HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY


1


1
INTERVISTA IMPOSSIBILE
Veronica Lake
Una donna fragile
stritolata da Hollywood
Attrice americana, di grande popolarità negli anni
quaranta, specialmente come interprete di film noir
spesso in coppia con Alan Ladd. È considerata
un'icona dello stile, soprattutto per la sua celebre
pettinatura con un'onda che le cadeva sull'occhio
destro e le copriva metà del volto, che divenne
all'epoca di gran moda fra le giovani americane.









(Brooklyn, 14 novembre 1922 – Burlington, 7 luglio 1973)



 

 




Madame le sue origini?
Il mio nome vero è Constance Frances Marie Ockleman, sono nata a Brooklyn ma all’età di un anno mi traferii con la mia famiglia in Florida per poi tornare a cinque anni a Brooklyn. Mio padre Harry lavorava nel settore petrolifero, purtroppo morì in un'esplosione nel 1932, lasciandomi orfana all'età di 10 anni.

E sua madre?
Si risposò l'anno dopo con un suo amico di infanzia Anthony Keane. Trascorsi un’adolescenza da benestante frequentando una rigida scuola cattolica a Montréal in Canada, per poi passare ad un liceo di Miami; è in questo periodo che mi venne diagnosticata una probabile prima forma di schizofrenia.

Nel 1938 si trasferì con la famiglia a Beverly Hills…
Presi lezioni di recitazione ed iniziai ad ottenere piccole parti con il nome di Constance Keane in alcuni film della RKO, tra cui Sorority House. John Farrow, regista della pellicola, mi notò per l'onda di capelli biondi che cadeva naturalmente sull'occhio destro. Secondo lui mi dava un non so ché di mistero ma in realtà era uno stratagemma escogitato per nascondere una lieve forma di strabismo.

Nel 1940 il matrimonio…
Sposai John Detlie e l’anno dopo diedi alla luce mia figlia Elaine.

Nel 1941 venne messa sotto contratto dalla Paramount…
Guadagnavo 75 dollari la settimana, con il nome d'arte di Veronica Lake.

Fu anche l’anno della sua consacrazione…
Interpretai I cavalieri del cielo accanto a Ray Milland. Seguì una serie di film di grande successo, come I dimenticati (1941), Ho sposato una strega (1942), e Sorelle in armi (1943), un film di propaganda bellica con Paulette Goddard e Claudette Colbert.

Ma i film più amati dal pubblico e apprezzati dalla critica furono i suoi famosi noir…
Recitai in coppia con Alan Ladd Il fuorilegge del 1942 e La chiave di vetro sempre nello stesso anno. Il sodalizio con Alan non nacque per caso ma per esigenze della Paramount, poiché Ladd era l'unico attore abbastanza basso di statura per recitare al mio fianco. Io ero alta, anzi bassa 150 centimetri!

Malgrado il successo e i cospicui guadagni (si parla di 4.500 dollari la settimana) lei si guadagnò nell’ambiente la fama di persona difficile.
Beh in effetti non era facile lavorare con me, qualcuno addirittura mi etichettò come "the bitch". Il mio collega Joel McCrea si rifiutò di lavorare con me affermando che "la vita è troppo corta per girare due film con Veronica Lake"!

Lo scrittore Raymond Chandler, sceneggiatore de La dalia azzurra, la definì sarcasticamente "Moronica Lake"…
Moron in inglese significa ritardato mentale… Comunque oltre ai miei problemi caratteriali, dovetti affrontare anche una serie di eventi avversi: il mio secondo figlio morì nel 1943 ad una settimana dalla nascita, divorziai da marito e ricevetti stroncature per Un'ora prima dell'alba del 1944.

È vero che le fu chiesto dal governo di cambiare look?
Sì. Molte operaie americane, avendo imitato la mia pettinatura, furono vittime di gravi infortuni sul lavoro, a causa delle lunghe chiome che s'incastravano nei macchinari. Lo feci ma la mia nuova acconciatura mi privò di quel tocco di fascino e originalità

Al botteghino non funzionava più…. E la crudele macchina da soldi di Hollywood la butta via come un giocattolo rotto.
Dal 1945 in poi la Paramount mi relegò ad alcuni film di secondo piano, ad eccezione del noir La dalia azzurra (1946), sempre accanto a Ladd, che fu il mio ultimo film di successo.

Poi un secondo matrimonio…
Sposai il regista André De Toth, purtroppo nonostante le mie condizioni non fossero al meglio lui mi convinse ad interrompere le sedute psichiatriche e iniziai a bere pesantemente e la Paramount per evidenti ragioni rescisse il contratto.

Nonostante avesse solo trent'anni, il suo periodo d'oro era praticamente finito.
Cominciò una spirale tragica: venni citata in giudizio da mia madre per non avere provveduto a lei adeguatamente; dal fisco per evasione, il mio secondo marito, da cui avevo avuto due figli, mi lasciò chiedendo immediatamente il divorzio…

Poi un altro matrimonio…
Sposai il compositore Joseph McCarthy, ma durò pochissimo e la mia salute peggiorò e mi fu proibito di vedere i miei figli.

Per quasi tutti gli anni ’50 e ’60 sparì completamente dalla scena…
Ero in uno stato di indigenza assoluta, lavorai perfino come cameriera al bar di un albergo e venni più volte arrestata per ubriachezza. Un reporter del New York Post scoprì mentre lavoravo in quel bar di New York: dopo lo scoop, tornai popolare per breve tempo, pubblicai un’autobiografia e con gli incassi contribuii a produrre un tremendo film di serie B, Flesh Feast del 1970, in cui interpretavo una scienziata che clona Hitler con il solo scopo di lanciargli in faccia delle larve carnivore.

Una Veronica Lake irriconoscibile nel 1970 va a vivere in Inghilterra dove si sposa per la quarta volta con un pescatore. Torna negli Usa nel 1973 che è solo il fantasma di se stessa. Va a vivere per un piccolissimo periodo a Saranak Lake nello stato di New York, luogo in cui è stata felice nell’infanzia.
Nel 1973, durante un soggiorno nel Vermont presso il Centro Medico di Burlington, le venne diagnosticata una grave cirrosi epatica causata da anni di alcolismo e dovette essere ricoverata. Il 7 luglio 1973, a 50 anni, morì di epatite. Il servizio funebre si tenne presso la Cappella universale di New York, il corpo fu cremato e secondo i suoi desideri le ceneri disperse al largo delle Isole Vergini.
mio






























 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:

https://it.wikipedia.org/wiki/Veronica_Lake
https://www.ecodelcinema.com/veronica-lake-biografia-filmografia.htm







IMAGE GOOGLE
Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it




INTERVISTE IMPOSSIBILI
ELENCO ALFABETICO      ELENCO CRONOLOGICO        ELENCO PER CATEGORIE







1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1