HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
AMARSI? CHE CASINO!

1


Lancio
L'amore al tempo dei fotoromanzi
La storia della casa editrice romana







 




C’era una volta la Lancio, ovvero l’amore al tempo dei fotoromanzi, l’azienda romana di via Tiburtina, nata nel 1936, inizialmente come società di pubblicità, ad opera di Antonio Mercurio, nel 1947 iniziò ad occuparsi di fotoromanzi rilevando la testata “Sogno” e dando vita a numerose nuove testate prestigiose tra le quali: Kolossal, Letizia, Marina, Jacques Douglas, Lucky Martin, Charme e Kiss.

Il successo fu immediato.
Del resto la genialata era stata quella di sostituire i disegni con immagini vere, fotografie in serie che costituivano la base del racconto e scattate su un set simile a quello cinematografico. E così nacque il fotoromanzo, una storia a metà tra fumetto e cinema comunque a lieto fine, comunque rivolto ad un pubblico femminile, una letteratura rosa per immagini che ha fatto sognare migliaia di donne. Si trattava ancora di foto in bianco e nero e solo nel 1975 uscì il primo numero a colori: realizzato a Venezia dal titolo “Bambina che scherzi con l’amore.”

I primi teatri di posa furono allestiti nel capannone di via Romanello da Forlì di Roma, sulla via Prenestina, zona Pigneto. Col tempo, per una comparsata di cinquecento lire, passarono di lì stelline di ogni genere e belle ragazze che in seguito diventeranno famose come Sofia Loren e Gina Lollobrigida. In seguito si resero necessarie scenografie più complesse create all'interno di appositi teatri di posa. C'erano poi il montaggio, il fotomontaggio, la cura della fotografia a volte ritoccata, la stampa su carta adatta.

Il primo numero di Sogno andò letteralmente a ruba per il secondo la tiratura venne raddoppiata e col passar degli anni fu un successo incredibile tanto che nel 1976 la tiratura delle varie case editrici raggiungeva in Italia la quota di oltre otto milioni e seicentomila copie al mese, di cui cinque milioni vendute dalla sola Lancio. Si calcola che quindici milioni di persone leggono le riviste dal parrucchiere e nelle sale d’attesa dei medici.

Nascono nuovi miti, le ragazze italiane appendono alle pareti le foto dei loro attori preferiti. I personaggi erano rappresentati da attori veri e noti al grande pubblico. La Lancio portò così al successo figure come Franco Gasparri, Michela Roc, Adriana Rame, Franco Dani, Nuccia Cardinali, Pierre Clement, Alex Damiani, Sebastiano Somma, Luciano Francioli, Katiuscia, Jean Mary Carletto, Claudia Rivelli e Francesca Rivelli, divenuta in seguito Ornella Muti. Anche Laura Antonelli interpretò, nella seconda metà degli anni sessanta, sette fotoromanzi per la Lancio.

Siamo ancora nel dopoguerra c’è tanto analfabetismo e il fotoromanzo insegna a leggere a molte ragazze italiane e soprattutto ad evadere dagli orrori della guerra e della miseria rifugiandosi in quelle storie per poi proiettarsi in un mondo bello e pulito dai sentimenti buoni. Le eroine erano sempre povere e romantiche, ma coraggiose e decise, che regalavano speranze e a volte illusioni a gente semplice che aveva bisogno di sogni e credere che la fortuna fosse sempre dietro l’angolo.
Sempre sorridenti e gentili, con le quali potevano identificarsi, venivano insidiate da rivali cattive, dall'eleganza accigliata, sempre predilette da future suocere arcigne. Poi tutto si risolveva, il lieto fine era assicurato, i cattivi venivano puniti, gli innamorati si sposavano. Gli uomini di contro, se non ricchi, avevano sempre un lavoro. Appunto storie d’amore quasi sempre sdolcinate in un mondo dove si faceva all’amore, ma non si faceva sesso.

Ma dopo l’apice, la decadenza. La lettura dei fotoromanzi scema nella seconda metà degli anni ottanta, soppiantata da altre forme d’intrattenimento popolare come le telenovelas e le fiction.
Dal dicembre del 2011 la Lancio chiuse i battenti, la casa editrice messa in liquidazione in seguito alla morte improvvisa del suo proprietario. Nell'agosto del 2014 la casa editrice Guido Veneziani editore ha lanciato un settimanale "Amori" che tra gossip e interviste a personaggi della tv ristampava a puntate i fotoromanzi della Lancio di cui aveva acquistato l'archivio. Tuttavia dopo sei numeri il settimanale, nel mese di settembre 2014, cessava le pubblicazioni.




















 

 
 
 


L'ARTICOLO E' A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
REALIZZATA GRAZIE A:

FONTI
Giulio Passerini http://www.panorama.it/cultura/libri/indagine-fotoromanzo/
http://it.wikipedia.org/wiki/Fotoromanzo
http://www.huffingtonpost.it/2015/02/16/mostra-fotoromanzo-a-roma_n_6691784.html?utm_hp_ref=italy
Luzzatto Sergio http://archiviostorico.corriere.it/2003/
http://www.treccani.it/enciclopedia/fotoromanzo_%28Enciclopedia-dei-ragazzi%29/
IL LIBRO Anna Bravo, «Il fotoromanzo», Il Mulino, pagine 174, euro 12 L’ AUTRICE
https://www.facebook.com/pages/Fotoromanzi-Lancio/519075784820550
https://www.criticaletteraria.org/2014/02/fotoromanzi-lancio-storia.html
https://it.wikipedia.org/wiki/Lancio_(casa_editrice)
http://curiosando708090.altervista.org/fotoromanzo-dal-1947/



FOTO GOOGLE IMAGE













1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1