HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
INTERVISTA IMPOSSIBILE

1

June Allyson
La moglie perfetta
Viso angelico, acqua e sapone, è stata un’attrice,
cantante e ballerina. Fu considerata
la moglie perfetta del cinema americano.







(New York, 7 ottobre 1917 – Ojai, California, 8 luglio 2006)


 

 

Madame le sue origini?
Il mio vero nome è Eleanor Geisman e sono nata nel quartiere del Bronx, a New York, da Clara Provost e Robert Geisman. I miei nonni paterni erano immigrati dalla Germania, ma di origine olandese.

Aveva appena sei mesi quando suo padre andò via di casa…
Era l’aprile del 1918, quando mio padre, alcolizzato, e che lavorava come guardiano, pensò bene di abbandonare la famiglia.

Immagino le difficoltà…
Fui allevata in uno stato di quasi assoluta povertà dai miei nonni materni. Per sopravvivere, mia madre lavorava saltuariamente come telefonista e cassiera di bar e ristoranti e quando riusciva a risparmiare qualche dollaro veniva a trovarmi e mi portava tanti regali, ma il più delle volte restavo parcheggiata presso i nonni o altri parenti.

All’età di 8 anni subì un grave incidente…
Un ramo secco d'un albero mi rovinò addosso mentre giocavo col mio triciclo e il mio piccolo terrier. Il ramo cadendo uccise il mio cane e mi fratturò la spina dorsale. I medici dissero che non avrei più potuto camminare e mi applicarono per quattro anni dal collo alle anche un pesante bustino d'acciaio.

Dopo una lunga riabilitazione si riprese…
Passai a fatica dalla sedia a rotelle alle grucce, poi mi ripresi del tutto, ma quando diventai famosa ero terrorizzata che la gente potesse scoprire il mio passato.

Cosa fece?
Mi inventai una infanzia rosea e piena di serenità, tra le altre cose affermai che i tanti esercizi in piscina, obbligatori per la mia riabilitazione fisica, fossero dovuti alla mia speranza di diventare una campionessa di nuoto.

Per distrarsi andava al cinema…
Adoravo i film di Ginger Rogers e Fred Astaire. Vidi “Cerco il mio amore” per ben 17 volte ed imparai a memoria i passi di danza di Ginger Rogers. Sognavo di diventare una stella del musical e per recuperare completamente le mie capacità motorie oltre al nuoto studiai danza.

Poi sua madre si risposò…
Finalmente vissi con mia madre, avevamo un discreto standard finanziario e la mia ambizione mi fece entrare nella Ned Wayburn Dancing Academy. Cominciai così a prendere parte a gare di danza sotto il nome di Elaine Peters.

Come andò?
Dopo due anni e mezzo lasciai la scuola di danza per cercare lavoro come ballerina. Il mio primo lavoro, pagato 60 dollari a settimana, fu quello di ballerina di tip-tap al Lido Club di Montreal.

Dopo alcuni anni la troviamo di nuovo a New York.
La Educational Pictures mi offrì di lavorare assieme al cantante Lee Sullivan e ai ballerini comici Herman Timberg Jr., Pat Rooney Jr. e alla futura star cinematografica Danny Kaye. Poi passai alla Vitaphone e feci parte del coro del musical Sing out the News a Broadway.

Nel 1938 debutta sul grande schermo.
Durante la guerra firmai un contratto con la MGM che mi lanciò nel 1943 con il film Ragazza pazza accanto a Mickey Rooney. L'anno dopo, con il musical Due ragazze e un marinaio di Richard Thorpe, mi avviai a diventare uno dei nomi più popolari del cinema americano di quegli anni, la beniamina del pubblico che vedeva in me “la ragazza della porta accanto”, la fidanzata acqua e sapone o la moglie carina e virtuosa, che si contrapponeva alle splendide e fatali Rita Hayworth, Ava Gardner o Lana Turner.

Nel 1945 si sposò…
Mi innamorai dell'attore e regista Dick Powell. Io ero una stella della Metro Goldwyn Mayer e lui un attore famosissimo. Purtroppo mio marito partecipò come regista nel 1956 al film Il conquistatore. La pellicola venne girata in esterni nel territorio dello Utah durante il periodo in cui il governo nordamericano stava effettuando test nucleari nel vicino stato del Nevada. 91 delle 220 persone coinvolte nella produzione del film si ammalarono in seguito di cancro e 46 di esse morirono a causa della malattia: tra queste, John Wayne, Susan Hayward, Agnes Moorehead, John Hoyt e appunto mio marito con un cancro alle ghiandole linfatiche.

Si risposò vero?
Sposai per sette mesi soltanto Glenn Maxwell, amico e barbiere di mio marito, ma fu una scelta sbagliata. Forse lo avevo fatto solo per aggrapparmi al ricordo di Dick.

Nella finzione invece il suo partner per eccellenza fu James Stewart…
Con James ci fu un ottimo affiatamento, lavorammo insieme in Ritorno del campione di Sam Wood, La sete del potere di Robert Wise e Aquile nell'infinito di Mann, opera di propaganda per l'aviazione degli Stati Uniti in uno dei momenti caldi della Guerra fredda.

June Allyson, capelli rossi e misure da ballerina, era alta 1,55 e pesava meno di 40 kg, si è sposata per la terza volta nel 1976 con l’attore David Ashrow. Nella sua vita è stata protagonista di oltre 50 film perlopiù musicali, muore a 89 anni a Los Angeles in California, dopo aver vinto nel 1952 un Golden Globe per la migliore attrice in un film commedia musicale in L'ingenua maliziosa di Robert Z. Leonard. Ha una stella sulla Hollywood Walk of Fame al numero 1537 di Vine Street.
































 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:

https://it.wikipedia.org/wiki/June_Allyson
http://www.ilgiornale.it/news/june-allyson-moglie-perfetta-che-cinema-seduceva-l-america.html
http://trovacinema.repubblica.it/attori-registi/june-allyson/165845/



IMAGE GOOGLE
Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it




INTERVISTE IMPOSSIBILI
ELENCO ALFABETICO      ELENCO CRONOLOGICO        ELENCO PER CATEGORIE




1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1