazie, c’è il sole a Milano?
Silvia: Un pallidissimo sole e a Roma?
Andrea: È una bellissima giornata oggi.
Silvia: Mi manca un po’ Roma sai? L’atmosfera calda, la simpatia di voi romani…
Andrea: Potrebbe sempre fare un viaggetto, non so una missione di lavoro come quella volta a Verona.
Silvia: Eh già, dovrei staccare un po’ la spina. Sai che il prossimo anno vado in pensione?
Andrea: Di già, ma lei è così giovane…
Silvia: Scusa, ma ancora mi dai del lei?
Andrea: Lei è sempre il mio direttore!
Silvia: Nonostante tutto?
Andrea: Mi sembra incredibile sono già passati più di dieci anni da quella volta insieme a Verona, ma io la ricordo come se fosse oggi.
Silvia: È stata una missione di lavoro magnifica e un po’ particolare, non credi?
Andrea: Molto particolare… Ricordo piazza delle Erbe, piazza dei Signori e quel piccolo hotel dove alloggiavamo, credo si chiamasse Giulietta e Romeo con vista sull’Arena. Ci rimanemmo solo tre giorni. Al tempo ero solo un neo assunto e la nostra azienda aveva pensato bene di mandarmi in missione con lei.
Silvia: Ricordo con piacere la tua timidezza, eri quasi intimorito… una specie di cucciolo, ma non so se la causa fosse la differenza di età oppure il grado.
Andrea: Beh sì, io ero giovane, inesperto nel lavoro, mentre lei era una donna in carriera piena di fascino e nello splendore dei suoi cinquant’anni. Ricordo sul lavoro come assorbivo i suoi insegnamenti… Ricordo con piacere ogni momento di quelle giornate.
Silvia: Allora ricordi anche l’ultima sera quando ti ho invitato a cena?
Andrea: Beh io non avrei mai osato farlo! Per me fu un onore!
Silvia: Ma quale onore? Era l’ultima sera e dovevamo festeggiare.
Andrea: Facemmo una lunga passeggiata, ricordo che ci fermammo ad ascoltare un gruppo di ragazzi, forse cileni, seduti sul selciato a ridosso della fontana, con le loro chitarrine curiose e i flauti di Pan. Era una serata piacevole e ci mettemmo ad ascoltare quei suoni strani. Poi ricordo quel minuscolo ristorante, ma intimo. Ero affascinato da lei, bella, bionda come il grano e gli occhi color di mare, aveva due labbra rosse buone per parlare, meravigliose per farci l’amore, ma questo ovviamente lo pensai senza dirglielo.
Silvia: Acqua passata mio caro, ora sono solo un’attempata signora.
Andrea: Per me lei è ancora seduta a quel tavolo, una specie di ritratto di Dorian Gray.
Silvia: Ricordi quando ti chiesi quale fosse stata la nostra missione, ma forse per l’intimità di quel posto pensasti che non mi riferissi al lavoro rispondendo confusamente che conoscerci fosse stato già un buon traguardo…
Andrea: Oddio che gaffe non me lo ricordi la prego, lei in realtà mi stava semplicemente chiedendo del lavoro…
Silvia: Ancora rido… rimasi comunque piacevolmente sorpresa… Diciamo che la domanda era comunque ambigua e per non scoprire le carte rimasi sul vago.
Andrea: Sì sì, ricordo che farfugliai qualcosa riguardo al destino che ci aveva fatto incontrare…
Silvia: Molto audace, non me lo sarei mai aspettata da te, ma ci stava in quell’atmosfera di quel locale.
Andrea: Forse mi avrà preso per pazzo, ma per me era la prima volta che vivevo una situazione simile con una donna molto più grande di me. Ovvio qualche pensiero lo avevo fatto!
Silvia: Ammetterai però che non ti misi in imbarazzo, anzi sempre parlando di missione accennai a quella meravigliosa poesia di Itaca, immaginando quel viaggiatore che fa incetta di mercanzie per rendere più piacevole il viaggio.
Andrea: Ricordo sì che cercai a modo mio di dedurre che nonostante Itaca fosse lontana, non ci impediva di arricchire le nostre anime nel percorso.
Silvia: Ovviamente io non intendevo quello, era una pura e semplice citazione…
Andrea: Già, evidentemente quella sera ero partito per la tangente…
Silvia: Che piacere risentirti Andrea, posso sapere perché mi hai chiamata?
Andrea: Nulla di particolare. Questa mattina, insolitamente mi sono alzato presto e mentre facevo una passeggiata per le stradine del quartiere, l’ho pensata, mi creda dopo dieci anni ho pensato ancora a quella sera, al Caso che ci aveva messi di fronte, alla nostra azienda che aveva deciso di mandarci insieme a Verona.
Silvia: Credevo mi avessi chiamata per lavoro, se le cose invece stanno così, ti confesso che mi fa immensamente piacere sentirti e che in qualche modo ancora ti ricordi di me.
Andrea: In realtà la penso spesso…
Silvia: Allora ce ne hai messo di tempo prima di chiamarmi…
Andrea: Beh lei era stata chiara, no?
Silvia: Niente strascichi, lo so. Del resto eravamo tutti e due sposati.
Andrea: Sa cosa penso di solito? Ecco immagino se le cose fossero potute andare in maniera diversa e dove una situazione diversa ci avrebbe potuto portare…
Silvia: Non ci ha portato distanti, solo una meravigliosa parentesi, ma forse era quello che volevamo…
Andrea: In quel momento ero solo affascinato da lei, il suo modo di vedere le cose, molto diverso dal mio, il domandare direttamente, come se avesse già una meta, come se già conoscesse la risposta, come se già la vita l’avesse messa di fronte a simili percorsi, ma altro non so perché non sapevo nulla di lei.
Silvia: Beh tesoro forse ero solo più grande di te…
Andrea: Ecco oggi pensavo al nostro incontro, forse davvero doveva accadere…
Silvia: Pensi che la mia missione sia stata quella di assecondarti? Di rendere magica e indimenticabile quella serata dopo un’ordinaria giornata di lavoro?
Andrea: Non lo so, forse no, diciamo che è accaduto perché doveva accadere, gli elementi erano tutti al loro posto e lei era bellissima. La cena a lume di candela era stata la premessa e quella passeggiata a piedi di ritorno verso l’hotel non finiva mai…
Silvia: Lo ricordi vero?
Andrea: Fantasticavo, immaginando che mi avrebbe invitato nella sua stanza, ma soprattutto non dimenticherò mai quando entrati nell’hotel anziché l’ascensore abbiamo preferito salire a piedi…
Silvia: Per quella scala piccola e angusta.
Andrea: E chi se la scorda! Lei saliva davanti a me, era così sensuale! È stato un attimo, poi senza pensare l’ho stretta per i fianchi, lo so è stato un azzardo, un grumo di sangue più denso, un barlume d’incoscienza, poteva finire anche con cinque dita sulla mia faccia, ma in quel momento le sue movenze, il suo tacco alto, le sue forme, i suoi anni, la sua calza nera con la cucitura dietro erano per me un richiamo di mille sirene.
Silvia: Vabbè dai ci sta, non ti sei lasciato scappare l’occasione… ma hai mai pensato chi dei due in quel momento avesse più desiderio che accadesse?
Andrea: Ero ancora troppo ingenuo per pensarlo, mi sentivo un giocatore suonato davanti alla pallina della roulette ed avevo puntato tutti i miei averi sul nero, ovviamente il mio colore preferito. Ho semplicemente pensato o la va o la spacca e l’ho afferrata, stretta a me.
Silvia: Riconosco che sei stato tempestivo, era il momento adatto.
Andrea: Con il cuore in gola l’ho baciata, ero emozionatissimo, ma anche curioso di rendermi conto quanta femmina nascondesse quel vestito. Feci scivolare la mano sotto la gonna e mi sorpresi nel sentirla completamente nuda.
Silvia: Oh sì ho ancora in mente la tua faccia stupita…
Andrea: Ricordo le sue parole: “Una donna senza mutande è una donna già presa.”
Silvia: Non so come mi venne quella frase, ma riconosco che ha avuto il giusto effetto!
Andrea: Altro che! Solo in quel momento mi sono reso conto che il mio non era un azzardo, ma stavo semplicemente ubbidendo ai suoi segnali.
Silvia: Tesoro, tu non te ne eri accorto, ma in quel ristorante era successo qualcosa di strano. Mentre parlavamo mi sono sentita così attratta da te che involontariamente mi sono sciolta. Insomma avevo già fatto l’amore con te. Tu eri ignaro di tutto, pensavi alla tua gaffe, eri diventato tutto rosso, ma in realtà mentre parlavamo della missione, forse per il vino, forse perché era l’ultima serata insieme, ero andata incredibilmente in estasi.
Andrea: Forse per lei era già sufficiente così e magari non si sarebbe mai aspettata quella mia reazione su quelle scale.
Silvia: Eri così giovane… se fossi solo stato un po’ più esperto di donne avresti capito prima i miei segnali. Ora te lo posso dire cosa ho pensato mentre eravamo seduti a quel tavolo: “Ecco ora si alza, mi prende per mano e andiamo furtivamente nella toilette.”
Andrea: E invece non avevo capito niente…
Silvia: Già.
Andrea: Infatti su quelle scale ero letteralmente sorpreso per la sua disponibilità, incredulo di stringere tra le mie braccia una donna nuova, molto più grande di me, un nuovo profumo, dolciastro e ricco di seduzione. Non riuscivo davvero a crederci. Ero allibito per il mio coraggio e in quel momento desideravo solo passare la notte insieme a lei in una delle due stanze.
Silvia: Ci rimanesti molto male quando ti ho detto di non cercare la chiave della stanza.
Andrea: Non capivo, credevo che fosse finita lì, ma poi mi sono risollevato quando lei mi ha preso per mano.
Silvia: Di solito nel sottoscala di un albergo ci sono le cucine e in effetti aprendo quella porta ci siamo ritrovati in quella stanza piena di scatoloni.
Andrea: Ero ancora troppo giovane e mi chiedevo perché mai preferire un posto così angusto ad un letto matrimoniale.
Silvia: Era una mia fantasia o forse la coda di quel desiderio al ristorante. La giusta occasione per realizzarla…
Andrea: L’ho capito subito dopo quando ho visto il suo vestito scivolare sul pavimento.
Silvia: Ricordi cosa ti ho detto?
Andrea: E come faccio a dimenticarlo? “Tu sei un illuso, cosa mai credi di trovare tra le cosce di una signora matura?”
Silvia: Era un modo per sentirmi ancora più tua. Un invito insolito, ma un invito.
Andrea: E poi quel bacio, mamma mia, è durato un’infinità.
Silvia: Beh c’è stato anche altro no?
Andrea: Era tutto così irreale che davvero ho pensato che fosse tutto un sogno.
Silvia: A quel punto sono stata io ad osare. Ti ho detto: “Prendimi qui, dentro questa cucina, godiamoci questo presente, perché tra qualche minuto sarà già futuro e quello non ci appartiene.”
Andrea: Mi ha detto anche: “Vieni nel mio Paradiso, ti prego goditi la coda di questo lungo strascico di orgasmo.”
Silvia: E tu non te lo sei fatto dire due volte.
Andrea: Solo allora ho capito cosa lei intendesse e quale fosse veramente la nostra missione, ovvero fare l’amore in quel modo, anzi fare sesso buono senza spazio e tempo, cause e ragioni come in un sogno, come fosse un qualcosa di imponderabile, senza per questo coinvolgere i nostri mondi, i nostri ruoli per poi tornare tranquillamente nelle nostre stanze separate.
Silvia: Così è stato.
Andrea: Non dimenticherò mai quel bacio, il più lungo in assoluto di tutta la mia vita! Le nostre bocche sono rimaste unite per tutto il tempo che abbiamo fatto l’amore. Davvero ho succhiato la sua anima e lei tutta la mia passione, finché un urlo muto e simultaneo ci ha dato il segnale della fine della missione.
Silvia: Oh sì un attimo dopo io ero di nuovo il tuo direttore e tu l’impiegato, ricordo che non ci salutammo.
Andrea: Come nei sogni più veri è letteralmente svanita. Solo qualche secondo dopo ho sentito il rumore dei suoi tacchi risalire le scale.
Silvia: Sono rientrata nella stanza ed ho chiamato mio marito, gli ho detto che era andato tutto bene e che avevo cenato con un collega in un meraviglioso ristorantino vicino Piazza delle Erbe, che in quel momento avevo una gran voglia di dormire e riattaccando gli ho detto “Buonanotte Amore!”
Andrea: Qualche secondo dopo sono rientrato anche io nella stanza, ho chiamato mia moglie, le ho detto che era andato tutto bene, che avevo cenato con una collega in un meraviglioso ristorantino vicino Piazza delle Erbe, che in quel momento avevo una gran voglia di dormire e poi riattaccando le ho detto: “Buonanotte Amore!”
Silvia: Così doveva andare e così è andata!
Andrea: Quindi non è stato un sogno?
Silvia: Tesoro confermo ogni cosa, è successo davvero, anche se, essendo stata una storia senza un inizio e una fine, come nei sogni, possiamo benissimo pensare che non sia accaduta.
Andrea: Allora grazie per avermela fatta vivere…
Silvia: Grazie a te che ti sei ricordato di quel sogno dopo dieci anni. Di solito svaniscono con le prime luci dell’alba.



 



FINE



 






 
 
 




Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..

© All rights reserved
TUTTI I RACCONTI DI ADAMO BENCIVENGA


© Adamo Bencivenga - Tutti i diritti riservati
Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore


















1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1