HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
STORIE VERE

1

Una di quelle
"Non sono mai stata brava con le parole, credo
invece che dovrei esserlo, nel mio mestiere è
importante saperle usare, dire una parola di
conforto, perché loro in fondo vogliono questo"








Livia Corcoveanu Photography






 


Non sono mai stata brava con le parole, credo invece che dovrei esserlo, nel mio mestiere è importante saperle usare, non so, dire una parola di conforto, perché loro in fondo in fondo vogliono questo. È una cosa strana, ti cercano perché sei bella, ma poi alla fine è la bellezza stessa che svanisce in un lampo. Mi chiedo a volte quand’è che succede, forse quando ancora sono distesa sul letto e loro in piedi che si allacciano la camicia e già pensano ad altro, oppure no, nel momento esatto in cui godono, oppure ancora prima quando le parole prendono il sopravvento, sì sì, forse quello è il momento. Un attimo dopo svanisco nel nulla, divento solo un’incombenza da salutare o peggio da farci l’amore, un anonima figura chissà dove e quando incontrata.

Dicevo dovrei essere brava con le parole, nel mio mestiere è importante saperle usare, per essere in grado di descrivere quello che faccio, come lo faccio e soprattutto rispondere a quel “perché lo fai?” come fosse una schifezza e il mondo fuori invece tutto pulito. Sì dovrei essere molto brava, quando dirle e come dirle, quando l’enfasi è più importante del contenuto, anche se a volte loro non vogliono ascoltare, ma poi non riescono a vivere senza, perché quello che rimane dopo una scopata non è la scopata, ma quel caldo flusso delle mie parole.

Sì certo, nel mio mestiere è importante essere brava, saper muovere i fianchi, intuire i desideri e anticipare le voglie, non so, appoggiare la mano, il posto preciso dove premere le labbra, quanto socchiudere la bocca e come succhiare, e come gemere e se è il caso di urlare, ma anche come baciare e che genere di pressione esercitare. Sì lo so che è importante, alle volte indispensabile, come quanto far durare un bacio e quando fermarsi, quanto chiedere e quando farmi pagare. Si lo so che prima è volgare, ribadisce ruoli e misura le distanze tra puttana e cliente. Ma dopo sarebbe un rischio per cui allungo il tempo ed aspetto che siano loro ad offrirmi quanto pattuito dopo avermi vista perché poi la bravura è relativa, alle volte si è brave quando si è più intraprendenti, altre quando non lo sono.

C’è sempre un filo di logica in ogni rapporto, c’è sempre un’umanità che permane e traspare, anche se dura poco, anche se alla fine si rimane due sconosciuti soltanto, ma qualcosa rimane, giuro che rimane, perché il sesso non è un fine ma il tramite come nell’amore! Ed allora io divento il loro primo bacio, quella donna incontrata sul treno, la loro segretaria che non hanno mai avuto il coraggio di abbordare, moglie, sorella e perfino la loro figlia, ovvio sì maggiorenne pensando così di lavarsi la coscienza. Posso essere tutto e niente, la loro insegnante di italiano che non portava le mutande, quella d’inglese sognata tutte le notti, la vicina che tradisce il marito, il loro primo ballo o, ahimè è successo, l’ultimo bacio.

Dicevo dovrei essere brava con le parole, nel mio mestiere è importante saperle usare, perché alle volte l’amore non finisce nel letto, ma continua in un locale, in un ristorante di fronte al mare e allora divento l’amante, la nipote, la collega per un pranzo di lavoro, la cugina che frequenta il college proprio lì vicino, oppure se hanno coraggio rimango semplicemente una puttana, sì proprio quella, conosciuta attraverso un sito di incontri e ora, dopo il piacere, serve solo da dama di compagnia.

Sono l’attimo fuggente e il sogno che persiste perché so soltanto, se lo faccio bene, se sono brava davvero e ci metto tutta me stessa, posso diventare il loro orgoglio che vive e respira, il loro primo sussulto e la donna da ricordare nei loro momenti da soli. Certo ci vuole dedizione, ci vuole l’anima tra le cosce, perché non importa averla bella e rasata, aggraziata da pizzi e merletti e che profuma di rosa e violetta, serve saper recitare, far credere e far dimenticare, le corna della moglie e le delusioni sul lavoro, il brutto voto del figlio a scuola o semplicemente l’assenza d’amore, e soprattutto quel passaggio di soldi di prima che ora non avrebbe più senso.

Certo sì per me non è facile, ma non farei mai un altro mestiere, io sono nata per far la puttana, anche mia madre faceva la mantenuta, ma io ne preferisco diversi perché mi sento libera e non voglio legami. Giuro che se lo fai bene, non è un disonore, bisogna solo esserci portate, essere obbedienti e servizievoli, autorevoli e remissive, tanto dura poco, mai otto ore come dentro un ufficio, alle volte un’ora e se lo fai bene dura ancora meno, quasi un battito di palpebre quando pensi ad altro o guardi il soffitto.

Dicevo dovrei essere brava con le parole, perché alla fine non è un disonore, ad esempio quando scendi le scale di quell’hotel, quando sei nella hall e ti senti tutti gli occhi addosso, allora diventa una sensazione bellissima, senti invidia ed ammirazione, per come porti la gonna o per quanto te la fai sollevare, certo sia uomini che donne, perché almeno tu hai il coraggio di fottere questa società e di non accettare compromessi e cammini sui tuoi tacchi impossibili che solo un cretino non s’accorgerebbe quanto siano da richiamo.

E allora cammini, altezzosa come una regina, cappello ed occhiali scuri e tanto rossetto per non lasciare dubbi. Quindi cammini schivando barboni e bisogni di cani, e ti innalzi su quelle macerie e non pensi ad altro, anzi sì al prossimo taxi, al prossimo cliente, anche se poi non è importante come sia e cosa faccia, perché dentro quelle stanze cerco in ognuno di loro qualcosa che mi piaccia, qualcosa che mi faccia pensare che sono stata io a sceglierlo, alle volte un dettaglio, non so, come sorride oppure come mi guarda, le mani, la voce o semplicemente l’odore, ecco sì mi concentro su quello, perché in ogni uomo che entra in me, c’è sempre qualcosa da amare, ci deve essere per forza!

Al momento non ho mai rifiutato un cliente, forse sono stata fortunata o forse è solo per lo stato d’animo con cui lo faccio, perché mi ripeto se sei brava e scavi e cerchi in fondo alla loro anima, anche se c’è solo miseria troverai sempre un tesoro, chiunque sia, perché qualunque cosa faccia, sarà entrato per sempre nella mia vita, anche se per lui, non mi illudo, sarò sempre una di quelle.




LETTERA FIRMATA


 






 
 
 





PER INVIARE LE VOSTRE STORIE SCRIVETE A
liberaeva@libero.it
© All rights reserved
TUTTE LE STORIE













1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1