HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

 

 
 

 



ESCE IL LIBRO DI MARIE-DOMINIQUE LELIÈVRE
Chanel & Co.
 Coco e le sue amiche
 UNA BIOGRAFIA CHE RICOSTRUISCE OGNI ASPETTO
DELLA VITA DI COCO CHANEL:
Il suo stile, la morfina, la bisessualità:
"Era cacciatrice, ma con le donne si lasciava andare."
 

 

 

A un intervistatore che osò chiederle: "Quanti anni ha?",
Coco Chanel rispose senza esitazioni: "Dipende dai giorni".


 

 

 

 

 

In ordine di tempo è l’ultima biografia di Coco Chanel. La giornalista Marie-Dominique Lelièvre ricostruisce la vita della stilita francese mettendo in rilievo le amicizie femminili e gli eventi più significativi che contribuirono a costruire il suo mito.

 

 

L’abbandono nell’orfanotrofio di Aubazine da parte del padre quando aveva 12 anni, la vita con le suore, il primo tentativo di autonomia, l’incontro con l’amante facoltoso, un ufficiale di cavalleria di famiglia nobile, la vita come lad di scuderia e l’amore per il giovane inglese Boy Capel, la complicità con alcune tra le più note demi-mondaine dell’epoca, tra cui la celebre Émilienne d’Alençon, il debutto tra le amiche come modista e il negozio aperto a Parigi da cui partirà la conquista del mondo della moda. Insieme a tutto questo le tante ferite, il suicidio di due sorelle, la tristezza e lo sconforto di una società che a lungo la tratterà da commerciante, la morte in un incidente di Boy Capel e poi più in là di Paul Iribe, un noto illustratore con cui stava per sposarsi.

 

 

 

Se fin qui non sono molte le novità, Lelièvre è più cruda nel delinearne certi particolari, com’è per le relazioni con gli uomini. Si addentra quindi, capitolo per capitolo, nelle vicende più oscure di un’esistenza sotto i riflettori: il ricorso alla droga di cui Chanel divenne dipendente, la bisessualità accennata da alcuni biografi ma ora svelata, il soppiantare l’amica Misia Sert come mecenate di artisti, il disprezzo per i poveri e gli sconfitti, il tradimento durante la guerra dove simpatizzò con i tedeschi e non ultimo, la cosa più dura, un antisemitismo che pur con certe ambiguità non si arresterà nemmeno davanti alla scomparsa, dopo l’arresto, di persone che conosceva da tempo.

 

 

 

Lelièvre è in grado di ricostruire ogni aspetto della vita della stilista. Ad esempio, nei diari di Morand, viene riportato il turbamento dello scrittore quando, entrato nella stanza dell'amica, la sorprende sotto le lenzuola con un'altra donna. Pur avendo già in precedenza intuito la bisessualità di Gabrielle resta folgorato dalla scena e conclude un po' affrettatamente che Chanel, a parte pochi amori eterosessuali, è fondamentalmente lesbica.

E poi c'è la morfina, insegnata probabilmente da Misia Sert. Chanel non ne ha paura e la usa tranquillamente, riducendola a una delle tante droghe, dalla mondanità all'amicizia, che le consentono di sopravvivere al dolore del tempo che passa falciando ogni illusione. “Bisogna essere sempre ebbri, consigliava Baudelaire, tutto qui… Per non sentire l’orribile peso del tempo che vi distrugge le spalle e vi china verso la terra, bisogna ubriacarsi senza sosta”.

 

 

Ed è proprio attraverso gli occhi delle sue amiche che Marie-Dominique Lelièvre ricostruisce gli aspetti più intimi, segreti e scandalosi della donna, più che della stilista. Se Gabrielle è riuscita, infatti, a diventare Coco è anche grazie al rapporto con le sue amiche, donne dalla vivace sensibilità e, come lei, dalle forti passioni. Si sono amate e detestate, hanno condiviso amanti, risate, lacrime e il gusto per il glamour e l’eleganza. Ne esce un ritratto fedele della donna che ha cambiato la storia della moda, fatto di ricordi inediti ricostruiti con l’attenzione e la puntualità dell’indagine investigativa. Una storia ricca di intimità, piccole gelosie e confessioni che rivela oltretutto il fermento di un’epoca che Coco ha vissuto appieno, ma che soprattutto ha saputo leggere e reinventare. Insieme alle sue amiche e sotto i loro occhi. Una biografia da leggere come un romanzo, una favola che ha il sapore dell’inchiesta.

 

 

FONTI:
Nadia Agustoni https://cartesensibili.wordpress.com/2014/12/07
http://www.lafeltrinelli.it/libri/lelievre-mariedominique/chanel-co-coco-e-sue/9788867761142
Giuseppe Scaraffia per "Il Sole 24 Ore" http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv







 

 

 

 

 

 


HOME MAGAZINE

 

 

 

 

 

Sei un artista? Hai un sito web, un blog? Sei una modella, un fotografo, scrivi?
Vuoi segnalare un evento d'arte? Fatti conoscere gratis su liberaeva.
Contattaci! Scrivi a liberaeva@libero.it

SEGUI LIBERAEVA SU

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori. 
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
  
(
All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.)
Scrivi a liberaeva@libero.it

 

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti