HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
APPUNTI DI VIAGGIO
AMARSI? CHE CASINO!

1

 VIAGGIO A MUSCAT
Ora le donne omanite rifiutano i matrimoni combinati e si sposano per amore.
IO CI SONO STATO NELL'OMAN
Viaggio nell'oro nero, ma anche nell'oro bianco, la famosa resina
boswellia, che una volta seccata origina l'incenso.









 


Io ci sono stato in Oman,
terra di passaggio e di storia intrisa di profumi di incenso, attraversata un tempo da carovane senza fine cariche di merce e d’oro destinata ai mercati di Alessandria, Venezia, Damasco, Roma.
Sì che ci sono stato nella zona più arida del mondo e molti sono convinti che le condizioni di vita degli uomini e delle donne omanite sia simile a quella dei vicini sauditi. Ma in realtà non è così. Qualcosa sta cambiando... Ecco l'Oman di oggi, il Paese delle donne che non ti aspetti

Io ci sono stato ed ho visto le donne lavorare, guidare, votare, ereditare, possedere proprietà e gestire un’attività. Ovvio che mi sono sorpreso pensando alla vicina Arabia Saudita. Qui, dove io sono stato, c’è un cambiamento notevole rispetto al modello patriarcale, che comunque è ben resistente e radicato nella società.

Io ci sono stato tra i giovani, nelle università, qui si studia davvero o e la rete sta cambiando questa società tanto che ora i giovani si oppongono ai matrimoni combinati, a quei veri e propri contratti stipulati dalle famiglie. Qui le donne sono destinate ai cugini di primo grado e le unioni d’amore sono rarissime anche negli strati più alti della società.
Nonostante la legge sancisca la massima libertà, prevale sempre la tradizione: è il padre ad essere responsabile della “felicità” della propria figlia. La verginità è un requisito imprescindibile ed il mancato superamento della “verifica” getterà onta su tutto il clan. Nei nuclei familiari poligami, la prima moglie è solitamente una cugina e la seconda una parente alla lontana.

Eh sì che ci sono stato e le donne, benché formalmente libere di interagire con l’altro sesso, preferiscono essere accompagnate agli eventi pubblici da un parente maschio. Le ho viste fuori casa camminare avvolte nell’abaya nera, il volto coperto dal velo che lascia liberi solo gli occhi, pesantemente truccati col kajal. E sotto l’abaya si celano abiti colorati, eleganti e sensuali, destinati, però, ad essere sfoggiati solo in famiglia. Nonostante la modernizzazione, è ancora in uso, soprattutto nel Dhofar, la pratica dell’infibulazione. In realtà la mutilazione genitale femminile è stata bandita e resiste nelle sacche della società più oscurantiste ad esempio nel sud dove è molto più brutale e prevede l’asportazione del clitoride e talvolta anche delle piccole labbra. Queste credenze popolari vogliono che il taglio di parte dei genitali esterni ne stemperi l’ardore ed il desiderio sessuale con buona pace delle famiglie.

Io ci sono stato nell’Oman ed ho respirato quella cultura! Il cammino verso la conquista della libertà è ancora arduo e faticoso, ma secondo una ricerca dell’Università di Mascate, su circa mille omaniti, l’83% è contrario al matrimonio combinato. E’ un trionfo! E’ questa la nuova generazione, dalla mentalità più aperta.
I giovani parlano, si scambiano opinioni e lo fanno anche con un occidentale come me. Qualcuno mi dice che ha conosciuto la propria donna tramite Instagram o Facebook. Eccoli i giovani di Mascate! In genere frequentano la “Sharia Al Hub”, la Strada dell’Amore, una “promenade” con tanti bar sulla strada, dove gli uomini dicono dolci parole alle donne che passano.

Si che ci sono stato lungo la passeggiata al tramonto che racconta più di quanto possano dire mille statistiche. Io li ho visti ragazzi e ragazze che camminano tranquillamente, l'orecchio volto al ritmo regolare delle onde che si infrangono sulla spiaggia, interrotto solo dal brusio dei Suv che transitano a passo d'uomo. I loro occhi sono tutti per lo schermo del Blackberry: la bella gioventù di Muscat comunica seguendo le stesse regole di altre lontane latitudini. Oggi i ragazzi sanno di avere delle alternative. E’ stata l’esposizione alle altre culture che ha influito sulla nuova visione del matrimonio. E frequentarsi e sposarsi per amore, sta diventando la normalità. I genitori continuano a vigilare e ancora ci sono tabù a riguardo, ma i ragazzi si incontrano ugualmente, in segreto, oppure si oppongono.

Amira mi dice che ha incontrato il suo fidanzato su una chat quando aveva 18 anni. Incantata dalle sue parole, i due hanno parlato per due anni prima di incontrarsi di persona. Dana, che ha ventisei anni, ha conosciuto il suo fidanzato su “Facebook” quattro anni fa, e spera che suo padre approverà il matrimonio. Finora ha rifiutato la proposta già tre volte, perché il ragazzo è separato, ma non divorziato. Ma il giovane non demorde e lei è convinta che strapperà il consenso.

Ora sono seduto ai tavolini all’aperto del bar “Love Street”. Mi godo questo tramonto di dune e sole rosso, di cammelli e deserto, accanto a me è seduto al-Hinai. Avrà venticinque anni, racconta di essersi rifiutato, anni fa, di sposare la donna scelta da sua madre. Era una sua cugina, molto bella, ma tra loro non è scattata la scintilla. Ora è felice, ha preso in moglie la ragazza che amava: “La cosa più bella al mondo è la speranza.” Dice.
io















 

 
 
 



L'ARTICOLO A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATO REALIZZATO
 GRAZIE A:
Vivian Nereim per “Newsweek” http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/vedi-oman-quant-bello-oman-emirati-arabi-giovani-93042.htm
Anna Alberghina http://www.emotionsmagazine.com/mondo/essere-donna-in-oman-sospeso-fra-tradizione-e-modernita
Paola Piacenza http://www.iodonna.it/attualita/primo-piano/2013/oman-reportage-401284316812.shtml

IMAGE GOOGLE




  1 


 

1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1