HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
MUSE ISPIRATRICI


1

Maria Teresa Cayetana de Silva
(La Musa di Francisco Goya)

La Maja desnuda e la Maja vestida
Maria era una delle donne più chiacchierate
e in vista del suo tempo. Frequentava l’ambiente
dei toreri e dei “majos” ovvero i gigolò del
‘700 madrileno.
Seguendo i suoi istinti e i suoi capricci esagerati
era solita travestirsi ed andare in incognito di
notte nei quartieri malfamati di Madrid e di Siviglia..








(Madrid, 10 giugno 1762 – Madrid, 23 luglio 1802)


 

 

Adamo mi parli della Maja di Francisco Goya?
I due dipinti, sia La Maja desnuda che la Maja vestida sono stati entrambi realizzati nel 1800 ed ora esposti una accanto all’altro al Museo del Prado di Madrid.

Provocarono entrambi parecchio scandalo…
La donna rappresentata non è una dea, né una figura idealizzata, ma una semplice popolana, la modella in questione mantiene la stessa posa provocante per tutte e due le tele, lo sguardo è malizioso e ammiccante e crea nell’osservatore un certo turbamento causa anche la sua disinibizione. Nella Desnuda la modella sembra sorridere soddisfatta e contenta delle sue grazie: è la prima opera d'arte a noi pervenuta nel quale vengono dipinti i peli pubici. Tieni conto che in Spagna, in quel periodo le immagini di nudo, anche quelle ammantate dell'aura mitologica, erano proibite dalla Chiesa e punite dall'Inquisizione!

E cosa successe ai quadri?
Il 16 marzo 1815 Goya comparì davanti al Tribunale dell'Inquisizione per dare conto sul contenuto erotico, sulla sua genesi, sui motivi per i quali lo aveva realizzato e su chi fosse il committente. Sappiamo che non fu processato, ma la Desnuda fu sequestrata perché «oscena» e praticamente cancellata alla vista di chiunque fino all'inizio del XX secolo. Comunque l’opera non venne mandata al rogo ed entrambi trovarono collocazione alla Real Academia de San Fernando, la Vestida regolarmente esposta, la Desnuda in una stanza riservata, ad accesso controllato.

Ma chi era la Maja?
Ascolta sono stati versati fiumi di inchiostro per questa semplice domanda. Molto probabilmente si tratta della Duchessa d’Alba al secolo Maria Teresa Cayetana de Silva nata a Madrid il 10 giugno del 1762 e morta due anni dopo la realizzazione dei quadri. Lei e il marito José María Álvarez de Toledo Marchese di Villafranca vivevano nelle varie residenze della capitale e amavano circondarsi di intellettuali ed artisti tra i quali Francisco Goya.

Quindi è lei la Maja…
Ripeto nessuno è riuscito mai a svelare l'identità della modella. Si presuppone che, vista l'amicizia intima con Goya, fosse lei la Maja. Anche se altri critici ritengono tuttavia che la modella della desnuda fosse Pepita Tudó, l'amante del committente del quadro, ovvero il Primo Ministro di Spagna Godoy, conte de la Paz. In ogni caso, date le somiglianze fisiche tra le due donne, è probabile che Goya abbia ritratto Pepita evocando in qualche modo la Cayetana, immortalando dunque quest'ultima. Altri invece, vista la disarmonia tra il viso e il corpo della modella nel quadro ritengono che siano state usate due modelle, una per il corpo e l’altra per il volto.

Perché la Duchessa di Alba divenne famosa?
Beh forse proprio per la presunta relazione intima con il pittore spagnolo conosciuto probabilmente a corte intorno al 1790, e in secondo luogo per la sua eccentrica personalità, che ne fece una delle donne più chiacchierate e in vista del suo tempo. Il marito malaticcio si dedicava alla sua passione, ossia la musica, mentre Maria, invece frequentava l’ambiente dei toreri e dei “majos” ovvero i gigolò del Settecento madrileno. Seguendo i propri istinti e i propri capricci esagerati era solita andare in incognito di notte nei quartieri malfamati di Madrid e di Siviglia.

Poi restò vedova…
Suo marito morì il 9 giugno 1796, a Siviglia. Lei trascorse quell’estate e parte dell’inverno sulle coste andaluse in compagnia del pittore il quale la immortalò in altri celebri ritratti. Goya la ritrasse vestita di bianco, l’alta cintura rossa, gli occhi neri e la lussureggiante massa di capelli scuri, Maria al tempo aveva 33 anni ed era una delle donne più desiderate di Spagna, il pittore ne aveva 49.

La duchessa si spense a soli quarant’anni…
Morì il 23 luglio del 1802 dopo una lunga agonia e senza aver ripreso conoscenza. Aveva 40 anni. Si parlò di tubercolosi, o forse, come dissero le malelingue, fatta assassinare dalla regina, ma la vera causa della sua morte rimase ignota. Non lasciò figli naturali, ma una figlia adottiva, Maria de la Luz. Goya le sopravvisse per ventisei anni.

 










 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA ANCHE GRAZIE A:
 https://it.wikipedia.org/wiki/Maria_Teresa_Cayetana_de_Silva
https://it.wikipedia.org/wiki/Maja_vestida_e_maja_desnuda
https://www.theartpostblog.com/maja-desnuda-maja-vestida/
https://cultura.biografieonline.it/goya-maja-desnuda-e-maja-vestita/
http://www.superstoria.it/explorer/visualizza.asp?id=176


IMAGE GOOGLE
Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it






1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1