HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
MUSICA PASSIONE
Le AutoInterviste



Nessuno mi può giudicare
"La verità ti fa male, lo so…"
(Caterina Caselli, 1966)
"Ognuno ha il diritto di vivere come può
Nessuno mi può giudicare, nemmeno tu"











Era il 1966 quando una ragazzina con un
casco biondo salì sul palco di Sanremo e
spiazzò tutti eseguendo un brano scatenatissimo
dal contenuto rivoluzionario.




 

 

Adamo mi parli della canzone “Nessuno mi può giudicare”?
È stato il terzo singolo della cantante Caterina Caselli e pubblicato dalla casa discografica CGD nel gennaio del 1966

Un successo vero?
Presentato al Festival di Sanremo in poche settimane balzò al primo posto della classifica dei 45 giri più venduti, occupandolo per nove settimane consecutive. Nei primi giorni arrivò addirittura a vendere circa diecimila copie al giorno e cedette il primato solo a Michelle dei Beatles. Nella TopTen ci rimase fino a maggio dello stesso anno. A fine anno risultò il sesto singolo più venduto del 1966.

Mi parli un po’ della storia di questa canzone?
Era il 27 gennaio del 1966, quando al Salone delle Feste del Casinò Municipale di Sanremo andò in scena la prima delle tre serate, che vide in concorso una ragazza emiliana neppure ventenne. Inizialmente la canzone era destinata ad Adriano Celentano, che ne incise un provino, ma poi al Festival scelse di cantare un suo brano, ossia “Il ragazzo delle via Gluck” per cui, evidentemente non convinto del pezzo, l’abbandonò definitivamente. A quel punto gli autori della canzone l’affidarono ad una ancora poco conosciuta Caterina Caselli.

Chi era Caterina Caselli?
Una ragazza di Modena che si esibiva nelle balere emiliane cantando e suonando il basso. Finora aveva partecipato al Cantagiro e inciso qualche disco senza particolare successo.

Poi al Festival nacque Casco d’oro…
Infatti è in quell'occasione che Caterina Caselli si presentò con un'acconciatura bionda a caschetto, ideata appositamente per lei dagli stilisti Vergottini. Salì sul palco e spiazzò subito tutti, eseguendo quel brano scatenatissimo con freschezza e grinta davvero notevoli. Comunque il Festival in quell’edizione venne vinto da Domenico Modugno e Gigliola Cinquetti con il brano “Dio, come ti amo”, ma le maggiori vendite di dischi vennero fatte registrare proprio da Celentano e Caterina Caselli, con più di un milione di copie, mentre la canzone vincitrice si fermò a 300.000 copie.

Come andò l’esibizione sanremese?
Trascinata dalla carica beat della cantante, la canzone raggiunse il secondo posto nella classifica finale eseguita in coppia con Gene Pitney. Immediatamente, per sfruttare l’onda del successo, Caterina incise la canzone in francese dal titolo “Baisse un peu la radio” e in spagnolo con un titolo più fedele: “Ninguno me puede juzgar”. Poi fu fatto anche un film di genere sentimentale con la regia di Ettore Maria Fizzarotti, del quale la cantante modenese ne fu protagonista insieme a Laura Efrikian, Nino Taranto e Gino Bramieri.

Il testo?
Innovativo e addirittura sconvolgente per l'epoca, anticipa argomenti femministi rivendicando per la donna la possibilità di scegliere tra più partner. La fortuna fu che il testo, ideato per un interprete maschile, appunto Celentano, mantenne lo stesso contenuto al femminile. Per cui nella nuova versione era una donna ad essere la traditrice consapevole, dimostrando di avere in mano il futuro della coppia potendo scegliere tra un partner e l'altro. Infatti il brano racconta la vicenda di una donna che, invaghitasi di un altro uomo, che ovviamente non era il suo compagno, decide di ritornare sui suoi passi, ma senza voler essere giudicata. Come detto una pretesa piuttosto significativa per una società dove al tempo la parità fra i sessi era una conquista ancora lontana. Pensa che nel Gay Pride del 2000 la canzone diventò l’inno della manifestazione di Roma a causa del verso: «Ognuno ha il diritto di vivere come può».

Vagiti di un ’68 ancora da venire…
Divenne senz’altro una sorta di inno di una generazione affamata di nuovi miti, tra minigonne, capelli lunghi e una voglia di vivere la vita senza condizionamenti e restrizioni. Caterina Caselli si rivelò adatta a queste esigenze, il suo amore non faceva rima col cuore, ballava lo shake, andava controcorrente ed eseguiva il suo brano con un ritmo decisamente beat coniugato al femminile.

Gli autori?
Furono decisamente tanti. Per la musica collaborarono Luciano Beretta e Michi Del Prete ovvero gli autori di Celentano, i quali avevano composto il brano pensando ad un tango sicuramente più adatto a Celentano. Per le parole diedero le loro pennellate poetiche Daniele Pace, Mario Panzeri e Lorenzo Pilat. Quest’ultimo, anni dopo, ammise l'identità delle prime battute del pezzo con il classico della canzone napoletana Fenesta ca lucive, ma sostanzialmente la composizione mantiene una sua ritmica originale.




 






Su Youtube ci sono varie versioni...
https://www.youtube.com/watch?v=R8XAHNbyWIs
https://www.youtube.com/watch?v=sEofBqq0seQ










Il testo
Nessuno mi può giudicare, nemmeno tu
(la verità ti fa male, lo so)
Lo so che ho sbagliato una volta e non sbaglio più
(la verità ti fa male, lo so)
Dovresti pensare a me
e stare più attento a te
C'è già tanta gente che
ce l'ha su con me, chi lo sa perché?

Ognuno ha il diritto di vivere come può
(la verità ti fa male, lo so)
Per questo una cosa mi piace e quell'altra no
(la verità ti fa male, lo so)
Se sono tornata a te,
ti basta sapere che
ho visto la differenza tra lui e te
ed ho scelto te

Se ho sbagliato un giorno ora capisco che
l'ho pagata cara la verità,
io ti chiedo scusa, e sai perché?
Sta di casa qui la felicità.
Molto, molto più di prima io t'amerò
in confronto all'altro sei meglio tu
e d'ora in avanti prometto che
quel che ho fatto un dì non farò mai più
Ognuno ha il diritto di vivere come può
(la verità ti fa male, lo so)
Per questo una cosa mi piace e quell'altra no
(la verità ti fa male, lo so)
Se sono tornata a te,
ti basta sapere che
ho visto la differenza tra lui e te
ed ho scelto te
Se ho sbagliato un giorno ora capisco che
l'ho pagata cara la verità,
io ti chiedo scusa, e sai perché?
Sta di casa qui la felicità.
Nessuno mi può giudicare, nemmeno tu!












Lato A:Nessuno mi può giudicare
Lato B: Se lo dici tu
Artista: Caterina Caselli
Singolo 45 giri
Pubblicazione: gennaio 1966
Genere: Beat
Etichetta: CGD
Registrazione: mono

























 


 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:

https://testo-canzoni.blogspot.com/2013/04/Testo-significato-Nessuno-mi-puo-giudicare-Caterina-Caselli.html
https://music.fanpage.it/caterina-caselli-la-sua-nessuno-mi-puo-giudicare-compie-cinquant-anni/
https://it.wikipedia.org/wiki/Nessuno_mi_pu%C3%B2_giudicare/Se_lo_dici_tu
https://www.globalist.it/culture/2016/05/08/nessuno-mi-puo-giudicare-50-anni-di-un-successo-84480.html




IMAGE GOOGLE


1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1