HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
Le AutoInterviste

1

STORIA DI UN DELITTO
Christa Wanninger
L’aspirante attrice
Roma, primavera del '63
Le tre del pomeriggio.  Qualcuno chiamò la questura:
"C'è un cadavere in un palazzo
di via Emilia a due passi da via Veneto".







(Roma, 1963)

 

 

Il corpo straziato da venti coltellate apparteneva a Una bellissima ragazza tedesca di 23 anni. Le cronache dell’epoca la definivano un’attricetta in cerca di fortuna. Veniva da Monaco. Appassionata di foto lavorava saltuariamente anche come modella.

Buongiorno Adamo, tutto bene?
Ma senti, ma tu non hai altro compito che rompere le scatole a me?
Rido

Volevo farti solo due domande due!
Guarda ragazzo, se non fosse stato per l’amicizia che mi legava alla buon anima di tuo padre, ti avrei già cacciato a calci.

Perché ce l’hai tanto con me?
Perché hai l’aria di chi prende per il culo! Dimmi dimmi, ma ti avverto tra dieci minuti ho appuntamento con il barbiere. Finito, o no ti lascio.

Christa Wanninger ti dice qualcosa?
Parli con la persona giusta ragazzo! Al tempo ero un cronista del Momento Sera, un giornale romano che usciva nel pomeriggio e ho seguito direttamente il caso.
Vediamo… Roma, primavera del 63. Le tre del pomeriggio. Qualcuno chiamò la questura: "C'è un cadavere in un palazzo di via Emilia a due passi da via Veneto".
Le volanti partirono a sirene spiegate. Sul pianerottolo al quarto piano del civico 81 trovarono il corpo di una giovane donna martoriato da venti coltellate. Iniziò così un giallo che appassionò l'opinione pubblica riempiendo le prime pagine dei giornali.

Chi era Christa?
Una bellissima ragazza tedesca di 23 anni, figlia di un commerciante all’ingrosso di tabacchi. Le cronache dell’epoca la definivano un’attricetta in cerca di fortuna. Veniva da Monaco. Appassionata di foto lavorava saltuariamente anche come modella. A Roma frequentava locali notturni spesso in compagnia di uomini facoltosi. Si parlava di petrolieri ed agenti segreti.

Perché la Wanninger si trovava lì?
Era andata a trovare la sua amica Gelda Hoddap.

Gelda cosa disse alla polizia?
Affermò più volte che stava riposando e quindi di non essersi resa conto di quello che stava accadendo sul suo pianerottolo.

Altri testimoni?
La custode dello stabile. La sua testimonianza fu fondamentale per il corso delle indagini e stabilire la dinamica dei fatti. Praticamente passarono non più di cinque minuti da quando vide entrare la bellissima tedesca e le strazianti urla.

Come fu trovata la ragazza?
Il corpo martoriato da decine di coltellate era riverso con la porta dell’ascensore spalancata. La porta dell’amica era chiusa.

La portiera vide altro?
Un uomo elegante in abito blu con le mani in tasca che scendeva di corsa le scale del palazzo e si avviava verso l’uscita. Naturalmente all’epoca un uomo in blu vestito elegante era sinonimo di uomo d’affari e di potere. La stessa testimonianza dell’uomo in blu venne confermata da altri inquilini. Nessuno di loro lo conosceva o l’aveva visto altre volte nello stabile.
 
Gli investigatori scoprirono qualcosa di interessante?
Fu interrogato il fidanzato della vittima, un rappresentante di tessuti di Firenze. Ammise di essere stato con Christa le ore precedenti al delitto nell’appartamento di lei in via Sicilia. Ma per l’ora del delitto aveva un alibi di ferro.

E l’amica?
Gelda dopo un interrogatorio durato 25 ore venne associata al carcere femminile ed accusata di reticenza. Verrà in seguito condannata per favoreggiamento, ma poi rilasciata per insufficienza di prove.

Poi cosa successe?
Per quasi un anno assolutamente nulla, poi un pittore senza arte né parte, al secolo Guido Pierri, telefonò al nostro giornale assicurando di sapere qualcosa del caso. Naturalmente voleva denaro in cambio dell’esclusiva. Cinque milioni di lire!!!
Vennero immediatamente avvertiti i carabinieri che rintracciano la telefonata e arrestarono il mitomane in piazza San Silvestro. In tasca gli venne trovato un coltello a serramanico.
Durante la perquisizione nel suo appartamento venne alla luce un abito blu chiuso in un armadio e soprattutto un interessantissimo diario dove era descritto nei dettagli l’assassinio della Wanninger.
Messo sotto torchio cominciò a ritrattare affermando che i diari erano il frutto di articoli di giornale e un pizzico di fantasia. Nonostante i numerosi indizi a suo carico, il magistrato incriminò Pierri solo per tentata truffa.

Quando viene ripreso il caso?
Solo nel 1976 tredici anni dopo, la polizia si accorse che il Pierri non aveva fornito un vero e proprio alibi per cui venne di nuovo incriminato ma assolto per insufficienza di prove.
Nel 1985 fu nuovamente sottoposto a giudizio. Dopo tre ore di Camera di Consiglio, il tribunale sentenziò che "l'uomo in blu" era proprio lui. Quindi venne riconosciuto come autore dell’omicidio, ma poiché all'epoca era incapace di intendere e volere venne rilasciato immediatamente.

Per la Giustizia caso chiuso?
E non solo! Ormai erano passati parecchi anni e l’opinione pubblica non si interessava più al caso.
La morte dell’attrice tedesca che aveva tentato la fortuna attratta dalla Dolce vita, diventava solo un trafiletto sui giornali.

Ombre e dubbi?
Diciamo che il pittore ha sempre continuato a dichiararsi innocente affermando di aver trovato sulla propria strada "qualcosa di più grande di lui" ma nessuno ha voluto più riesaminare il suo caso ed il delitto di Via Emilia rimane una pagina insoluta nella cronaca nera italiana.

Secondo te?
Ci sono avvenimenti e coincidenze di contorno al delitto che fanno pensare!

Tipo?
La scomparsa di un ufficiale dei Carabinieri che stava indagando sul caso. Addirittura si era dimesso dall’Arma! Era l'addetto stampa del Generale Di Lorenzo! Un destino fatale lo fece morire in un incidente stradale. Venne alla luce più tardi che i nomi di alcuni amici di Christa Wanniger risultavano in alcuni documenti relativi alle indagini sulla strage di Piazza Fontana avvenuta a Milano nel dicembre 1969. E poi ancora su alcune indagini che riguardavano traffico d’armi e segreti industriali.

Quindi Servizi Segreti?
L’avvocato difensore del Pierri sostenne in aula che la Giustizia avrebbe dovuto seguire altre piste…..che come al solito non furono mai battute!













 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:

http://guide.dada.net/cronaca_nera
www.lollymagic.it
www.misteriditalia.com
www.popobawa.it
www.lastoriasiamonoi.rai.it

IMAGE GOOGLE
Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it




INTERVISTE IMPOSSIBILI
ELENCO ALFABETICO      ELENCO CRONOLOGICO        ELENCO PER CATEGORIE















1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1