HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Luciana Cameli
Non sento








Foto Tatiana Mercalova

 



Non riuscivi a sentire il mio volere, oramai la passione aveva donato fuoco ad un´altra tendenza. Non sono più io quella che ora ti dà egocentrismo al tuo sterile e affamato orgoglio. Non sono più io quella che ora si masturba davanti ai tuoi occhi o ti provoca. Non sono più io quella che si fa penetrare con furia da te. Non sono più io da quando non ci sei tu. L´incanto è svanito, il nostro senso è sepolto, la nostra arida attesa si è gelata in corpo. Sto pensando a petali bianchi che animano la mia pelle, che non è più tua, che non è più mia.

Non sento più. Non sento il fuoco che mi avvolge di peccati, quella fiamma che mi fa godere di orgasmo. Senza di te io sono sorda al mio sentire, sono sorda al mio guarire. Ti penso, e non c´è istante che non lo faccia, perché una perdita deve essere sofferta, perché la ferita è ancora aperta. Ho lividi di sangue, quelli che mi hai lasciato tu.


Vento al vento, mento a mento. Uscirò fuori da questo stato mentale di placata sensibilità, di profonda ironia acuta di rabbia. Sono degna di me, ma non di te. Tu non sei l´unico uomo e io non sono l´unica donna. Mi hai ingannata e hai fatto la tua scelta. Io poi non mi volto più a guardare, sappilo. Chiudo gli occhi alla mia sordità, come pezzi smarriti di solitudine, ma non mi chiudo di sacrale, raffinata e pregiata normalità. Voglio ancora godere, senza di te e meglio di te. L´ultima volta che mi hai sbattuta al muro, ho sentito una viscerale fine che mi attendeva, ed io lì a finire il mio inizio. Quell´inizio avuto tempo fa, con te.

L´ultima volta che mi hai baciata, la tua lingua fuggiva di corsa, c´era ciò che di meglio per te nutriva, da un´altra parte, con altre labbra. Mi chiedo se abbiamo mai fatto l´amore, di certo ci siamo riempiti di scopate e dolore. Ti piaceva legarmi di corde, ti piaceva rovesciarmi al ventre. Ti piacevo, ora non più.

Sono coraggiosa alle mie ali, e voglio ancora volare...







FINE

 





 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
Luciana Cameli
Photo Tatiana Mercalova

Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore











1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1