HOME       CERCA NEL SITO       CONTATTI      COOKIE POLICY

1
MUSICA PASSIONE
Le AutoInterviste



29 settembre
Storia di un tradimento
(Equipe 84, 1967)
«Seduto in quel caffè io non pensavo a te
guardavo il mondo che girava intorno a me»
«Giornale radio, ieri 29 settembre».








 

 

Nel 1967 esplose "29 settembre": la storia di un tradimento senza rimorsi, un piccolo scandalo per l'epoca in cui la Caselli chiedeva "Perdono" e Gianni Morandi si metteva "In ginocchio da te"


Ciao Adamo, ti va di parlare di 29 Settembre?
La canzone risale al 1967 e incredibilmente era il lato B del 45 giri “È dall'amore che nasce l'uomo”. Più vicina al beat rispetto a "29 settembre", era stata scritta da Francesco Guccini ma venne firmata da Vandelli in quanto Guccini non era ancora iscritto alla SIAE.

Chi furono invece gli autori di 29 settembre?
La canzone fu scritta da Mogol, Battisti e Renato Angiolini. il titolo, pur essendo riportato nella copertina con il numero 29, alla SIAE risulta essere depositato scritto a lettere come Ventinove settembre. Il fatto curioso è che, il maestro Renato Angiolini, pur apparendo come coautore, il suo nome è assente sull'etichetta del disco.

Un successo vero?
Fu il primo in assoluto della premiata ditta Mogol-Battisti. Venne pubblicata a marzo di quell’anno e raggiunse immediatamente il top della classifica grazie anche al lancio radiofonico nella trasmissione di Arbore e Boncompagni Bandiera gialla. Dapprima al dodicesimo posto, la settimana successiva al secondo, infine al primo posto dove rimase ininterrottamente per quasi due mesi. Alla fine dell’anno risultò uno dei dischi più venduti con oltre 550 mila copie vendute. L'anno successivo le due canzoni vennero inserite nell'album Stereoequipe.

Ricordo di aver letto che ci furono delle particolarità durante la registrazione..
Le registrazioni vennero effettuate presso gli Studi Ricordi a cui parteciparono anche l'Orchestra Sinfonica della Scala di Milano. La Ricordi aveva appena acquistato per i propri studi di Via dei Cinquecento a Milano un registratore a otto piste. Il brano 29 settembre fu il primo in Italia ad essere registrato con queste nuove apparecchiature. Le otto piste sulle quali si sbizzarrirono Vandelli e soci consentirono una serie di sovraincisioni.

Quali furono gli aspetti te più innovativi del brano?
Sicuramente la presenza di un vero annunciatore radiofonico della Rai, Riccardo Palladini, ingaggiato per l'occasione, che annunciava un giornale radio con la data del giorno in cui era ambientata la canzone ovvero il 30 settembre e fa riferimento al giorno precedente, il 29 appunto, come un flashback. Ed in effetti lo speaker all’inizio del disco pronuncia: «Ieri, 29 settembre ...» e poi nella terza strofa: «Oggi, 30 settembre ...»

Cos’è che piacque maggiormente?
Suonò subito moderna, innanzitutto perché sovvertì le regole della melodia all'italiana, mancando di un vero ritornello e superando gli schemi della tradizionale canzone italiana e poi per la musica che riprendeva il rock psichedelico dei gruppi americani e inglesi come i Byrds e i Cream, anticipando di tre mesi persino Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band dei Beatles, considerato il capolavoro mondiale di quel genere.

E il testo?
Un testo controcorrente e scandaloso per l’epoca in cui la Caselli chiedeva Perdono e Morandi In ginocchio da te… Racconta la storia ordinaria di un uomo che seduto al tavolino di un bar approccia un’altra donna, lei gli sorride e lui ne viene travolto. Insomma è la storia di un tradimento senza rimorsi quando il protagonista si risveglia il giorno dopo da quella notte d’amore e tornando a casa telefona alla sua compagna. Un racconto fotografico caratterizzato da immagini dai contorni avvolti nella nebbia come in un sogno, scandito però dalle due date pronunciate dallo speaker di un giornale radiofonico, “Ieri 29 settembre” e “Oggi 30 settembre”, che riportano il racconto alla realtà del calendario.

L’origine?
Come ha raccontato Mogol, la data del 29 settembre era il giorno del compleanno della sua prima moglie Serenella. Quella fu la terza loro canzone scritta assieme a Battisti. I due si erano incontrati nel 1965 a Milano, Lucio, 22 anni, era salito dalla provincia di Rieti a cercar fortuna, Mogol, 29, invece era già un celebre paroliere, autore tra l’altro del testo di «Una lacrima sul viso» lanciata da Bobby Solo nel 1965. Sempre Mogol afferma 29 settembre nacque su una musica originale e la canzone alla fine risultò così bella che propose a Battisti di cantarla in prima persona, ma lui gli rispose che si considerava solo un compositore e non aveva l’ambizione di fare il cantante. Poi alla fine si convinse e firmò un contratto ad hoc con la Ricordi per poterla cantare.

Versioni?
Battisti reinterpretò questa canzone nel 1969, all'uscita del suo primo album. Nella sua versione, molto più tradizionale, la voce dello speaker è sostituita da un assolo di chitarra e l’accompagnamento è fornito esclusivamente da una dodici corde. L'Equipe 84 incise anche una versione in inglese del brano, con il testo tradotto da Tommy Scott: intitolata 29th September.

Chi erano gli Equipe 84?
Era un gruppo beat di Modena attivo tra il 1962 e il 1979. Nacque dalla fusione di due gruppi: i "Giovani Leoni" e "Paolo & i Gatti". La formazione storica era formata da: Maurizio Vandelli: voce solista, chitarra, tastiere; Victor Sogliani: voce, basso; Alfio Cantarella: batteria; Franco Ceccarelli: voce, chitarra; Patrizio Janniello: basso. Il numero 84 era la somma degli anni dei quattro componenti all’epoca delle fondazione.

Come esordirono?
Il primo 45 giri con un discreto successo per l’etichetta Vedette fu Papà e mammà (sul retro Quel che ti ho dato, cover di Tell me dei The Rolling Stones) uscito nel 1964. L’anno successivo pubblicarono addirittura 5 singoli che scalarono facilmente le hit parade.

Poi il grande passo…
Stracciarono il contratto con la Vedette e passarono alla più grande Ricordi, la quale permetteva loro di raggiungere un pubblico più vasto. Il primo disco, Io ho in mente te, fu subito un successone, si trattava della cover di You were on my mind. Altro successo dello stesso anno fu Bang bang! che aveva sul lato B una canzone dell'amico Guccini, Auschwitz. Il singolo arriva in prima posizione per cinque settimane.

Poi appunto 29 settembre…
Che nacque dall’incontro con Lucio Battisti brinda quando l'Equipe festeggia il suo settimo compleanno. 29 settembre raggiunse la prima posizione per tre settimane. Ed ancora di Mogol e Battisti fu l'altro successo dello stesso anno, Nel cuore nell'anima, incisa in una versione classicheggiante in cui la voce di Vandelli è accompagnata dell'orchestra della Scala.







Su Youtube ci sono varie versioni...
https://www.youtube.com/watch?v=vGCA-320cbM



















Il testo
Seduto in quel caffè
io non pensavo a te.
«Giornale radio, ieri 29 settembre».
Guardavo il mondo che
girava intorno a me.
Poi d'improvviso lei sorrise
e ancora prima di capire
mi trovai sottobraccio a lei
stretto come se
non ci fosse che lei.

Vedevo solo lei
e non pensavo a te.
E tutta la città
correva incontro a noi.
Il buio ci trovò vicini
un ristorante e poi
di corsa a ballar sottobraccio a lei
stretto verso casa abbracciato a lei
quasi come se non ci fosse che,
quasi come se non ci fosse che lei.

Mi son svegliato e
e sto pensando a te...
«Giornale radio, oggi 30 settembre»
Ricordo solo che,
che ieri non eri con me.
Il sole ha cancellato tutto
di colpo volo giù dal letto
e corro lì al telefono
e parlo, rido e tu,
tu non sai perché,
t'amo, t'amo e tu,
tu non sai perché...
parlo, rido e tu,
tu non sai perché...




È dall'amore che nasce l'uomo/29 settembre
Artista Equipe 84/Lucio Battisti
Tipo album Singolo
Lato A - È dall'amore che nasce l'uomo
Lato B - 29 settembre
Pubblicazione marzo 1967
Genere Beat
Etichetta Dischi Ricordi SRL 10-452
Produttore Pier Farri e Maurizio Vandelli
Formati 45 giri


 


 

 
 
 



L'INTERVISTA A CURA DI ADAMO BENCIVENGA
E' STATA REALIZZATA
 GRAZIE A:

https://it.wikipedia.org/wiki/%C3%88_dall%27amore_che_nasce_l%27uomo/29_settembre
http://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2017/09/28/news/29_settembre-176646616/
http://www.ilgiornale.it/news/quando-seduto-quel-caff-io-non-pensavo-te-954107.html
https://music.fanpage.it/il-significato-di-29-settembre-di-lucio-battisti-portata-al-successo-dall-equipe-84/


IMAGE GOOGLE


1

1

 


SEGUI LIBERAEVA SU

1 1 1

 

 

Tutte le immagini pubblicate sono di proprietà dei rispettivi autori.
Qualora l'autore ritenesse improprio l'uso, lo comunichi e l'immagine in questione verrà ritirata immediatamente.
( All images and materials are copyright protected and are the property of their respective authors.
If the author deems improper use, they will be deleted from our site upon notification.) Scrivi a liberaeva@libero.it

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.
 COOKIE POLICY


 

1

TORNA SU (TOP)

 LiberaEva Magazine Tutti i diritti Riservati  Contatti


1