HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
MUSICA PASSIONE
Le AutoInterviste



Il Bandito e il Campione
La leggenda dell'amico tradito
(Francesco de' Gregori, 1993)
Il Campione in fuga dagli avversari,
il Bandito in fuga dalla legge,
questa fu la loro vita,
la leggenda li vuole amici come fratelli,
ma divisi dal destino.
 








Luigi Grechi la scrisse, Francesco De Gregori ne fece un successo



 

 

Il bandito e il campione … Adamo chi ti ricorda?
Il brano di Francesco De’ Gregori che si ispira ad un fatto realmente accaduto e narra la vicenda del ciclista Costante Girardengo ed il bandito anarchico Sante Pollastri. È un disco del 1993, il brano è stato scritto dal fratello dell’artista Luigi Grechi (nome d'arte di Luigi De Gregori).

Di cosa tratta il brano?
Tratta appunto della vicenda che ha per protagonisti il ciclista ed il bandito. I due erano concittadini di Novi Ligure e si conoscevano fin da piccoli, ed avevano in comune la passione per la bicicletta. Le strade dei due si separarono presto poiché Girardengo iniziò la sua carriera sportiva che lo portò a diventare il più grande ciclista italiano dagli anni '20 mentre Pollastri si diede alla meno nobile attività di bandito.

In un certo senso divenne famoso come l’amico?
Ah sì senz’altro, avendo uno spirito fortemente ribelle, fu definito addirittura "Nemico pubblico numero uno". Pare che, ma siamo ai limiti della leggenda, che il suo odio verso i Carabinieri sia nato a causa di traumi subiti nell'adolescenza. Le ipotesi più accreditate furono due: un ipotetico stupro ai danni della sorella Carmelina da parte di alcuni giovani dell'Arma oppure che gli stessi Carabinieri costrinsero suo fratello gravemente malato ad arruolarsi per poi morire in caserma.

Era davvero anarchico Pollastri?
Le sue gesta sono poco note, in quanto filtrate dalla censura fascista, comunque anche questo è avvolto nel mistero, forse lo divenne, ma sembra che dopo una rissa per futili motivi con dei fascisti Sante fu costretto a scappare e sembra anche che la presa di coscienza politica gli venne dall’amicizia con l’anarchico ligure Renzo Novatore, pseudonimo di Abele Ricieri Ferrari, poeta, filosofo e futurista anarchico, ucciso dai carabinieri nel 1922 proprio durante un’azione contro la banda di Pollastri, cui Novatore si era unito per sfuggire alle camicie nere.

E Pollastri?
Quello che è certo è che durante la sua latitanza Sante fece numerose rapine realizzate allo scopo di finanziare la sua clandestinità, uccise almeno sette carabinieri, da lui confessati al processo, e che incontrò Girardengo a Parigi durante una gara. Proprio in quell’occasione Sante venne arrestato.

Chi è stato a fare la soffiata?
É ancora ignota, e probabilmente lo resterà per sempre, l'identità della spia, anche se molti sostengono che sia stato lo stesso Girardengo a tradire l'amico, col quale si era tenuto in contatto anche durante la latitanza. Comunque sia la vicenda inizia molto probabilmente qualche mese prima Pollastri si trovava nella zona di Ventimiglia, in attesa di sfruttare il momento propizio per oltrepassare la frontiera. Era la fuga pianificata da tempo. Meno di un mese prima aveva compiuto l'ennesima rapina, a Milano, in una gioielleria. Un altro spargimento di sangue: a farne le spese il titolare del negozio e due agenti di polizia. Anche il tentativo di fuga dall'Italia si risolse in una serie di omicidi a bruciapelo. In un conflitto a fuoco, Pollastri fu ferito, ma riuscì ugualmente a riparare in Francia.

Conosciamo i dettagli dell’incontro con Girardengo?
Al Velodromo d'Inverno si disputava la Sei Giorni. Si videro dietro le quinte della manifestazione in pista. Il campionissimo era impaurito, temeva di essere coinvolto in uno scandalo, la polizia cercava Sante dappertutto. Il suo massaggiatore Cavanna lo riconobbe da un fischio: si fermarono a parlare con lui, scambiando qualche battuta e gli diedero appuntamento a Novi Ligure. Ma Sante non ci arrivò mai, lo arrestarono prima. Era il 1927 e Sante venne condannato all'ergastolo di cui quattro in isolamento totale, da scontare sull'Isola di Santo Stefano. Durante la detenzione fece in modo che una rivolta contro le autorità carcerarie non si tramutasse in uno spargimento di sangue. Questo episodio gli valse la grazia, che nel 1959 gli fu concessa dal Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi. Pollastri visse gli ultimi 19 anni della sua vita come commerciante ambulante di stoffe nella sua Novi Ligure.

E Girardengo?
Si aggiudicò tre campionati d’Italia, il Giro, la Milano-Sanremo e terminata l'attività rimase nell’ambito del ciclismo sponsorizzando una marca di biciclette, facendo il commissario tecnico della nazionale e portando Gino Bartali alla vittoria del Tour de France nel 1938. Si spense nel 1978, un anno prima dell’amico Pollastri.

Come nasce la canzone?
Ripeto, parole e musica sono di Luigi Grechi. La prima versione della canzone sta in una musicassetta autoprodotta di Luigi Grechi intitolata “Azzardo”, risalente al 1990 e mai pubblicata da qualche casa discografica. La canzone divenne famosa tre anni più tardi quando il fratello la inserì in apertura dell’omonimo album registrato live a Reggio Calabria nell’agosto del 1993.

Le due versioni sono identiche?
Ci sono alcune differenze testuali minime tra l'originale di Grechi e quello poi reso famoso dal fratello... Ma la differenza più grande sta nel finale: Grechi termina con il ricordo del bandito ("Fu antica miseria od un torto subito...") mentre De Gregori chiude con l'inno al campione ("Vai Girardengo, vai grande campione!...").

Oltre ad essere il fratello meno conosciuto, chi è in realtà Luigi Grechi?
Luigi Grechi è nato a Padova il 10 agosto del 1944. Figlio di un bibliotecario e di Rita Grechi, da qui il nome d’arte, insegnante di lettere. Una carriera discografica, quella di Luigi, fatta di numerosi bei dischi a partire dagli anni 70 e qualche hit anche per lui, sebbene attraverso le incisioni di Francesco De Gregori. Una di queste hit è stata senz’altro la celeberrima ballata Il bandito e il campione, pubblicata nel disco omonimo del 1993. Luigi Grechi la scrisse, Francesco De Gregori ne fece un successo.
 









Su Youtube ci sono varie versioni...
https://www.youtube.com/watch?v=oXOZBjcECPo






Il testo
Due ragazzi del borgo cresciuti troppo in fretta
un'unica passione per la bicicletta
un incrocio di destini in una strana storia
di cui nei giorni nostri si è persa la memoria
una storia d'altri tempi, di prima del motore
quando si correva per rabbia o per amore
ma fra rabbia ed amore il distacco già cresce
e chi sarà il campione già si capisce

Vai Girardengo, vai grande campione
nessuno ti segue su quello stradone
Vai Girardengo, non si vede più Sante
è dietro a quella curva, è sempre più distante.

E dietro alla curva del tempo che vola
c'è Sante in bicicletta e in mano ha una pistola
se di notte è inseguito spara e centra ogni fanale
Sante il bandito ha una mira eccezionale
e lo sanno le banche e lo sa la questura
Sante il bandito mette proprio paura
e non servono le taglie e non basta il coraggio
Sante il bandito ha troppo vantaggio

Fu antica miseria o un torto subito
a fare del ragazzo un feroce bandito
ma al proprio destino nessuno gli sfugge
cercavi Giustizia ma trovasti la Legge

Ma un bravo poliziotto che sa fare il suo mestiere
sa che ogni uomo ha un vizio che lo farà cadere
e ti fece cadere la tua grande passione
di aspettare l'arrivo dell'amico campione
quel traguardo volante ti vide in manette
brillavano al sole come due biciclette
Sante Pollastri il tuo Giro è finito
e già si racconta che qualcuno ha tradito.

Vai Girardengo, vai grande campione
nessuno ti segue su quello stradone
Vai Girardengo, non si vede più Sante
è sempre più lontano, è sempre più distante
sempre più lontano, sempre più distante

Vai Girardengo, non si vede più Sante
Sempre più lontano, sempre più distante

















 


 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:

http://www.marcoliberti.it/article-il-bandito-e-il-campione-de-gregori-canta-la-leggenda-dell-amico-tradito-104161985.html
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=47297&lang=it
http://www.museociclismo.it/content/articoli/6933-Il-bandito-e-il-campione---la-vera-storia-di-Costante-Girardengo-e-Sante-Pollastro/index.html
https://it.wikipedia.org/wiki/Luigi_Grechi
http://www.ilsussidiario.net/News/Cinema-Televisione-e-Media/2010/10/5/LA-LEGGENDA-DEL-BANDITO-E-DEL-CAMPIONE-1-Luigi-Grechi-parla-della-sua-canzone-La-Rai-me-l-ha-chiesta-ho-detto-di-no-/117212/











IMAGE GOOGLE


1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1