HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
GIALLO PASSIONE
Le AutoInterviste

1

Katharine Hepburn
Spencer Tracy
Un amore da grande schermo

 








 

Katharine ci racconta la sua storia con Spencer Tracy?
Ci conoscemmo nel 1942 sul set de "La donna dell'anno", storia di due giornalisti che si innamorano e si sposano. Dopo quel film non si lasciammo mai più e durò fino al 1967, anno in cui Spencer venne a mancare.

Invece voi non vi sposaste mai però…
Fu una storia tenera e di profondo affetto che non ci portò mai all'altare anche perché Spencer, a differenza di me che ero dichiaratamente atea, era un uomo profondamente cattolico. Era sposato ed aveva un figlio sordomuto e quindi non volle mai divorziare sebbene non vivesse più con la moglie. Nonostante fossimo praticamente liberi non convivemmo mai e vivemmo la nostra relazione in gran segreto perché il pubblico non avrebbe apprezzato una relazione extraconiugale.

Eravate molto diversi forse è il caso di dire che i poli opposti si attraggono…
Forse l’unica cosa che avevamo in comune era il mestiere di attori, ci piaceva fare cinema! Anche se sul set io ripetevo una scena più e più volte, mentre Spencer era il classico attore da «buona la prima!»

Le sue origini madame?
Io provenivo da una famiglia del Connecticut, una famiglia numerosa e progressista tanto che spesso seguivo mia madre nei comizi delle suffragette. Lei era una sostenitrice della contraccezione, e fondatrice di un’associazione per la promozione dell’aborto e della maternità responsabile e pianificata. Io invece sin da piccola mi avvicinai alla recitazione per farla breve nel 1928 vagavo per Broadway in cerca di qualche comparsata. Finalmente nel 1932 a 25 anni debuttai nel cinema al fianco di John Barrymore nel film “Febbre di vivere” e nel 1934 vinsi il mio primo dei miei quattro Oscar con “La gloria del mattino”.

E Spencer Tracy?
Lui era nato nel 1900, aveva sette anni più di me. Collezionava una rissa dopo l’altra per colpa delle sue focose origini irlandesi. Era figlio di una casalinga e del direttore di una compagnia di trasporti. Era stato espulso da ben 15 scuole a causa del suo comportamento indisciplinato. A 18 anni si era arruolato in Marina, poi proseguì gli studi in Medicina ma scoprì come me la passione per la recitazione e fondò una compagnia teatrale. Nel 1938 vinse il suo primo Oscar con Capitani coraggiosi, nel 1939 il secondo con La città dei ragazzi.

Nonostante fosse cattolico non fu uno stinco di santo, vero?
Di sicuro non è stato un uomo fedele, prima di conoscermi aveva frequentato diverse camere da letto di parecchie colleghe di Hollywood, comprese Joan Crawford, Loretta Young e Ingrid Bergman.

Fu il regista e produttore Joseph Mankiewicz a farvi incontrare…
A quel tempo uscivo da una relazione con il miliardario Howard Hughes ed avevo avuto una breve storia con John Ford. Qualche mese prima dell’inizio delle riprese del film "La donna dell'anno" Joseph mi aveva invitato nel suo studio per presentarmi appunto Spencer. Quel giorno portavo i tacchi alti e lo salutai dicendo: “Temo di essere troppo alta per lei, signor Tracy…” Fu quello l'inizio di una lunga relazione professionale e personale.

Una coppia molto attiva professionalmente…
In venticinque anni di vita in comune girammo nove film insieme. Dopo "La donna dell'anno" recitammo l’anno successivo in “Prigioniera di un segreto” di George Cukor, “Senza amore” di Bucquet nel 1945, “Il mare d'erba” di Elia Kazan nel 1947, “Lo stato dell'Unione” di Frank Capra nel 1948, “La costola di Adamo” di George Cukor nel 1949, “Lui e lei” sempre di George Cukor nel 1952, La segretaria quasi privata di Walter Lang nel 1957, e ultimo “Indovina chi viene a cena?” di Stanley Kramer nel 1967 in cui vinsi l’Oscar per la migliore attrice protagonista.

In compenso foste moglie e marito sul grande schermo varie volte…
Compreso l’ultimo. Purtroppo quello fu anche l’ultimo lavoro di Spencer che due mesi dopo la fine delle riprese morì a causa di un infarto. Pensi che due anni prima nel 1965 Spencer era finito in coma per abuso d’alcol e psicofarmaci e finalmente si era deciso a vivere con me. Ero strafelice di prendermi cura di lui giorno e notte, ma il 10 giugno del 1967, nel cuore della notte si era svegliato inquieto ed era andato in cucina. Non vedendolo tornare lo raggiunsi, ma non feci in tempo, sul corridoio sentii il rumore di una tazza caduta sul pavimento e trovai Spencer a terra, stroncato da un attacco di cuore. Aveva 67 anni.

Nei comunicati ufficiale della MGM si riporterà invece che lui era solo a casa e che è stato trovato morto dalla domestica. Katharine Hepburn aspetterà il 1983, con la morte di Louise, la moglie di lui, per confermare ufficialmente la loro storia d’amore clandestina. «Io e Spencer abbiamo passato 27 anni insieme, in quella che per me fu assoluta felicità».





 







 









 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:
https://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2014/02/18/news/katharine_hepburn_e_spencer_tracy_un_amore_da_grande_schermo-78924825/
https://www.marieclaire.com/it/attualita/gossip/a26130416/katharine-hepburn-spencer-tracy-film-ame/
https://www.lamescolanza.com/20190715/katharine-hepburn/






IMAGE GOOGLE














1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1