CERCA NEL SITO   CONTATTI   COOKIEPOLICY  HOME
 
 5
AMARSI CHE CASINO
 



 
INTERVISTA IMPOSSIBILE
Anouk Aimée
INDIMENTICABILE MUSA DELLA DOLCE VITA
Parigi, 27 aprile 1932 – Parigi, 18 giugno 2024



 


 
Madame le sue origini?
Il mio vero nome è Nicole Françoise Florence Dreyfus e sono figlia d’arte sia mio padre Henri Dreyfus e mia madre Geneviève Sorya erano attori.
Scelsi di prendere come pseudonimo il nome del mio primo personaggio nel film La maison sous la mer, Anouk, poi il poeta Jacques Prévert mi suggerì di aggiungere il nome Aimée.

Entrò nel mondo del cinema da giovanissima…
Iniziai nel 1947 a 15 anni. Dopo alcune apparizioni minori, mi feci notare in qualche film d’autore come Gli amanti di Verona di André Cayatte La tenda scarlatta di Alexandre Astruc. Il mio primo successo francese fu nel 1961 Lola - Donna di vita di Jacques Demy. In Italia mi affermai definitivamente grazie a Federico Fellini, che mi diresse nel 1960 nel film “La dolce vita” e nel 1963 in 8½.

Come andò con Fellini?
Lo incontrai per la prima volta a Parigi nell’ufficio del mio agente. Mi propose immediatamente il personaggio di Maddalena senza fare provini. La prima scena che girammo mi vedeva alla guida di una Cadillac in via Veneto.

Poi una serie di successi internazionali…
La consacrazione avvenne nel 1966 con “Un uomo, una donna” di Claude Lelouch, al fianco di Jean-Louis Trintignant e di Pierre Barouh, che fu mio marito fra il 1966 e il 1969. Tre anni dopo sotto la guida di George Cukor interpretai Rapporto a quattro, in Italia tornai nel 1980 con Salto nel vuoto di Marco Bellocchio e La tragedia di un uomo ridicolo di Bernardo Bertolucci.

Dicono che la sua bellezza contribuì notevolmente al suo successo.
Il mio stile di recitazione era spesso quello della femme fatale malinconica. Life nel 1960 mi definì "la più bella residente della rive gauche" e secondo un sondaggio condotto da Empire venni considerata "una delle cento stelle più sexy della storia del cinema"

Una vita sentimentale tormentata… Quattro matrimoni e numerose relazioni…
Mi sposai la pima volta nel 1949 con l’attore tedesco Edouard Zimmermann, ma il nostro matrimonio durò appena un anno. Nel 1951 sposai Nikos Papatakis, la nostra unione durò quattro anni da cui nacque la mia unica figlia da cui è nata la sua unica figlia Manuela. Nel 1966 mi unii a, Pierre Barouh conosciuto sul set di Un uomo, una donna e infine l’attore inglese Albert Finney dal 1970 al 1978. Inoltre feci parlare di me per la storia con Omar Sharif, avuta negli anni Sessanta, oltre a quelle con Dirk Bogarde e Warren Beatty.

Premiata a Cannes per ‘Salto nel vuoto’ di Bellocchio e con l’Orso d’oro alla carriera nel 2003 Anouk Aimée è morta a 92 anni a Parigi, il 18 giugno 2024. Ad annunciare la sua morte è stata la figlia Manuela Papatakis tramite un post su Instagram: «Insieme a mia figlia, Galaad, e a mia nipote Mila, annunciamo con immensa tristezza la scomparsa di mia mamma Anouk Aimée. Ero al suo fianco quando è spirata questa mattina, nella sua casa di Parigi».










L'articolo è a cura di Adamo Bencivenga
Realizzato grazie a:  
https://it.wikipedia.org/wiki/Anouk_Aim%C3%A9e
https://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2024/06/18/news/
morta_anouk_aimee_dolce_vita_di_fellini-423249574/?ref=RHLF-BG-P3-S1-T1



 















 
Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori. Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente. (All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.and are the property of their respective authors.If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

 COOKIE POLICY



TORNA SU (TOP)

LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati
  Contatti