HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
IL RACCONTO E' ADATTO AD UN PUBBLICO ADULTO

1

I DIARI LICENZIOSI DI
VIOLETTE BERTIN

 Quella volta che Marcel Bernard, lo scrittore
di racconti erotici, mi invitò a casa sua







Photo © Ivan Gorokhov





 



Come detto Marcel Bernard, l’affascinante quarantenne scrittore di racconti erotici, abitava all’interno 6 al terzo piano dello stabile. Ogni mattina scendeva alle nove in punto e insieme a sua moglie Rosalie, un’ex modella, andava a far colazione al Cafè Casanova.

Il locale, proprio di fronte al portone dello stabile, dall’altra parte della strada, era una specie di bar letterario, dove era possibile gustarsi un buon caffè, dei fragranti croissant caldi ripieni di crema chantilly e soprattutto trascorrere in santa pace tutto il tempo a disposizione leggendo libri e riviste culturali di ottimo livello. L’atmosfera era piuttosto riservata e silenziosa con piccoli tavolini dislocati, anche al piano superiore, nelle varie stanzette decorate con velluti rossi, pezzi di antiquariato originali e copie di quadri d’autore.
Il locale prima di essere trasformato in bistrot era stato un famoso bordello tra i più frequentati di Parigi chiamato “Chez Suzanne” ed aveva annoverato tra i suoi ospiti famosi, nei primi del Novecento, nientemeno che Degas e Toulouse-Lautrec. Insomma un posto dove si respirava cultura ed eleganza, anche se, la mia amica Caroline, in una ricerca fatta per l’università, aveva scoperto che il locale, prima di ospitare le belle signorine di provincia, era stato l’alcova di Giacomo Casanova e della tredicenne Marie-Louise O'Murphy, la petite maîtresse, ossia la bellissima fanciulla amata da Luigi XV e ritratta nuda da Francois Boucher nel famoso quadro “La Ragazza sdraiata. Da quegli studi risultò che il bel veneziano, durante il suo soggiorno parigino, soleva sollazzarsi nelle ore notturne in compagnia di Marie-Louise e di sua sorella, poco più grande, Victoire.

Tornando a Marcel Bernard, avevo notato che da qualche giorno usciva da solo e, chiedendo a mia madre cosa stesse accadendo alla coppia, mi rispose che la bella Rosalie aveva deciso di prendersi qualche giorno di vacanza e trasferirsi a Le Conquet vicino Brest dove i Bernard possedevano una graziosa villetta sul mare. Ovviamente pensai subito male, ma mia madre mi assicurò che tra loro non c’era mai stato uno screzio e il loro rapporto non era mai stato in crisi.

Sarà, forse era come diceva mia madre, ma ogni mattina alle nove in punto, osservando attentamente l’affascinante scrittore, cercavo di capire dalla sua espressione quel qualcosa in più che sicuramente era sfuggito a mia madre. Certo la sua aria era alquanto malinconica, ma del resto non era mai stato un tipo socievole e generoso verso il prossimo. Comunque, quella mattina al suo ritorno dal Cafè Casanova, mi feci trovare fuori la portineria con due suoi libri in mano ben in vista. Dopo averlo salutato gli chiesi consigli su quali dei due avrei dovuto leggere per prima. Lui, perso nei suoi pensieri, stranamente mi sorrise e come se si fosse svegliato da un lungo letargo, mi disse: “Oh Violette, senz’altro Histoire de Juliette, di sicuro più adatto ad una fanciulla come lei. È un testo che prende la forza erotica più dalla malizia che dall’evidenza.”
Stavo per replicare come facesse a conoscere i miei gusti quando incredibilmente mi chiese cosa ci trovassi, io studentessa di Filosofia, nel leggere quel tipo di letteratura. Rimasi un attimo interdetta, non per la domanda, ma sicuramente per la loquacità del mio interlocutore, visto che le nostre conversazioni fino ad allora si erano limitate al tempo, ai saluti e solo una volta al rubinetto del suo bagno che faceva i capricci. Risposi che non ero particolarmente interessata a quel tipo di letteratura, ma ne ero semplicemente incuriosita per la sola ragione che un inquilino del mio stabile ne fosse l’autore.
Lui insistette: “Posso chiederle allora cosa ci trova nei miei racconti?”
Mi prese alla sprovvista e su due piedi cercai di mettere insieme due parole sensate: “Adoro tutto ciò che si distacca dalle convenzioni formali dei rapporti seguendo la sola regola anarchica dell’istinto e del desiderio.”
Ma lui mi gelò: “L’erotismo in quanto trasgressione non può fare a meno delle regole e delle convenzioni.”
“Sì è vero, forse mi sono spiegata male, del resto è il concetto stesso di peccato.”
Lui sorrise: “Esatto. Guardi che ho scritto anche altri testi ben più peccaminosi, purtroppo sono libri introvabili, ma se le interessa il concetto del peccato mi farebbe piacere fargliene dono.”

Ci fu un lungo silenzio, poi fissandomi negli occhi, disse: “Vuole salire da me, signorina?”
Rimasi senza respiro.
“Guardi che non l’assalgo…”
“No, no, non pensavo a questo, ma non mi aspettavo il suo invito… Tutto qui.” Dissi per togliermi dall’imbarazzo.
“E perché mai? Possiamo approfondire tranquillamente quel concetto che le sta a cuore…”
A quel punto non potevo più sottrarmi, quell’affermazione era a dir poco esplicita, per cui passai al contrattacco: “Sua moglie Rosalie non è in casa?” Finsi sapendo di fingere.
Scosse la testa e a malincuore dovette scoprire le sue carte: “Se mia moglie fosse stata nei paraggi non avrebbe avuto alcun senso farle dono dei miei libri…”

Non aveva finito la frase quando, dirigendoci verso le scale, sentii la sua mano leggerissima dalle parti della mia schiena. Quel gesto mi fece sentire sua complice. In effetti mi stava guidando senza il mio permesso in un posto più mentale che fisico, dove tutto, a proposito di regole e peccato, sarebbe potuto succedere.

Intanto senza accorgermi avevamo già preso l’ascensore ed entrati nel suo appartamento…
Mi fece accomodare sul divano del suo ampio soggiorno pieno di luce. Guardando la foto di Rosalie bene in vista sul grande mobile di pino russo dissi: “Sua moglie è molto bella.”
“Anche lei lo è.” Poi la sua faccia s’incupì e riprese: “Come avrà letto le protagoniste dei miei racconti sono sempre molto giovani”
“Mi vuole dire che sua moglie non lo è più?”
“Dico che lei lo è e mi fa piacere che abbia accettato il mio invito.”
“Allora potrei essere l’eroina di un suo racconto…”
“Già lo è Violette.” Disse rovistando in uno scaffale della libreria alla ricerca dei libri promessi.
“Quindi pensa di scrivere un racconto sul nostro incontro?”
“Dipende da come andrà, per ora non credo che ci siano sviluppi interessanti per i miei lettori…”
Diventai rossa, ma non per l’impaccio: “Beh immagino che lei stia pensando a come renderli interessanti…”
Non cadde nella trappola, ma notò il mio rossore: “È imbarazzata? Le ripeto non sono il tipo che passa il suo tempo ad assalire le belle fanciulle.”
“Me ne sono accorta. In questi anni non mi ha mai notata… Comunque non sono imbarazzata, ho caldo.”
Sorrise: “Oh Violette lei agevola lo scrittore… Ora dovrei dirle, se ha caldo, di togliersi la camicetta.”
“Non porto il reggiseno…”
“Ancora meglio allora…”

A quel punto sorrisi e il bel Marcel si avvicinò, mi accarezzò il viso con il solo indice della mano destra e poi con disinvoltura slacciò i due bottoni e fece scivolare la mia camicetta rosa sui fianchi. Ero nuda davanti a lui e la cosa mi rendeva in un certo senso speciale. Mi resi conto che il suo sguardo profondo e attento ad ogni dettaglio non era quello avido e smanioso di un qualsiasi mio coetaneo. Mi chiesi in sequenza:
“Come avrebbe fatto l’amore uno scrittore di racconti erotici?”
“Mi avrebbe baciata? Avrebbe voluto essere prima stimolato o mi avrebbe immediatamente presa?”
“E come mi avrebbe presa?”
“E soprattutto dove. Lì su quel divano oppure altrove?”
Mi immaginai a gambe aperte sul tavolo della cucina, oppure sotto la doccia, sul suo letto matrimoniale che immaginavo morbido e peccaminoso o magari sulla sua bella veranda con vista Parigi. Insomma stavo diventando impaziente e mi resi conto che dovevo solo aspettare! Solo ancora quale istante!
Lui se ne accorse e allora iniziò ad accarezzarmi il seno sinistro e poi a stringermi il capezzolo con i due polpastrelli. Mi vergognai pensando alla misura del seno di sua moglie. Chiusi per un istante gli occhi, rimasi in attesa, ma non avvertiti in quella mano alcun trasporto. Mi toccava sì, ma lo sentivo estraneo come se quel gesto fosse finalizzato alla mia esclusiva eccitazione. Più che in carne e ossa mi sentivo un’eroina di carta, insomma come la protagonista di un racconto che lui in quel momento ne stava descrivendo nei dettagli il desiderio.
Le parole erano le sue dita, il foglio i miei capezzoli che stimolati iniziarono a reagire.

Avvertii il suo fiato caldo sul mio seno e poi ancora più in basso. Ero in estasi, mi sentii bagnare pregustando le sue dita tra le mie cosce, ma in quel preciso istante, come se avesse già compiuto il suo dovere, si adagiò sulla poltrona di fronte e con un sussurro, ma fermo e perentorio, mi disse di avvicinarmi a lui.
“Vedi cara non conosco altro tipo di amore, se non questo.” Non capivo, ma il suo gesto fu eloquente. Si sbottonò lentamente i pantaloni pregandomi di inginocchiarmi e stringere il suo sesso per nulla eccitato. Ero confusa, mi sembrava di vivere una situazione irreale, ma obbedii. Ovvio non ero ancora una donna esperta, ma credevo che almeno la mia finta dedizione e la sua preferenza per le giovani fanciulle lo avrebbero in qualche modo coinvolto. Mi disse di avvicinare la bocca e di prenderlo in quello stato. Era per me la prima volta, mai avevo baciato un sesso così inerme e molliccio, ma aiutata dalle sue mani che guidavano la mia testa iniziai a dargli piacere.

Solo a quel punto lo sentii coinvolto, mi diceva di fissarlo negli occhi, di rallentare, di velocizzare, di abbondare con la saliva e per quanto fosse possibile di parlare. Alla fine lo sentii grande e duro e mentre assaporavo la mia vittoria personale pensai che quel tappeto rosso fosse il posto più morbido e accogliente per fare l’amore. Lo stavo pregustando, di sicuro mi avrebbe presa con forza spalancandomi le gambe e chiedendomi quanto mi facesse piacere accogliere quel sesso duro da artista.
Sotto la sua guida continuai a dargli piacere, quando senza preavviso sentii il suo fiotto caldo venire abbondante nella mia bocca. Ebbi un sussulto, ma lui mi ordinò di non smettere, di continuare a coccolarlo con le labbra, di assaporare il gusto del suo seme e soprattutto di godermi il risultato di quel miracolo, ossia di ciò che incredibilmente gli avevo suscitato. Lo guardai sorpresa e solo a quel punto mi confessò di quanto tempo immemorabile fosse passato dall’ultima volta che un’altra donna aveva soddisfatto il suo piacere aggiungendo che con la sua bellissima moglie vivevano da anni come fratello e sorella.

Capii il personaggio e solo a quel punto mi resi conto del suo modo egoista di concepire il sesso e che lo scrittore di racconti erotici non avrebbe in alcun modo ricambiato la mia generosità, né su tappeto rosse e né altrove. Mi voltai di spalle per raccogliere la mia camicetta e sorrisi amaramente quando fece le lodi al mio sedere, a suo dire classicheggiante come un’anfora romana. Poi si sperticò in elogi dicendomi di quanto fosse stato bene e, ciliegina sulla torta, di quanto dovessi sentirmi orgogliosa per la sua esplosione di piacere.

Per paura di sentirsi in obbligo di accontentare il mio desiderio rimasto sospeso non mi chiese se fossi stata bene o se in quale modo avessi avuto voglia della sua consistenza. Anzi mi congedò subito dopo dicendomi che le avevo ispirato un personaggio del suo prossimo romanzo, lo avrebbe chiamato col mio nome e descritto con le tette piccole, il sedere voglioso e due labbra voluttuose che avevano imparato in fretta la sublime arte di dare piacere. A quel punto mi resi conto di non essergli più utile, aveva ottenuto quello che sin dall’inizio era il suo desiderio ovvero di scrivere qualche riga in più del suo racconto. Mi alzai, presi i suoi libri e guardai di nuovo la foto di Rosalie, non so perché, ma mi sorpresi a fissare il particolare delle sue belle labbra, carnose e rosse, la vidi come una rivale, ma allo stesso tempo la sentii vicina e solidale visto che ambedue, in circostanze diverse, eravamo state vittime della stessa sua stessa megalomania, tipica negli artisti.

Quando chiusi la porta alle mie spalle avevo un solo desiderio, ovvero raccogliermi nel mio lettino fantasticando su quello che era successo e su quello che avrebbe potuto succedere, ma non c’era stato. Pensai comunque che quella mattina non fosse trascorsa del tutto inutilmente. In fin dei conti sarei entrata in un romanzo dalla porta principale conquistandomi quell’onore con la sublime arte della mia bocca.
In un certo senso avevo passato una mattina diversa, anche se, vedendo le mie labbra e la mia camicetta sgualcita nello specchio dell’ascensore, mi chiesi: “Ne sarà valsa la pena?”





FINE



 




     TUTTI I RACCONTI DI VIOLETTE BERTIN     









 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved Adamo Bencivenga

Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore













1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1