HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

 
 

 


 

 
 

 



REPORTAGE
Le donne Tuareg
 Viaggio tra le donne blu le più belle del mondo

 



Le donne blu, dal colore del turbante indaco,
sono musulmane, ma non portano il velo.
 Nei Tuareg sono gli uomini a coprirsi il volto.
Prima del matrimonio fanno sesso quanto vogliono e con chi
vogliono e se divorziano danno una grande festa.
 


 

 

 

Una donna ha la stessa libertà sessuale di un uomo.
La regola che non si infrange è quella del corteggiamento.
Tutto si svolge con discrezione e rispetto.

 

 

 

 




 

 


Il Tuareg ha una grande dignità personale. Se è assetato non chiede da bere, perciò il suo benvenuto è leggendario. I viaggiatori sono sempre trattati da re, accolti subito con cibo e acqua. Per secoli nomadi hanno attraversato il deserto del Sahara, spesso condotti da ciechi che usavano il fine olfatto per trovare una via sicura tra la sabbia in eterno movimento. Le dune sabbiose non hanno segreti per questa gente che si sposta in groppa ai fidati dromedari su un territorio che si estende tra Mali, Nigeria, Algeria e Libia. Una vita fatta di allevamento e commercio.

 

 



Dietro questo antico stile di vita c’è una cultura così progressista da far impallidire il pensiero unico occidentale. Nonostante siano musulmani sono gli uomini e non le donne a coprirsi il volto. E la spiegazione è una sola: le donne sono bellissime e sarebbe un peccato se si coprissero il viso. Le donne Tuareg infatti sono le più potenti del mondo arabo, detentrici di un matriarcato incontrastato. Lontane dalla figura della moglie sottomessa delle società islamiche sono l’esempio più notevole di emancipazione femminile.

Prima delle nozze, una donna può avere quanti partner sessuali desidera. La regola che non si infrange mai è quella del corteggiamento e l’uomo deve lasciare la tenda sempre prima dell’alba. Tutto si svolge con discrezione e rispetto. Questa libertà fa sì che le donne si sposino più tardi rispetto ad altre tribù, a 20 anni. Ricevono poesie scritte dagli amanti e loro stesse ne scrivono, avendo imparato l’alfabeto dalle madri.
Il marito non viene loro imposto, ma scelto durante una festa che si tiene nell'agal (corte d'amore), dove gli uomini canteranno i tindé e la donna non giudicherà l'uomo per la bellezza, in quanto porta il velo, ma per le sue abitudini e per la sua fama di guerriero.

 

 

  



Sul petto le donne portano amuleti d’argento, il colore della luna, piccoli triangoli che ricordano l’occhio di Horus e appese al collo le stupende croci di Agadéz, lo scettro a croce segno di immortalità. Spesso suonano l’inzad, il violino monocorde, e a chi beve con loro il tè di menta, nei piccoli bicchieri, non mancano quasi mai di regalare il grigri, uno straordinario portafortuna da non abbandonare mai.

Qui vige la monogamia e ci si sposa per scelta, non esiste il matrimonio di convenienze e quindi i divorzi sono rari. Più istruite degli uomini le donne sono depositarie della cultura. Nei loro poemi epici nessun riferimento a giardini di delizie e ricompense postume: il paradiso lo devi saper trovare qui. Infine esse hanno anche delle precise funzioni religiose: infatti durante il parto entrano in contatto con l'aldilà. Per altro la loro cultura non accosta la parola purezza al concetto di verginità: “puro” in tamasheq, la loro lingua orale, vuole dire soltanto “pulito”, aggettivo che riserbano giustamente alla sfera interiore.

 

 

 

 



Una volta sposate sono riverite dai generi e dai suoceri, i quali non osano mangiare al loro stesso tavolo: non è ammesso infatti mangiare di fronte a una persona con la quale non si può avere relazioni sessuali.

Le donne sposate non perdono alcun diritto. Possiedono casa e animali, la loro fonte primaria di sussistenza. Se la storia finisce con un divorzio a lei restano le proprietà e i figli, a lui resta il cammello per tornare a casa dalla mamma o cercare ospitalità presso parenti di sesso femminile. La mamma è la casa, la figura centrale attorno cui si sviluppa la comunità. Il divorzio non è per niente una vergogna, anzi spesso si fanno feste di divorzio per far sapere che quella donna è tornata libera.

 



 

 

 


FONTI:
Flora Drury per “Mail On Line”
http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/viaggio-tuareg-tribu-nomade-sahara
http://www.echeion.it/costume-e-societa/i-tuareg-tra-sabbia-e-quote-rosa/
http://www.liceoberchet.gov.it/ricerche/geo4d_03/Africa1/donna_5liv.htm
http://www.yallaitalia.it/2013/05/le-quote-rosa-dellislam-tuareg/
Cino Boccazzi http://www.neripozza.it/collane_dett.php?id_coll=1&id_lib=363

FOTO GOOGLE IMAGE
 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




1

Sei un artista? Hai un sito web, un blog? Sei una modella, un fotografo, scrivi?
Vuoi segnalare un evento d'arte? Fatti conoscere gratis su liberaeva.
Contattaci! Scrivi a liberaeva@libero.it

SEGUI LIBERAEVA SU

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori. 
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
  
(
All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.)
Scrivi a liberaeva@libero.it

 

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti