HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

 
     

 

 

     



A 120 anni di distanza dalla sua condanna perché ''scandaloso'', ''volgare'' e ''impuro'', esce per la prima volta in Italia una versione non censurata del romanzo capolavoro dello scrittore irlandese Oscar Wilde:
Il ritratto di Dorian Gray
L'edizione della Harvard University Press, in Italia pubblicata da Mondadori, ha ripristinato i discutibili tagli operati in epoca vittoriana sulla storia del giovane di straordinaria bellezza innamorato del suo ritratto.

 

 


Si tratta del manoscritto originale quello spedito da Wilde al direttore del Lippincott’s Monthly Magazine, censurato dall'editore stesso perché ritenuto un pericolo per l’Inghilterra moralista del 1890 e capace di gettare un'ombra di 'discredito' sull’autore già in odore di omosessualita'.



 


La nuova edizione del libro, informa la stampa inglese e in particolare 'The Guardian', è stata resa possibile dalla consultazione del manoscritto originale da parte di Nicholas Frankel, professore di letteratura inglese alla Virginia Commonwealth University. Nel 1891 una frase come ''in qualche modo non ho mai amato una donna'' sarebbe stata inaccettabile, ha sottolineato Frankel, ''perché sarebbe stata una chiara allusione all'omosessualità del protagonista''. Come sparì l'allusiva frase "Dal momento in cui ti ho incontrato, la tua personalità avuto la più straordinaria influenza su di me". Ha commentato Frankel: ''Ormai i tempi sono maturi per la pubblicazione del romanzo di Wilde nella sua versione non censurata. Ed è la versione del romanzo che Wilde vorrebbe che fosse letta nel XXI secolo alla luce del sole''.
Un portavoce della Harvard University Press ha precisato che la differenza tra il testo originale di Wilde e la versione pubblicata a stampa del romanzo per 120 anni era ''nota fino ad oggi solo a un pugno di studiosi che avevano avuto accesso al manoscritto''.


 

 

 

CITAZIONE DI OSCAR WILDE:
“Oggigiorno si conosce il prezzo di tutto, ma non si conosce il valore di niente.”

 

 



Di cosa parla “Il ritratto di Dorian Gray” di Oscar Wilde?
Il ritratto di Dorian Gray” è la storia di un uomo che vuole rendere eterna la sua bellezza e cade nel gioco da lui stesso creato.
Il romanzo ha come protagonista del romanzo un giovane molto bello da cui è impossibile non essere affascinati.
I lineamenti del viso di Dorian sono talmente superbi per bellezza, da destare un interesse particolare nel pittore Hallward, che ispirato da tanta armoniosità e purezza decide di fargli un ritratto.

Nel frattempo Dorian incontra, proprio nello studio del pittore, Lord Wotton, che attraverso la sua arte oratoria e al coinvolgimento che ne deriva dal suo modo di pensare, riesce a diventare un punto di riferimento nella vita del ragazzo.
Dorian prende per oro colato i discorsi di Lord Wotton e inizia a dare un peso rilevante al ruolo della bellezza nella sua vita.
Sarà proprio in seguito ad un discorso fattogli da Lord Wotton, che Dorian Gray, comincia a provare una sorta di attrazione e di invidia verso il proprio ritratto.

Il pensiero del tempo che passa lo distrugge, l’idea che lui invecchierà, mentre il suo ritratto resterà fedele alla bellezza di quel momento, gli provoca talmente tanta indignazione e gelosia, che fa una sorta di patto con il demonio grazie al quale il quadro sarebbe invecchiato al posto del suo volto, rendendo così eterno il suo splendore.

E’ da questo momento che nel libro “Il ritratto di Dorian Gray” le cose cambiano e il ritratto si trasforma con gli anni, rendendo alla sua immagine dipinta la vecchiaia che non intacca invece il suo volto.
Ma la sua anima comincia a portare i segni della disfatta, così come il ritratto diventa il suo specchio, e dopo una storia d’amore con un’attrice che si suicida, Dorian avvizzito dai sensi di colpa, cambia il suo modo di vivere e cerca di celare la sua bellezza nascondendo il quadro in soffitta.

Il senso di sconfitta morale continua a tormentarlo a tal punto che un giorno decide di trafiggere la tela del suo dipinto con lo stesso coltello con cui aveva ucciso il suo amico pittore che, attraverso un’opera così superba, gli aveva reso la dannazione eterna.
L’essenza del quadro però sembra strettamente correlata a quella di Dorian che subisce una sorte simile.

Ed è così che secondo Oscar Wilde ne “Il ritratto di Dorian Gray”, l’arte e la vita, così come l’arte e l’amore, il palcoscenico e la realtà, diventano indistinguibili e legati da un coinvolgimento che rende schiavi gli uomini.
(Alessandra Galdiero)



 

 

 

 

 

FONTI
Alessandra Galdiero http://www.recensionelibro.it
http://www1.adnkronos.com
Valeria Parrella http://ilmiolibro.kataweb.it
 
 

 
 


 

 

 


HOME MAGAZINE

 

     
 
 
     

 



 

SEGUI LIBERAEVA SU

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori. 
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
  
(
All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.)
Scrivi a liberaeva@libero.it

 

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti