HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

 

     
 

 

STORIA DI UNA POETESSA
La Contessa Lara
Innamorata dell'amore
« Le rose che de' suoi baci hanno odore.
Non mi bastano più: lui solo io voglio. »

Evelina Cattermole (Firenze, 26 ottobre 1849 – Roma, 30 novembre 1896) poetessa italiana.
Scrisse anche novelle e opere in prosa. La parte più rilevante della sua produzione è firmata con lo pseudonimo Contessa Lara.

 

 

 

 

Adamo chi era la Contessa Lara?
Ragazzo mio, tu sei fortunatissimo! Fino a qualche giorno fa non sapevo neanche chi fosse! Mi è capitato per caso un suo libro di poesie tra le mani e mi sono appassionato alla sua incredibile vicenda. Chi era? Una poetessa Innamorata dell'amore, ben inserita nell’alta società di fine Ottocento.

Dove nacque?
Il luogo e la data sono stati per anni controversi. Lei stessa andava dicendo di essere nata a Cannes spostando per vanità l’anno di nascita al 1858, ma in realtà furono trovati successivamente alla sua morte il certificato originale di nascita, che pone con estrema certezza la sua nascita a Firenze il 26 ottobre 1849.

Chi erano i suoi genitori?
Il padre era lo scozzese Guglielmo Cattermole, console a Cannes, che in terze nozze aveva sposato a Firenze Elisa Sandusch, eccellente pianista.

L’infanzia?
Eva fu molto precoce nell'apprendimento della musica (dalla madre) e delle lingue straniere (dal padre): imparò fin da giovanissima l'inglese, il francese, lo spagnolo e l'italiano. A soli diciotto anni pubblicò la raccolta “Canti e ghirlande” creandosi una reputazione di giovane scrittrice neoromantica..

Come conobbe il suo primo marito?
A Firenze Evelina frequentava i salotti più rinomati, riuscendo a conciliare poesia e mondanità.
Tra questi quello della poetessa Laura Beatrice Oliva moglie del patriota, giurista ed avvocato Pasquale Stanislao Mancini, primo sostenitore del “centrosinistra”.
Eva divenne amica delle loro figlie e successivamente conobbe il tenente dei bersaglieri Francesco Saverio Eugenio Mancini del quale si innamorò.
Si sposarono nel 1871 nonostante l'avversione della famiglia di lui.
Insieme condussero una vita mondana e avventurosa, con lunghi soggiorni a Napoli, a Roma, dove l’uomo fu nominato capitano dei bersaglieri.

Poi definitivamente Milano…
Fu proprio a Milano che Evelina entrò in contatto con l’ambiente letterario della Scapigliatura, che le consentì di esprimere liberamente il suo anticonformismo e la sua spregiudicatezza.
Frequentò diversi salotti, tra cui quello di casa Maffei.
Attorno a Evelina si creò una corte di ammiratori, che la adoravano per la sua bellezza e la sua grazia ammaliante, mentre il marito disertava sempre più spesso la casa per giocare d'azzardo o incontrare le ballerine dei «cafè chantant»..

Aria di tradimento?
Già. In uno di questi salotti Eva conobbe il giovane veneziano Giuseppe Bennati, impiegato al Banco di Napoli. Forse per i continui tradimenti del marito se ne innamorò cedendo al corteggiamento del veneziano che tra le altre cose era un amico di lunga data del marito.

Il marito lo venne a sapere?
Altro che! I due amanti si vedevano quasi ogni giorno nelle ore pomeridiane quando il marito di lei faceva la siesta. Il luogo era una camera a ore poco distante dalla casa della donna. In caso di allarme la cameriera di casa Mancini aveva il compito di avvertire subito la signora.
Non conosciamo le circostante, forse una spiata da parte della cameriera, ma sappiamo che Eugenio Mancini vide con i propri occhi i due amanti. Questo gli dava diritto a sfidare a duello l’amante. Il duello terminò tragicamente con la morte del giovane. Nel conseguente processo Eugenio Mancini fu assolto per omicidio d'onore.

Ed Evelina?
Per il dolore si tagliò i capelli e andò a depositarli con delle ghirlande di fiori sulla tomba dell'amato dove, per diversi giorni, si recò a pregare. Naturalmente il marito la cacciò di casa e chiese il divorzio. La notizia passò di bocca in bocca e lei dovette fuggire da Milano coperta di vergogna. Si rifugiò a Firenze, ma suo padre non la volle accogliere a casa e visse poveramente in una camera ammobiliata.
 

 

 


Come si manteneva?
Pubblicava saltuariamente poesie ed articoli su riviste, ma era ben poca cosa. Iniziò poi a collaborare con diversi quotidiani iniziando la sua breve vita da giornalista.

Leggo che lentamente tornò a frequentare i salotti bene.
Durante questo periodo, Evelina collezionò diversi flirt e storie d'amore più o meno stabili, sempre cercando la felicità e il vero amore, ma, per sua sfortuna, incontrando anche persone che approfittavano della sua ingenuità e generosità.

Dopo alcuni anni la troviamo a Roma…
I suoi romanzi iniziarono ad avere un discreto successo. E finalmente ebbe una relazione tranquilla, l’unico amore sereno della sua esistenza, con il giovane letterato Giovanni Alfredo Cesareo che durò diversi anni.

Ma la passione era sempre alle porte..
Già, conobbe Giuseppe Pierantoni, pittore di modesto talento, che avrebbe dovuto illustrare il suo libro “Romanzo della bambola”.

Chi era costui?
Un povero diavolo! Aveva 25 anni all'epoca e conduceva una vita di stenti.
Aveva studiato all'Istituto di Belle arti ma riusciva solo ad imbrattare tele. Menava una vita da bohèmien e non aveva né casa né studio. Se la faceva per Toledo e la sera tardi andava a dormire da sua sorella. Mangiava quando poteva e ciò non avveniva quotidianamente. Conservava i mozziconi delle sigarette. Eva si appassionò alla sua vita e cominciò ad aiutarlo, raccomandandolo ai suoi amici.

Poi cosa accadde?
Dopo qualche tempo il giovane si trasferì a Roma ed Eva incoraggiò il timido giovane, proponendogli di cenare da lei anziché saltare i pasti. Naturalmente ci furono anche i “dopo-cena” che furono l’inizio della loro storia, ma anche l'epilogo della tragedia.
I due decisero di convivere. Ma ben presto l'atmosfera diventò cupa per via delle frequenti “assenze” della contessa. Una volta però il pittore ebbe la prova provata, tramite una lettera intercettata, della natura di quelle assenze. Ci fu una violentissima scenata di gelosia con tanto di percosse. Il pittore tornò alla calma solo quando si convinse che si era trattato di un appendice ad una vecchia relazione ormai sepolta per sempre.

Ma le percosse continuarono vero?
Ogni pretesto era buono, l’uomo diventò manesco e possessivo. Eva non riusciva ad allontanarsi da lui, nonostante l'avesse persino chiuso fuori di casa in un'occasione: l'uomo era rientrato con la forza passando da una finestra. Alcuni amici la consigliarono di recarsi alla Questura e di denunciarlo, ma lei non si fidava e temeva che lui poi si vendicasse.

 

 



Poi cosa accadde?
Nell'estate del 1896, lei si recò in vacanza in Liguria, dove incontrò il suo amico Ferruccio Bottini. Eva gli confidò i suoi problemi, e lui intuendo il pericolo la invitò a lasciare il convivente e a rifugiarsi nella sua casa di Livorno. Per ogni evenienza le regalò un revolver da tenere in borsetta.
Quando tornò a Roma decisa ormai a trasferirsi a Livorno scoppiò l’ennesima litigata con il pittore.
Eva gli intimava di andarsene e di lasciarla in pace, ma il giovane in preda all’ira afferrò il revolver di lei e sparò colpendola all'addome.

Morì sul colpo?
No. La pistola era di piccole dimensioni, e il proiettile non provocò la morte immediata. Il giorno dopo fu operata, ma non si salvò per il tardivo intervento dei soccorsi. Eva durante l’agonia ebbe modo dire a chiare lettere al delegato della Pubblica Sicurezza che il gesto dell’uomo era stato dettato solo ed esclusivamente da interesse economico e non da motivi passionali, in modo che la giuria, visto le leggi di allora, non applicasse alcuna attenuante alla condanna.

Che dire? Una vita movimentata con un epilogo degno della letteratura del tempo…
Soprattutto un’agghiacciante coincidenza tra letteratura e vita, lei morì proprio della stessa morte violenta che tante volte aveva descritto nelle sue opere conferendo alla sua biografia e alla sua memoria un alone di tragica e ineluttabile fatalità.
 



 

 

L'INTERVISTA E' A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
REALIZZATA GRAZIE A:

www.italiadonna.it
www.letteraturaalfemminile.it
www.torreweb.it
digilander.libero.it/trombealvento
it.wikipedia.org

 

 

TORNA A GIALLO PASSIONE


 

 

 

 

 

 

 

Sei un artista? Hai un sito web, un blog? Sei una modella, un fotografo, scrivi?
Vuoi segnalare un evento d'arte? Fatti conoscere gratis su liberaeva.
Contattaci! Scrivi a liberaeva@libero.it

SEGUI LIBERAEVA SU

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori. 
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
  
(
All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.)
Scrivi a liberaeva@libero.it

 

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti