HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY


1


1
INTERVISTA IMPOSSIBILE
Mary Brian
The Sweetest Girl in Pictures
Mora, minuta, comunque dotata di un certo
fascino, texana di nascita, è stata un’attrice
statunitense. Recitò a cavallo tra il silent e il
sonoro, fu reginetta fashion alla Paramount.







(Corsicana, 17 febbraio 1906 – Del Mar, 30 dicembre 2002)



 

 



Madame le sue origini?
Sono nata nello Stato del Texas a Corsicana da Taurrence J. Dantzler e Louise B. Il mio vero nome è Louise Byrdie Dantzler.

La sua adolescenza?
Purtroppo mio padre morì quando avevo appena un mese e con la famiglia mi trasferii più volte, prima a Dallas, poi a Long Beach, in California. Inizialmente non pensavo al mondo del cinema, ma avevo intenzione di fare l’illustratrice.

A 16 anni mise da parte la sua passione, però…
Sospinta da mia madre partecipai per gioco ad un concorso di bellezza a Long Beach, arrivai seconda e non venni eletta. Rimasi delusa soprattutto perché non mi aggiudicai il premio di 25 dollari che ci avrebbe fatto molto comodo viste le nostre condizioni economiche! Comunque durante le selezioni fui notata dal regista Herbert Brenon e dall'attrice Esther Ralston. Lei in quella manifestazione faceva il giudice e dopo la mia esibizione mi chiamò in disparte e mi disse che dovevo assolutamente coltivare il mio talento innato.

Immagino fu felice per quell’apprezzamento…
Fui ancora più felice quando alcuni mesi dopo mi ricontattò e mi propose di interpretare la Wendy in Peter Pan con la regia di Herbert Brenon, versione cinematografica del 1924 del lavoro teatrale di James Matthew Barrie. Lei nel film interpretava la parte della signora Darling.

Da quel giorno iniziò una lunga e meravigliosa amicizia tra voi.
Mi considerava come una figlia e mi fece mille raccomandazioni. Mi disse tra l’altro di mentire sull’età, al tempo avevo diciotto anni, ma per quel ruolo serviva un’adolescente per cui dissi alla produzione di avere solo quindici anni!

Nel 1926 vinse l'edizione di quell'anno del premio WAMPAS Baby Stars…
Il premio WAMPAS era un'iniziativa pubblicitaria promossa negli Stati Uniti dalla Western Association of Motion Picture Advertisers, che premiava ogni anno tredici ragazze giudicate pronte ad iniziare una brillante carriera nel cinema.

Iniziava la sua vita da star…
La Paramount mi cambiò il nome in Mary Brian e interpretai circa 40 film muti come protagonista o co-protagonista. Divenni famosa sempre nel 1926, quando, ancora diretta da Herbert Brenon, apparvi nella prima versione di Beau Geste interpretato da Ronald Colman.

Nel 1930 fu all’apice del successo…
Uno dei miei più grandi successi è stato quello di Gwen Cavendish nella commedia La famiglia reale di Broadway appunto nel 1930, con Ina Claire e Fredric March. Era una caricatura sottilmente camuffata delle vite private della dinastia dei Barrymore, la mia interpretazione colpì così nel segno che Ethel Barrymore minacciò più volte di citare in giudizio la Paramount.

Ormai tramontata l'era della gioventù, iniziò a incontrare difficoltà…
Nel 1932 la Paramount non mi rinnovò il contratto e allora provai alla Warner Bros. Nel 1936, andai in Inghilterra e realizzai tre film, tra cui The Amazing Quest di Ernest Bliss in cui recitavo al fianco di Cary Grant, con il quale ebbi una breve, ma intensa relazione. Per dieci anni interpretai vari ruoli anche da protagonista, ma i risultati furono sempre altalenanti.

Durante la seconda guerra intrattenne le truppe americane all’estero…
Iniziai a viaggiare finendo per trascorrere la maggior parte degli anni di guerra viaggiando per il mondo e intrattenendo militari del Sud Pacifico in Europa , tra cui l'Italia e il Nord Africa. Ero sull'Enola Gay prima che sganciassero la bomba e in Inghilterra insieme alle truppe fui catturata nella Battaglia del Bulge e trascorsi il Natale del 1944 in trincea con i soldati che combattevano quella battaglia.

Poi?
Interpretai il mio ultimo film nel 1947, il poliziesco Dragnet; successivamente decisi di ritirarmi. Negli anni cinquanta feci un po’ di cabaret e spettacoli per la televisione tra i quali la tv-series Meet Corliss Archer.

La sua vita privata madame?
Mi sposai due volte, ma non ebbi figli. La prima a 35 anni nel 1941 con l’illustratore Jon Whitcomb, il loro matrimonio durò circa sei settimane. La seconda nel 1947 con il produttore cinematografico George Tomasini, fino alla sua morte avvenuta nel 1964.

Si parla di numerose relazioni però…
Ne ho avute numerose tra le quali quelle con gli attori Jack Pickford, Richard Dix, William Bakewell, Cary Grant, Jack Oakie, Dick Powell, l'italiano Nino Martini, con il compositore Gene Raymond, il produttore Jesse L. Lasky, il fotografo Jon Whitcomb e con il musicista Charles Rogers.

Mary Brian abbandonò definitivamente le scene nel 1955, per dedicarsi al suo antico amore ovvero la pittura. Morì per un attacco cardiaco all'età di 96 anni. È seppellita al Forest Lawn Memorial Park di Los Angeles. Ha una stella sulla Hollywood Walk of Fame al civico 1559 di Vine Street.




























 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:

ht
https://it.wikipedia.org/wiki/Mary_Brian
http://www.cinekolossal.com/star2/b/brian_mary/
https://en.wikipedia.org/wiki/Mary_Brian






IMAGE GOOGLE
Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it




INTERVISTE IMPOSSIBILI
ELENCO ALFABETICO      ELENCO CRONOLOGICO        ELENCO PER CATEGORIE







1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1