HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

 
 

 

LIFE

 

 
 

 



LONDRA
IL PERCORSO ALTERNATIVO DEI MUSULMANI BRITANNICI
La Sposa a Tempo
 (Mut'ah nikah)
A Londra, le ragazze squillo islamiche stanno lanciando
un percorso alternativo per i musulmani britannici che desiderano
assolversi dal peccato del sesso


 

 

 

La soluzione è un mut'ah nikah, un matrimonio temporaneo,
con una durata minima di un'ora. E il sesso tra due amanti diventa
improvvisamente legittimo agli occhi di Allah,
o almeno secondo alcune generose interpretazioni sciite.


 

 

 

 

 

Kamillah, una giovane escort islamica, chiede 450 sterline l’ora. Ma per sole 100 $ in più si unisce in un matrimonio temporaneo e il sesso non si oppone più ai principi cardine del Corano. Molti studiosi e credenti criticano aspramente la pratica, sostenendo che sia già stata respinta da Maometto stesso. Ma nonostante questo, la mut’ah nikah sta diventando un’usanza sempre più diffusa.

 

 

 

Per il Corano non è una questione da poco infatti la pratica differenzia notevolmente i due mondi dell’Islam: sunnita e sciita. Questo tipo di matrimonio chiamato appunto mut’ah nikah (letteralmente: matrimonio di piacere) in realtà esisteva già ai tempi del Profeta e venne poi vietato dal secondo Califfo Omar, ma rimase in uso tra gli sciiti.

 

 

 

L’accordo tra le parti può avvenire anche verbalmente e non richiede alcuna registrazione. L’uomo (anche sposato) e la donna (non sposata) si mettono d'accordo sulle questioni principali tra le quali: avere figli o non averne, la compensazione da versare alla donna e la durata dell’unione. Questo contratto può durare da pochi minuti a 99 anni e può essere rinnovato ogni qualvolta si voglia.

Un uomo può avere un numero illimitato di matrimoni temporanei (tuttavia, molti studiosi sciiti hanno fissato il limite massimo a quattro), mentre la donna  può essere coinvolta solo in un matrimonio e al termine non ne può contrarre uno nuovo prima di un periodo di attesa (edda) di tre mesi o di due cicli mestruali. Questo periodo obbligatorio di attesa si applica anche alle donne divorziate nel matrimonio permanente ed è destinato a determinare la certezza della paternità nel caso in cui la donna dovesse rimanere incinta.

 

 

 

 

Il matrimonio temporaneo garantisce maggiori libertà alla donna: vive a casa propria, esce senza chiedere il permesso e può lavorare, ma deve essere disponibile quando il marito la cerca.
Il marito può invalidare il matrimonio prima della scadenza. In tal caso deve versare l’intero compenso alla donna se hanno avuto rapporti sessuali, in caso contrario dovrà versare solo la metà dell’importo. I coniugi non sono eredi l’uno dall’altro, ma i figli nati dal matrimonio temporaneo sono equiparati ai figli nati da quello permanente ed ereditano da entrambi i genitori. Durante il periodo di matrimonio il marito può sposare un’altra donna, alla donna è proibito.
 

 

 

 

Questa pratica è molto in uso in Iran ed in Iraq dopo la morte di Saddam Hussein. Visto che sposarsi è divenuto sempre più difficile economicamente questo istituto serve a non commettere adulterio e fornicazione e viene utilizzato dai giovani per raggirare tutti i divieti delle leggi islamiche sui rapporti tra i ragazzi e ragazze.
Un tempo serviva ai militari che stavano lontano da casa per molto tempo. Ora ne fanno largo uso i ricchi vacanzieri dei paesi del Golfo durante il periodo estivo, e così tramite loro è giunto anche in Egitto con il termine "orfi".

 

 

 


A differenza dell'Iran dove le donne non si nascondono, anzi ostentano un Hijab portato al rovescio con le cuciture bene in vista, in Egitto non è ancora visto bene ed è una pratica segreta con la quale le studentesse si pagano i corsi di studio, incrementando così il ricorso alla "riverginizzazione".

Alcuni paesi islamici che si oppongono alla pratica mut’ah nikah sostengono che si tratta semplicemente di prostituzione mascherata altri invece sono convinti che, a differenza dell’occidente dove è diffusa la pratica dell’amante, in questo modo si abbattono le barriere dell’ipocrisia.

 


 

 

FONTI:
http://www.thedailybeast.com
http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/ti-sposo-un-ora-londra-escort-musulmana-che-sposa-suoi-amanti-97224.htm
mariam kilani http://www.lastampa.it/2009/09/16/blogs/gli-altri-siamo-noi/matrimoni-temporanei-o-prostituzione-a-tempo-D4nxwFKp9XxrFaxxzIjTEJ/pagina.html
http://granellidisabbia-najim.blogspot.it/2011/02/iran-il-matrimonio-temporaneo-sigheh.html








 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1

Sei un artista? Hai un sito web, un blog? Sei una modella, un fotografo, scrivi?
Vuoi segnalare un evento d'arte? Fatti conoscere gratis su liberaeva.
Contattaci! Scrivi a liberaeva@libero.it

SEGUI LIBERAEVA SU

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori. 
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
  
(
All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.)
Scrivi a liberaeva@libero.it

 

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti