HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

 
     

 

 

     
 



La coureuse
SESSO ALLA FRANCESE
PRIMA FACCIAMO L'AMORE E POI PARLIAMO. COSI’ ABBIAMO QUALCOSA DA RACCONTARCI!
LA SCRITTRICE MAIA MAZAURETTE: “IL SESSO VA FATTO MEZZORA DOPO LA CONOSCENZA. IL PRIMO APPUNTAMENTO VIENE DOPO”
 


 

 

 

 



“Noi francesi siamo semplici: non abbiamo questi rituali del ‘dating’. Iniziamo subito con il sesso. E poi, se il sesso è andato abbastanza bene o se ci sentiamo uniti, allora proviamo a costruire una relazione. Così è tutto più spontaneo, non ci si tormenta sul primo appuntamento, sul secondo e sul terzo, non c’è nessun coinvolgimento emotivo che faccia venire macchie rosse sul collo o una crisi di pianto a metà serata”…

Trenta minuti è il tempo necessario, in Francia, perché un uomo e una donna che si sono appena conosciuti sul divanetto di un locale, a cena con altri amici, a una festa, a un convegno di rappresentanti farmaceutici o al salone del libro di Parigi, arrivino al punto: andiamo da me? Oppure in un parcheggio, o nella stanza d'albergo prenotata dall'azienda. Trenta minuti indispensabili per capire se il tizio con il gin tonic in mano e lo sguardo ammiccante non sia uno psicopatico (mezz'ora non basta, per stare tranquille servono almeno garanzie da un conoscente comune, lo sguardo di approvazione di un'amica, una rivoltella nella borsetta).

"Non è un primo appuntamento, è solo sesso", dice Maïa Mazaurette, columnist di GQ Francia, intervistata sull'amore alla francese dalla giornalista americana più esperta di appuntamenti, sesso reale, sesso digitale e sentimenti via chat, Maureen O'Connor del New York Magazine. Il sesso è in Francia il momento di passaggio tra la prima stretta di mano, il primo sguardo con le pupille che un po' si dilatano, e un invito a cena.

A prendere un caffè insieme, magari a parlare delle proprie infanzie. L'intervistatrice newyorchese, piuttosto disinvolta e disposta a raccontare, negli articoli per il suo giornale, esperienze dettagliate di conoscenze carnali, si è mostrata stupita, entusiasta di fronte a questo modo pragmatico di decidere se tenersi addosso le mutande oppure no, senza nemmeno bisogno di una cena esplorativa, di un po' di corteggiamento o di batticuore.
 

Annalena Benini per "il Foglio
http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/sex-and-the-france-prima-scopiamo-poi-parliamo-cosi-abbiamo-qualcosa-77257.htm



 

 

 

 

 

 

 

 


HOME MAGAZINE

 

     
 
 
     

 



 

SEGUI LIBERAEVA SU

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori. 
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
  
(
All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.)
Scrivi a liberaeva@libero.it

 

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti