HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
NEWS ANNIVERSARI

1


Buon Compleanno!
Il Moulin Rouge compie 130 anni!
Per festeggiare l’anniversario oltre 60 ballerine
si sono esibite al ritmo del Can Can
tra fuochi d'artificio e giochi di luci
proiettate sulla facciata del famoso mulino,
simbolo del locale parigino.








 



Janeyt Pharaoh, direttrice artistica del Moulin Rouge ha commentato: "Siamo donne e siamo qui, possiamo fare questo ballo e mostrare le nostre gambe".

Il più famoso Mulino Rosso nacque a Parigi il 6 ottobre del 1889 grazie a due impresari parigini, Charles Zidler e Joseph Oller, che ebbero l’idea di creare un cabaret proprio ai piedi di Montmartre, e di costruirvi sopra un mulino di colore rosso. In realtà nacque sull'onda del successo del Moulin de la Galette, un ristorante danzante ricavato nel 1870 dentro un vecchio mulino a vento nella parte alta di Montmartre

Il Moulin Rouge situato nel famoso quartiere a luci rosse di Pigalle è tuttora uno dei più famosi locali di Parigi. La sede originale del teatro, che bruciò nel 1915, era posta su Boulevard de Clichy, divenne immediatamente famoso ed è da sempre riconosciuto come il luogo di nascita spirituale del can can. Originariamente era semplicemente la danza di apertura dello spettacolo, ma in realtà era utilizzata per presentare le belle signorine che avrebbero a richiesta intrattenuto i clienti. Tuttavia sarà proprio questo ballo che farà guadagnare al Moulin Rouge la nomea di locale osé. Il nome deriva da una storpiatura della parola francese “scandal” ed era legato all’usanza delle lavandaie di mostrare le gonne di domenica per le strade.

Erano i tempi della Belle Époque che rappresentò per Parigi un periodo di rinnovato splendore dopo i difficili anni della Guerra franco-prussiana che aveva pesantemente piegato l'economia e la società francese. Il suo successo fu pressoché immediato, anche per il vasto repertorio di spettacoli e balli fra i quali appunto il celeberrimo can-can. Queste esibizioni erano assolutamente rivoluzionarie per l'epoca al punto che furono ritenute licenziose dai benpensanti i quali bollarono il Moulin Rouge come un locale di infimo ordine frequentato da donne di malaffare e da perdigiorno.

Assiduo frequentatore del locale fu Henry de Toulouse-Lautrec il quale trovò nel locale molte fonti di ispirazione e ritrasse molti degli abituali frequentatori e in particolare la ballerina Louise Weber soprannominata La Goulue (la golosa). Sembra che nel 1891 sia stato proprio Toulouse-Lautrec a persuadere la ballerina ad abbandonare il Moulin de La Galette dove aveva già una carriera affermata per esibirsi al Moulin Rouge fondato due anni prima. Per l'occasione fu lui personalmente a disegnare e far stampare il famoso manifesto con la rappresentazione del La Goulue.

Nel 1893 venne messa in scena una edizione del Bal des Quat'z'Arts che fu causa di grande scandalo nella quale, rappresentando Cleopatra, la celebre modella Sarah Brown, apparve completamente nuda sul palcoscenico.

Nei primi anni del XX secolo, il repertorio del Moulin Rouge si trasformò parzialmente lasciando un maggiore spazio all'operetta, spettacolo di moda al tempo. Durante la rappresentazione dell’operetta "Il sogno egiziano" il 3 gennaio 1907 fece particolare scandalo il bacio tra l'attrice Colette e la sua amante, la duchessa de Morny (Mathilde de Morny detta "Missy").

Come detto il Moulin Rouge fu distrutto da un incendio il 27 febbraio 1915. I lavori di ricostruzione iniziarono subito, ma vennero completati solo nel 1921. Il Moulin Rouge riprese quindi la propria tradizione con artisti del calibro di Gina Palerme, Mistinguett, Jeanne Aubert e Maurice Chevalier.

Nel 1929, Mistinguett si ritirò dalle scene e lasciò il Moulin Rouge il cui teatro da 1500 posti era uno dei più grandi d'Europa, ma con la diffusione del cinema, verso la fine degli anni Trenta, la fama del Moulin Rouge, sembrò offuscarsi, si trattò però solo di un periodo transitorio dal momento che nel 1937 esso venne riconvertito agli antichi splendori.

Ancora oggi il Moulin Rouge, la cui atmosfera ha ispirato scrittori e registi, continua a offrire due spettacoli a sera per 365 giorni l'anno. Sul palco salgono ogni giorno 60 ballerine di 14 nazionalità diverse, le celebri Doriss Girls che devono avere due requisiti fondamentali: essere ballerine di danza classica ed avere un'altezza di 1.75. Solo ragazze dotate di charme, sensualità e talento possono diventare, tra piume e lustrini, la principale attrattiva del Moulin Rouge ed esibirsi per una platea di 900 persone a spettacolo, accolte nella mitica sala con decorazioni Belle-Epoque, concepita da Henri Mahé nel 1951.








 

 
 
 


L'ARTICOLO E' A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
REALIZZATA GRAZIE A:

FONTI
https://it.wikipedia.org/wiki/Moulin_Rouge
http://www.ansa.it/canale_lifestyle/notizie/tempo_libero/2019/10/05/i-130-anni-del-moulin-rouge_44a4d902-ef03-4724-9fab-d6af7467bd3a.html
https://www.deejay.it/liste/127-anni-di-moulin-rouge-6-curiosita-sul-mitico-locale-parigino/




FOTO GOOGLE IMAGE












1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1