HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

 
 

 


 

 
 

 



LA CINA DI OGGI
Le sheng nu
ovvero le donne scarto
Il loro
motto? "“Preferirei piangere sul sedile di una BMW
piuttosto che ridere sul sellino di una bicicletta”..."

 

 

 

Milioni di donne cinesi devono giornalmente subire l’insopportabile etichetta di sheng nu.
Il termine, in inglese leftover, suona letteralmente come donna scartata,
oppure “avanzi”, o se volte semplicemente zitella, e sta ad indicare la donna
non sposata e che non ha mai procreato di oltre 27 anni.

 

 

Sono generalmente donne in carriera, laureate e di ottima cultura.
La stessa famiglia le trova inadatte a crearsi una vita, troppo vecchie per il matrimonio,
ma anche troppo ambiziose per trovare un compagno...

 




 

 

 

 


E' paradossale constatare che in una nazione in cui le mogli vengono di fatto importate dai paesi confinanti le cinesi in età da marito restino single. La situazione ha radici profonde nella tradizione confuciana, secondo cui avere figlie femmine è una iattura, e negli anni si è arrivati al punto di avere un tasso di natalità maschile del 20% superiore a quello femminile in conseguenza della politica del figlio unico (maschio) lanciata negli anni '80 e all’aborto selettivo a favore dei maschi. Senza contare che nell’Impero Cinese le ragazze ricevevano una differente educazione per divenire perfette madri e moglie.

 

 



Insomma, nella Repubblica popolare del ventunesimo secolo l'emancipazione femminile ha completamente stravolto la società. Le ragazze di oggi studiano, trovano lavori soddisfacenti e, soprattutto, ricevono stipendi che le rendono realmente indipendenti. Non come succedeva ai tempi di Mao, quando anche per avere diritto a una casa servivano un marito e l'autorizzazione del partito.

Queste ragazze in realtà non snobbano il matrimonio, ma sono diventate molto più selettive nello scegliere il compagno della vita. Lo vogliono non tanto bello e romantico, ma ricco, istruito, con un'automobile costosa e un lavoro prestigioso. Vengono anche definite “terzo sesso” uno stereotipo offensivo che racchiude in sé l’idea che nessuna donna deve occupare una posizione più alta rispetto a quella del marito.
 

 

 


Ecco perché genitori che hanno ormai perso quasi tutte le speranze hanno iniziato ad adottare strategie diverse per risolvere questo problema. Madri e padri, con tanto di vestito buono, attaccano con lo scotch inserzioni sugli alberi con tanto di foto e dati della figlia: età, reddito, livello di istruzione, interessi, eccetera… oppure è facile incontrarli nei supermercati con la foto in tasca e pronti a tirarla fuori quando individuano il “pollo” di turno.
Le inserzioni sono di questo genere: “Cercasi marito per mia figlia: nato max nel ’70, con buone abitudini e casa di proprietà. Mia figlia: nata sotto il segno del cavallo, nubile, 1,62 cm, 60 kg, college, è carina, gentile, brava in cucina.”

Jade, una bella insegnante di 35 anni: "In Cina se sei single e hai più di 27 anni ti danno della sheng nu, donna scarto. I miei vicini di casa pensano che abbia un problema psicologico, non riescono a capacitarsi del fatto che esistano donne indipendenti. Certo anch’io voglio un marito, che abbia uno stipendio almeno pari al mio. Altrimenti che senso ha il matrimonio?"

 

 



In Cina il romanticismo è finito. Le donne sono poche ed ambiscono a sposarsi con un occhio al Suv, alla casa e al reddito. Il materialismo si respira ovunque, ma non è un aspetto negativo, piuttosto una scelta. «Il mio uomo ideale?” Continua Jade. “E’ un uomo ricco, ma non troppo, intelligente, con una casa sua, possibilmente un Suv e senza genitori a cui badare”. Ed aggiunge: “Preferirei piangere sul sedile di una BMW piuttosto che ridere sul sellino di una bicicletta”...

Così che dopo la laurea si sobbarcano di altri corsi dal sapore domestico che, sulla carta, dovrebbero aiutarle a trovare marito. Ma in realtà su pressione dei familiari, gli insegnati si limitano a tentare di convincere queste giovani donne a rivedere le loro aspettative al ribasso. Perché "è meglio accontentarsi di un uomo meno bello e meno ricco che rimanere single per tutta la vita...”




 

 


FONTI:
http://27esimaora.corriere.it/articolo/leftover-le-zitelle-in-cinaun-libro-denuncia-il-fenomeno/
Claudia Astarita
http://archivio.panorama.it/news/esteri/orientexpress/Le-donne-in-carriera-sopra-i-25-anni
http://dailystorm.it/2015/03/03/sheng-nu-se-per-le-donne-cinesi-ignoranza-e-virtu/
Francesca Esposito
http://d.repubblica.it/amore-sesso/2013/04/29/news/cina_matrimoni_combinati-1631335/




FOTO GOOGLE IMAGE
 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1

Sei un artista? Hai un sito web, un blog? Sei una modella, un fotografo, scrivi?
Vuoi segnalare un evento d'arte? Fatti conoscere gratis su liberaeva.
Contattaci! Scrivi a liberaeva@libero.it

SEGUI LIBERAEVA SU

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori. 
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
  
(
All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.)
Scrivi a liberaeva@libero.it

 

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti