HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1

1

LiberaEva
La favola del principe e della rosa
"Alle volte capita che una donna uscendo di casa,
ogni mattina sotto il tergicristallo, trovi
una rosa e un biglietto che dice:
“Signora, la prego, accetti la rosa, perché mai le giuro m’è
capitato negli anni, d’apprezzare la grazia, l’armonia, la bellezza…"






Photo Yaroslavna Nozdrina
 


Alle volte capita che una donna uscendo di casa, ogni mattina sotto il tergicristallo, trovi una rosa e un biglietto che dice: “Signora, la prego, accetti la rosa, perché mai le giuro m’è capitato negli anni, d’apprezzare la grazia, l’armonia del suo corpo, la bellezza del viso che ogni sera dipingo!”
E lei ogni volta si guarda intorno e pensa ad un pittore, ad un uomo galante, e si chiede chi mai la conosca a quel punto di indovinare il colore di quel giallo che ama, d’indovinare l’odore che la inebria ogni volta.

Alle volte capita che in un ristorante di lusso, suo marito continui a parlare di affari, e lei si distragga pensando a tutt’altro, all’intimo rosso che sotto fibrilla, al reggicalze di strass che nessuno ha mai visto, alle mutandine di seta inutilmente bagnate, al vestito di seta che la fa femmina bella.
E capita che pensi che nessuno di certo, l’apprezzi a quel punto di notare quanta cura ci mette, la stessa purtroppo che rimarrà nello specchio, la sera che in bagno si spoglia da sola, e si offre alle mani uniche amiche da tempo.

Alle volte capita che pensi a quell’uomo, a un pittore che dipinge bellezza, a cavaliere romantico che non avrebbe che occhi, che mani e respiri per accorgersi quanto, un fiato più ardente e un vapore più intenso, fanno di un colore la seta più morbida, di una donna una femmina calda, di una cena una notte da sogno.

Ma capita anche, in un giorno speciale, come il compleanno di sua figlia Elisa, lei vada a comprare dei fiori, e la fioraia guardi l’auto in sosta, guardi quel fiore sul parabrezza e riconosca il biglietto e sottovoce le dica che è fortunata davvero, e cosa darebbe lei per avere un marito, che ogni giorno le dica buongiorno, con un biglietto e una rosa sotto il tergicristallo.

Capita allora che lei sorrida e pensi quanto il Cielo volesse che lo fosse davvero, che fosse suo marito quell’uomo romantico, comunque la ringrazia perché è stata gentile, ma poi pensa che lei potrebbe svelarle il segreto, chi sia quel cavaliere entrato nei suoi sogni, gli stessi che a sera si fanno reali da sola nel letto.

Capita, sì che capita, che si sbarazzi della vergogna e chieda alla fioraia chi sia davvero quell’uomo e lei le sveli il suo nome, che così detto non produca nessun effetto, fino a che non le dica che è un principe azzurro, che viene a cavallo e se ne va in carrozza, e ogni mattina all’alba ordina una rosa, dal gambo più lungo, dall’essenza più fresca.

Lei stupita non crede a quelle parole, ma sa che solo i sogni irreali sono i più veri ed occorre crederci per averne sostanza ed avere fede perché a volte succede. E succede, certo che succede, passare una intera notte insonne, come succede di alzarsi molto presto, mentre suo marito placido dorme, e capita di vestirsi, truccarsi e farsi bella, per poi scendere le scale ed affidarsi al destino, aspettando il suo principe vicino alla sua auto.

Poi sì, mentre la luce rischiara il nuovo giorno, certo che avviene, perché capita che arrivi lui in persona, e capita di vederlo col suo mantello azzurro, con gli occhi di mare, giovane e bello come quello delle favole che raccontava sua nonna. E capita che lui le sorrida mentre agile scende con un salto da cavallo, e le offra la rosa e le dica ti amo, e capita che lei rapita dal sogno le porga la mano, e lui la inviti per sempre nella sua carrozza.






 
FINE









 
 
 


TORNA AI RACCONTI DI LIBERAEVA


Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
LiberaEva


Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore














1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1