HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
RACCONTI

1

Eugenio Villanti
Un brivido lungo una vita







Foto © Alexander Ufimtsev

 



Ho il cuore che batte forte e la mano trema.
Seduto sulla sedia scomoda di plastica bianca, sento chiaramente il tocco delle dita che stuzzicano avide la parte esterna del lobo sinistro dell'orecchio.
La visita di controllo sta prendendo percorsi inaspettati.
Il contatto fisico, è inevitabilmente molto!
Lei scruta l'orecchio e il suo alito s'infrange contro la mia percezione degli odori.
Il profumo leggero invade il mio olfatto.
Sa di buono, sa di piacevole, sa di erotico...
Una goccia di sudore scivola nascosta sotto la camicia.
I pensieri volano ad amplessi impossibili.
La sua mano continua ad esplorare l'orecchio aiutata da un oggetto metallico che mi infastidisce.
Le dita appoggiate al collo mi trasmettono un brivido.
La sua coscia appoggiata alla mia, mi trasferisce ben altro.
Spingo deciso la gamba a scontrarsi più decisa.
Niente!
Imperterrita, continua a soffiare aria calda verso le mie percezioni.
Guardo di sbieco i seni per cercare qualche sintomo d'eccitazione.
Niente!
La maglietta nera, fine, probabilmente di cashmere, nasconde l'eventuale eccitazione del momento.
Provo!
Tutto mi lascia pensare che possa essere quello che penso: L'attimo fuggente di un momento di sesso.
Giro la testa verso la finestra e la mano parte.
Si appoggia delicatamente alla coscia coperta dal camice.
Ferma, inerte, aspetta un segnale che non arriva.
Ma niente e nessuno interviene a staccare il contatto..
Lei continua la sua ispezione, io comincio la mia.
Aspetto frazioni di secondi interminabili, la reazione non arriva e le cosce non si allontanano.
Il contatto rimane, la voglia cresce, l'audacia, sale.
Un tocco di seta: le dita percorrono centimetri verso l'alto e conquistano terreno.
L'inizio del camice, poi, l'inizio di una gonna.
Fa caldo in questa giornata di inizio ottobre, le calze ancora non servono e la pelle risulta un tocco piacevole, calda...
Giro lo sguardo con cautela, cerco di trovare qualche segnale alle mie fantasie.
La sua mano sul collo spinge leggermente di più.
Mi sembra di percepire il respiro affannoso e la bocca leggermente più aperta del dovuto.
Fantasia e realtà si scontrano.
I limiti del posso non posso si confondono.
Le gocce di sudore si sono moltiplicate.
Sposto dolcemente la mano a bordo coscia interna.
Salgo!
Il primo segno di partecipazione...
Le gambe si schiudono delicatamente lasciando il percorso libero, l'autorizzazione implicita, scatena il mio desiderio e il mio eccitamento ne è la prova.
La lingua calda prende il posto alle dita sulla nuca, un tocco leggero, un guizzo improvviso.
Finalmente un gemito sospirato.
La mano sale insieme al camice e alla gonna.
Non cerco più segnali di conferma, la testa gira e cerca.
La bocca si apre, si unisce, lo scambio di sapori, il primo, il più importante,
La mano non sale più, ha raggiunto il suo obbiettivo!
Il mondo si ferma, il respiro svanisce.
Un brivido lungo una vita...



© Eugenio Villanti


FINE

 





 
 
 





Il racconto è frutto di fantasia.
Ogni riferimento a persone e fatti realmente accaduti è puramente casuale..
© All rights reserved
Eugenio Villanti
Foto Alexander Ufimtsev

Il presente racconto è tutelato dai diritti d'autore.
L'utilizzo è limitato ad un ambito esclusivamente personale.
Ne è vietata la riproduzione, in qualsiasi forma, senza il consenso dell'autore













1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1