HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
MUSICA PASSIONE
Le AutoInterviste



Fiori trasteverini
Il grande cuore generoso dei romani
(1891)
«Il grande cuore generoso dei romani in questa
canzone popolare dell'Ottocento, che ancora
oggi viene cantata per lo più nei cori delle
feste di piazza e nelle gite fuori porta.»









 

 

Adamo cos’è lo stornello?
È un tipo di poesia generalmente improvvisata molto semplice, d'argomento amoroso o satirico. Lo stornello è tipico dell'Italia centrale, in particolare Toscana, Lazio e Marche, successivamente si è diffuso anche nell'Italia meridionale.

Perché il termine stornello? Cosa significa?
Secondo alcuni storici della letteratura e della musica, il termine stornello deriverebbe dall'uso di cantare a storno e a rimbalzo di voce da un luogo ad un altro. Composto da un numero imprecisato di strofe ed ogni strofa è solitamente composta da tre versi. Un esempio tipico di stornello è quello "con fiore":
«Fior di giaggiolo, gli angeli belli stanno a mille in cielo, ma bello come lui ce n'è uno solo.»

E quelli romani?
Sono stornelli nati dall'improvvisazione, traggono la loro forza dalla genuinità. Brevi ed immediati, cantati dalle popolane come “sfottò” da balcone a balcone. Un aspetto pittoresco e popolare della vita quotidiana, legato alla passione per la battuta e la tavola.

Quelli invece a dispetto?
È una forma, tipicamente Romana, di insultarsi a vicenda e la base del gioco è quella di attendere la fine della strofa senza reagire per poi restituire la cortesia con l’estro e l’improvvisazione del momento.

A proposito di quelli detti “con fiore”, il brano Fiori trasteverini è uno stornello?
Beh no, non è tipicamente uno stornello, ma una vera e propria canzone popolare dell'ottocento, anche se ancora oggi viene cantata per lo più nei cori delle feste popolari. Insomma è la classica canzone da osteria e spunta automaticamente dopo il terzo o quarto bicchiere.

Chi è l’autore?
È rimasto anonimo. Di sicuro sappiamo che l’hanno cantata tutti i più famosi cantanti romani tra cui Gabriella Ferri, Alvaro Amici, Claudio Villa e Lando Fiorini… Tra l’altro il testo varia da cantante a cantante e quindi ne esistono molte versioni, più o meno lunghe.

Questo brano può essere eretto a colonna sonora per i romani?
C’è tanta Roma qui dentro e racconta sicuramente l’essenza del romano doc attaccato alle tradizioni della sua città e alle usanze locali. Più propriamente rappresenta i trasteverini, ovvero gli storici abitanti del Rione Trastevere:
“Semo romani, trasteverini
semo signori senza quatrini
er core nostro è na capanna
core sincero che nun te 'nganna.”

Rappresenta anche il cuore generoso dei romani e la loro scaltrezza…
“Se stai in bolletta noi t’aiutamo”
“Però da micchi nun ce passamo.”
Per micchi si intende stupidi.

Sempre con la mente al pasto ed al vino comunque…
Famo li pranzi mejio de Nerone
bevemo er vino co la conculina
n'abbacchio in quattro a noi ce va benone
e p'antipasto ognuno na gallina.
Conculina sta per catino.

Poi ovviamente l’amore:
‘Na ciumachella che je brilla er core
che te vo bene e nun te sa mentì
na serenata che sospira amore
e dimme amico come voi morì …
Ciumachella sta per ragazza.

Poi torna la generosità del popolo romano, la famosa Città aperta verso tutta la gente che viene a Roma, al tempo c’era una forte migrazione interna. Ribadendo il concetto di uno ius soli in anticipo…
Se dice che nun è Roma de na vorta
perché mo ce so troppi forestieri
tu lassali chiacchierà ma che te 'mporta
Roma ritornerà quella de ieri.
Venenno tutti a Roma certo è un vanto
la madre e er padre se faranno anziani
li figli nasceranno per incanto
nascenno qui je crescheno romani.

Il grande impero nel DNA di qualsiasi romano e la sicurezza che venendo a contatto qualsiasi popolo apprezzerà i costumi romani e l’orgoglio di diventare.
Le milanesi co le toscane
se 'mpareranno a parlà romane
se chiameranno: Viè giù Marietta
s'annamo a beve mezza foglietta.
La veneziana, ch'è fumantina,
la chiameremo cor nome Nina,
e le baresi e le napoletane
lassatele passà che so' Romane

Poi il finale che è fantastico:
Roma bella, Roma mia,
te se vonno portà via
Campidoglio co' Sampietro,
se vorebbero comprà.
Qui se vonno comprà tutto
pure er sole e l'aria fresca
ma la fava romanesca
je potemo arigalà …
Ovvero l’orgoglio di essere romani, l’essenza e la schiettezza che mai morirà raccontata con quell’ironia tipica dei romani.









Su Youtube ci sono varie versioni...
https://www.youtube.com/watch?v=SeCsJsq-rHs LANDO FIORINI
https://www.youtube.com/watch?v=kxwPS7xipXU GABRIELLA FERRI













Il testo
 ISemo de Roma nostra li mughetti
semo romani e 'n più trasteverini
nun è pe ddi' semo li più perfetti
cantamo tutti e semo ballerini.
Se dice gente allegra dio l'aiuta
a noi c'aiuta e voi sapè perché
'gni tanto na magnata e na bevuta
e tutto quanto er resto viè da se…

Semo romani, trasteverini
semo signori senza quatrini
er core nostro è na capanna
core sincero che nun te 'nganna.
Se stai 'n bolletta noi t'aiutamo
però da micchi nun ce passamo
noi semo mangiatori de spaghetti
delle trasteverine li galletti.

Famo li pranzi mejio de Nerone
bevemo er vino co la conculina
n'abbacchio in quattro a noi ce va benone
e p'antipasto ognuno na gallina.
‘Na ciumachella che je brilla er core
che te vo bene e nun te sa mentì
na serenata che sospira amore
e dimme amico come voi morì …

Semo romani, trasteverini
semo signori senza quatrini
er core nostro è na capanna
core sincero che nun te 'nganna
Se stai 'n bolletta noi t'aiutamo
però da micchi nun ce passamo
noi semo mangiatori de spaghetti
delle trasteverine li bulletti.

Se dice che nun è Roma de na vorta
perché mo ce so troppi forestieri
tu lassali chiacchierà ma che te 'mporta
Roma ritornerà quella de ieri.
Venenno tutti a Roma certo è un vanto
la madre e er padre se faranno anziani
li figli nasceranno per incanto
nascenno qui je crescheno romani.

Le milanesi co le toscane
se 'mpareranno a parlà romane
se chiameranno: Viè giù a Marietta
s'annamo a beve mezza foglietta.
La veneziana, ch'è fumantina,
la chiameremo cor nome Nina,
e le baresi e le napoletane
lassatele passà che so' Romane

Roma bella, Roma mia,
te se vonno portà via
Campidoglio co' Sampietro,
se vorebbero comprà.
Qui se vonno comprà tutto
pure er sole e l'aria fresca
ma la fava romanesca
je potemo arigalà

ma la fava romanesca
je potemo arigalào




 











 


 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:

https://it.wikipedia.org/wiki/Stornello


IMAGE GOOGLE


LEGGI LA STORIA DELLE ALTRE CANZONI SU MUSICAPASSIONE


1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1